Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Una questione di memoria storica: Jack Kirby sceneggiatore terribile?

editoriale young romancedi Alessandro Bottero

È di questi ultimi giorni una polemichetta tutta estiva. Jack Kirby era un bravo sceneggiatore? Jack Kirby era un bravo SOGGETTISTA? Jack Kirby scriveva dialoghi da fare schifo?

Ora, il punto non è se uno dice che tizio o caio sono pessimi sceneggiatori. Apprezzo la sicurezza delle proprie opinioni, anche perché come dice il sommo Clint “Le Opinioni sono come le palle. Ognuno ne ha almeno due”. No. Il punto non è questo. La cosa che mi fa sorridere con tristezza quando leggo queste cose è che per il popolo di internet Jack Kirby è SOLO quello dal 1961 in poi. Ossia per i lettori che straparlano su Internet e sui forum (Comicus in particolare) il Jack Kirby PRIMA dei Fantastici Quattro non esiste, e pare che Jack Kirby abbia fatto solo Fantastici Quattro, Thor, Capitan America, e poi la saga del Quarto Mondo. Nient’altro. Bene signori, Jack Kirby lavorava a tempo pieno dal 1938 in poi e nei 25 anni prima dei Fantastici Quattro aveva fatto di tutto. Super eroi, western, fantascienza, umoristico, crime, e nel 1948 aveva inventato da solo il genere romance, vendendo milioni di copie con Young Romance della Prize.

Aveva cercato di fondare una sua casa editrice , la Headline, anni prima che il concetto di autoproduzione fosse anche solo pensato, e aveva scritto centinaia di storie. Quando Jack Kirby collabora con Stan Lee tra i due quello famoso, rispettato, quello che gli altri professionisti del settore guardavano con ammirazione era Kirby. Lee era il cognato di Goodman, che scriveva storie per la Timely passabili, ma nulla di più. C’erano decine di sceneggiatori più capaci di Lee. E quando sento che i dialoghi di Kirby per il Quarto Mondo sono pesanti, pomposi, retorici rido. E allora quelli che Lee scriveva per Silver Surfer o Thor che sono? Diciamoci la verità. La memoria storica del fan che scrive su Internet relativamente al mondo del fumetto è pari a quella di una effimera. Si e no ricorda cosa è successo l’altro ieri. La storia del fumetto americano inizia con Stan Lee e prima non esisteva nulla.

Certo, se si esamina l’opera di Kirby secondo i canoni delle scuole del fumetto Kirby non sapeva disegnare (anatomie esagerate per cui oggi lo boccerebbero agli esami) e non usa le tecniche della narrazione postmoderna. Ma era un narratore. Kirby sapeva narrare, e questo basta e avanza. Il problema di Kirby era che doveva lavorare per vivere e quando fallì il suo tentativo di diventare autonomo e gestire in prima persona il suo lavoro, dovette tornare a Canossa e piegarsi ai diktat dell’industria del fumetto. Possiamo dire che era un pessimo sceneggiatore. Ma per piacere, cerchiamo di imparare la storia prima di riscriverla.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:453 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2291 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2415 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1478 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2428 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1663 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2041 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto