Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Abbeverarsi a questa fonte

edicola editorialedi Alessandro Bottero

Una gentile chiarificazione per i nostri amici che regolarmente scassano ‘e ball.

Visto che stiamo rimettendo in moto la macchina è il caso che con molta gentilezza, bonomia e serenità d’animo si ribadisca un concetto chiarissimo, ma che per qualche oscuro motivo ancora non entra nella testa di chi critica Fumetto d’Autore: le testate giornalistiche e i giornalisti non devono rivelare le proprie fonti. Punto. Chiaro? Sono sei anni che alcuni (pochi ma rumorosi) insiste nel dire che “siccome non ci dite nome, cognome, codice fiscale e altro su chi vi da i dati di vendita o le notizie allora siete dei buffoni”. Nel corso di questo anno e qualche mese quando nella mia pagina facebook scrivevo  su dati di vendita me lo sono sentito dire più volte. Siccome non dico CHI mi da i dati allora quello che scrivo è squalificato. Come potrebbe dire un famoso curatore “Sono attendibile come Libero”. Peccato però che quando ci fu il rilancio di Dylan Dog  e Libero intervistò il famoso curatore allora Libero era attendibile (Perché uno non rilascia interviste da giornali che ritenne non attendibili, giusto? Ah, l’attendibilità a comando, che bella cosa…). Beh, il punto è che gli addetti ai lavori e le persone con un minimo di materia grigia o forse è meglio dire le persone NON PREVENUTE sanno benissimo chele fonti non si citano.

E la cosa accade di continuo nei giornali e nelle riviste. L’ultimo esempio è del 13 settembre. Su Repubblica è apparso un articolo dove si dice che hacker russi hanno bucato il sito della Wada e hanno scoperto che molti atleti USA facevano uso di sostanze illecite. Ne riportiamo uno stralcio che forse può interessare ai minus habens che ancora si ostinano a non voler capire cosa diciamo_
«“Se l'autenticità delle carte fosse confermata - spiega a Repubblica una fonte autorevole - non ci sarebbe alcun illecito. Certo risulta comunque quantomeno singolare che una atleta di quel livello abbia gareggiato alle olimpiadi sotto gli effetti di una terapia che di solito si prescrive ai narcolettici ".
Dalle carte hackerate sarebbe risultata positiva alle anfetamine Elena Delle Donne, star del basket americano. Gli hacker russi che hanno firmato il blitz nei database della Wada sono gli stessi che hanno rivelato le mail di Hillary Clinton e che alcuni mesi fa ebbero accesso sempre al database dell'agenzia antidoping mondiale. Fonti di Repubblica confermano l'autenticità di una buona parte dei documenti.»

Ora a me pare che Repubblica, ossia il primo o secondo giornale per diffusione in Italia – e amato da tutti perché parla sempre male di Berlusconi quindi non è certo Libero, e quindi (per la seconda volta) è attendibile -  non dica NOME E CONGOME delle fonti da lei consultate, ma dica “Fonti autorevoli”. E i lettori non scrivono nei commenti “Buffoni!!!! Ci dovete dire i nomi delle fonti”.

Allora mi spiegate una volta per tutte, perché dovrei dare retta a una decina di dementi che fanno ammuina sui social chiedendo che io riveli le mie fonti,  e addirittura dovrei dar loro ragione e dire “Avete ragione. Sono un buffone e non dovete prendermi sul serio”. Quando me lo spiegherete allora poi scrivete anche a Repubblica e ditegli che devono rivelare la loro fonte autorevole sul caso Wada.

Ps. Ecco la FONTE dell’articolo

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:499 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11605 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:703 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1084 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1235 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1433 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto