Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Editoriale - Il ritorno della Critica?

criticaDi Alessandro Bottero. Mentre sui social si battibecca e ci si accapiglia - spesso senza nemmeno sapere perché o su COSA si discuta – altre cose accadono nel mondo del fumetto che passano ignorate. Già dicevamo della decisione del gruppo Espresso-Repubblica di bloccare la realizzazione di collaterali a fumetti per le testate del gruppo, cosa di per sé molto seria e grave per il mercato. Le reazioni a questa notizia sono state diciamo ….nulle? Fa più fico litigare su chi parli male di chi , che non riflettere sulla crisi di vendite del fumetto. I dati di vendita dei Dylan Dog scritti da Sclavi mostrano un NON incremento delle vendite, anzi, il trend di declino di Dylan Dog prosegue. Il trentennale poco è servito per invertire la tendenza e ho idea che i prossimi report sulle royalties faranno arrabbiare di nuovo autori storici del personaggio. A questo punto cosa ci si inventerà? Le celebrazioni per il TRENTUNESIMO anniversario?

Ma anche queste sono quisquilie, pinzillacchere come direbbe Totò, che sapeva tutto della vita.

La cosa davvero interessante è un’altra. Si tratta del ritorno degli apparati critici negli albi pubblicati in edicola. Non so se ricordate una ventina di anni fa la feroce polemica che prese il nome di Note Lobotomizzate. In pratica si decise che la nuova generazione di lettori di albi a fumetti (Panini, Play Press, e altri) si era fondamentalmente rotta i coglioni di note precise e puntuali che chiarissero rimandi e elementi di continuity all’interno delle storie. La tesi era che ai lettori giovani parlare di storie vecchie (o meglio “antiche”) non interessava. Li annoiava, li allontanava dal fumetto, perché gli faceva sentire di essere distanti dal personaggio. Quindi basta con i rimandi, basta con gli approfondimenti, basta con i testi e vai con notizie e annunci di film, gadget e novità epocali. Le cosiddette Note Lobotomizzate. Chiunque parlasse della necessità di un impianto critico a presentazione delle storie pubblicate era ritenuto un barboso rompipalle, che non era in sintonia con i ggggggiovani lettori.

Poi che è successo? I lettori (quelli che sono rimasti) sono cresciuti, sono diventati adulti e si è capito che dare informazioni non annoia, ma è un valore aggiunto. È un elemento tipico delle edizioni italiane e invece che negarlo andrebbe rivalutato e potenziato. Ecco che piano piano, prima con l’edizione di Blake e Mortimer e ora con quella di Thorgal e la nuovissima collana di Tin Tin, accanto alla singola storia è presente un corposo dossier informativo storico-critico che aggiunge ricchezza al prodotto.

Blake e Mortimer, Thorgal e Tin Tin (qui parlo dell’apparato critico nei volumi) sono (o sono state) tre delle migliori collane di allegati editoriali mai usciti in edicola. Conosco l’obiezione “Si tratta di storie lette e rilette e conosciute fino alla noia”, ma il punto non è questo. Il punto è che pensando a una NUOVA edizione si è ritenuto indispensabile affiancare alla storia dossier critici. Altro che Note Lobotomizzate.

Che è successo? Il pubblico è cresciuto.

Chi vent’anni fa aveva 15 anni ora ne ha 35/40 e ha il diritto – e il piacere – di essere informato. Leggere un fumetto è di per sé un’esperienza valida ed esteticamente gradevole, ma se a questa esperienza si aggiunge anche il piacere della conoscenza e dell’accrescimento di informazioni per cui alla fine della lettura del volume X conosco più cose di quante ne conoscessi all’inizio della lettura allora si raggiunge un obiettivo importante.

La critica è tornata. A quando si capirà che deve tornare anche per i fumetti di super eroi?

Certo, il problema a questo punto è un altro. La critica è importante, ma dove sono i critici? Vent’anni di ridicolizzazione della critica ha fatto sì che una nuova generazione di critici non sia nata. Al massimo abbiamo blogger o youtuber che esprimono opinioni, legittime certo, ma solo opinioni emozionali.

Il critico non è quello che dice “Lost Girl di Alan Moore è bello” e trova in Lost Girl eventuali riferimenti alle altre opere di Alan Moore Il critico è quello che trova in Lost Girl riferimenti a tutto quello che Alan Moore ha colto AL DI FUORI del fumetti. Il critico è colui che coglie e decifra i riferimenti culturali, storici, letterari, EXTRA fumetto in un fumetto e li rende visibili e comprensibili al lettore ingenuo.

Il vero critico non è quello che mette in relazione Neonomicon e Providence. Il vero critico è colui che coglie i riferimenti a Lovecraft a tutta la letteratura horror e psico-magica extrafumettistica su cui Moore ha basato la sua storia.

Ma forse chiedo troppo. In fondo sono solo un barbogio rompicoglioni.

 

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:688 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1226 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:902 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1075 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1061 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:573 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3915 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto