Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. Il diritto all'anonimato.

anondi Alessandro Bottero.

Oggi voglio parlare di una cosa  minima, insignificante direi, se non fosse che nella sua  insignificanza mi permette di esprimere qualche concetto  che è sempre meglio ribadire, oltre che a bacchettare qualche autoproclamatosi giustiziere dei social.

Dovete sapere infatti che il mondo dei social non è quella serena e bella occasione di crescita personale e sociale che si sperava. È un mondo dove le parti peggiori della personalità si scatenano e dove diventa  vero il detto “alla tastiera leoni, dal vivo coglioni”.

Ma questa è una mia opinione del tutto personale. Veniamo al tema di oggi: il diritto all’anonimato. L’anno scorso  Dave Eggers ha pubblicato un romanzo, IL CERCHIO, dove ha ipotizzato una società dove  tutti devono sempre sapere tutto di tutti. Una società della trasparenza, dove le persone non possono nascondersi. Il tutto  si raggiunge attraverso l’uso dei social per  mettere in condivisione tutto quello che si fa o si dice. E chi non lo fa o cerca di ritagliare uno spazio privato commette il crimine più immondo in questa nuova società: non  è TRASPARENTE.

Ricordate il caso di Elena Ferrante? Scrittrice, libri belli, che  (e qui è la sua colpa) VENDEVANO ed erano POPOLARI, eppure nessuno sapeva chi fosse. Elena Ferrante si sottraeva al DOVERE/OBBLIGO di essere trasparente e non andava in TV, non aveva una pagina facebook, non twittava. Insomma Elena Ferrante dimostrava coi fatti che è POSSIBILE anche nel 2017 essere autori seri e validi senza stare a perdere tempo a masturbarsi su twitter o su facebook. E la cosa non poteva essere accettata.

Bisognava  scoprire chi fosse la VERA Elena Ferrante per OBBLIGARLA ad entrare nel gioco della trasparenza. Elena Ferrante doveva smettere di credersi migliore di tutti gli alti, e doveva  essere rieducata. Doveva  imparare che oggi se non sei su facebook, se non sei su Twitter, se non ti dai in pasto col nome e col cognome, con la tua vita ai lettori e ai media, sei una/o stronzo snob che si crede migliore.

E così dopo anni di indagini ossessive si è scoperto chi fosse Elena Ferrante.  Addirittura l’ossessione di capire chi fosse è arrivata al punto di esaminare i modelli delle dichiarazioni dei redditi di coloro che POTEVANO essere Elena Ferrante per capire chi avesse dichiarato guadagni  spiegabili solo con le vendite dei libri.

In pratica un immenso, gigantesco “MI FACCIO I CAZZACCI TUOI”.

È giusto? No. assolutamente no. Non è giusto andare a frugare nelle dichiarazioni dei redditi per capire chi sia una persona che VUOLE restare anonima. Non è giusto. Ma quando è successo tutti hanno detto “Ah, ah , ah! Adesso hai finito di fare la stronza snob. Ora sappiamo chi sei e se ci va ti bersagliamo quando e come ci pare!”.

Perché è questo il punto. La TRASPARENZA, il reclamare il diritto a sapere CHI sia l’autore di questa o quella opera non ha alcuna motivazione se non quella di sapere dove COLPIRE quando e come ci va di colpire.

Facciamo un passo ulteriore.

Il lettore/Fruitore di un’opera ha moltissimi diritti, moltissimi e molto importanti.

Ha il diritto di volere un’opera valida, a fronte del suo tempo e dei suoi soldi.

Ha il diritto di NON dare il suo tempo e i suoi soldi a un’opera che non ritiene valida, senza per questo doversi giustificare.

Ha il diritto di trovare piacere in una qualsiasi opera, a prescindere da cosa dica la critica.

Però ci sono anche alcune cose su cui il lettore/fruitore NON ha diritto, perché non è vero che il cliente ha sempre ragione.

Il cliente ha ragione quando ha ragione. Quando ha torto, ha torto.

E quindi non è vero che il lettore ha sempre ragione. Il lettore ha ragione quando ha ragione. MA se dice cazzate, è giusto che gli si dica “Piantala di dire cazzate”.

Il lettore non ha diritto di sapere il nome di un autore, se l’autore NON vuole rivelarlo

Il lettore non ha diritto di rompere il cazzo agli autori, frugando nella spazzatura,  nelle dichiarazioni dei redditi, o altrove solo per smascherare un autore che voglia restare anonimo.

Il lettore non ha diritto di PRETENDERE che l’autore dica il suo nome, solo perché  così il lettore può scrivere ai datori di lavoro, all’ordine professionale, o ad altri per   dire “La persona  che dipende da voi è uno stronzo, e dovreste  licenziarlo”.

In sintesi: il lettore non ha alcun diritto di rompere i coglioni all’autore solo perché l’autore scrive cose che gli danno fastidio.

Il lettore ha il diritto di IGNORARE l’autore che scrive cose che gli diano fastidio, ma non di  voler OSSESSIVAMENTE svelare l’identità di un autore che vuole restare anonimo, solo perché così  può esporlo alla berlina mediatica dei social.

Bansky è un autore di Street Art che NON vuole essere conosciuto. Non lo vuole. Semplice. E ha tutti i diritti di volerlo. E chi rovista e indaga  e  si sbatte per scoprirne l’identità sbaglia. Bansky vuole essere anonimo?  Cazzi suoi.

Il gestore/curatore del sito dedicato al Corriere dei Piccoli/Corriere dei Ragazzi/Giornalino si firma Corrierino. Non usa il suo nome. E non si firma mai.

Perché la cosa dovrebbe darmi fastidio? Perché dovrei essere ossessionato dal voler sapere quale sia il nome dietro il nickname Corrierino?

E allora... detto tutto questo... mi spiegate cosa cazzo ve ne frega di sapere chi ci sia dietro il nome Comix Archive?

Le persone che lo vogliono sapere lo vogliono sapere per un solo motivo: per poter mandare segnalazioni o trovare il modo di metterlo in difficoltà nella sua vita reale.  Ossia non è una semplice curiosità, ma è una chiara voglia di rompergli il cazzo, visto che non gli si può impedire di parlare.  E quindi  ecco i discorsi sulla trasparenza, sulla necessità di metterci la faccia e così via.

Tutte ipocrisie. Ma si sa, il mondo dei social è il trionfo dell’ipocrisia. Perché dovrei stupirmene?

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:259 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:354 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:836 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1216 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:1491 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:12717 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:1506 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto