Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. Facciamo i conti in tasca a Mex

mexDi Alessandro Bottero. Immaginiamo un fumetto dedicato a un Vaquero messicano. Questo fumetto si chiama Mex e il protagonista ha una camicia arancione e due baffoni. Ha un figlio, un amico più anziano e un amico indios (messicano, ovviamente).

Mex nell’Italia di questo universo che stiamo immaginando, in questa favola che sto raccontando per passare il tempo senza alcuna pretesa di rapporto col reale, vende ogni mese circa 170.000 copie con la collana degli inediti e costa 3.50 euri. Viene pubblicato da decine di anni ed è un monumento nazionale. È il fumetto più venduto della sua casa editrice.

Nell’universo di fantasia in cui è pubblicato Mex se un sito fa i conti in tasca a MEX la casa editrice non si incazza, per cui ecco qui un sito immaginario di quell’universo immaginario fa dei conti immaginari. Chiamiamolo Fumetto D’Amore.

Fumetto d’Amore dice “Vediamo quanto costa Mex rispettivamente per REALIZZAZIONE, STAMPA e ROYALTIES che la casa editrice deve dare agli aventi diritti , ovviamente dopo aver stabilito quanto effettivamente ricava la casa editrice da ogni singola copia di Mex venduta, ossia togliendo dal prezzo al pubblico quello che resta al distributore nelle edicole.

In questo universo fittizio se Mex costa 3.50 euri all’editore tornano circa 2.50 a copia. In tasca all’editore quindi da Mex inedito entrano 425.000 euri al mese. Il distributore si ciuccia 170.000 euro al mese circa dall’inedito di Mex. Poverino, vero?

Ma quanto potrebbe costare fare un albo a fumetti di 112 pagine di Mex? Ipotizziamo che Mex sia il fumetto con le tariffe più alte nella casa editrice di questo universo immaginario, quello dove disegnano gli autori più famosi. Immaginiamo quindi che tra sceneggiatura e disegni ogni pagina di Mex costi circa 400 euri di media. Questo ci porta a dire che un albo di Mex più o meno può costare (potrebbe costare) 45.000 euro al mese. E quindi dobbiamo togliere 45.000 da 425.000, Ma andiamo oltre.

Per vendere 170.000 copie è probabile che Mex sia stampato in 250.000 copie, o meglio NON MENO di 250.000 quindi immaginando che nell’universo fittizio dove Mex viene pubblicato le tipografie prendano circa 22 centesimi di euro a copia potremmo dire che per stampare un numero di Mex inedito la casa editrice spende circa 55.000 euri.

E già così siamo arrivati a 100.000 euri di spesa (45.000 + 55.000). Ma dobbiamo ancora definire le royalties.

Quanto potrebbero essere le royalties che la casa editrice per contratto deve dare agli aventi diritto sulle vendite di Mex? Sempre immaginando e ipotizzando e muovendoci all’interno di questa favola potremmo dire che il 15% sul venduto forse è un ragionamento corretto (più o meno). Quindi dobbiamo togliere il 15% da 425.000, e precisamente 63750 che possiamo arrotondare a 65,000 per praticità.

Ora da 425.000 togliamo 165.000 ossia il combinato delle tre voci fin qui definite. Abbiamo un residuo di 260.000. abbiamo finito? Possiamo dire che Mex ogni mese rende un utile netto e pulito alla casa editrice di 260.000 euri?

No. Perché a questo punto entrano in gioco le SPESE GENERALI della casa editrice, ossia stipendi, affitti, tasse e quant’altro.

Ipotizziamo che la casa editrice che pubblica Mex (e non solo, ovvio.- Potremmo immaginare che questa casa editrice di un universo immaginario pubblichi altri fumetti dal titolo Baez Cat, Endrew Ever, Julius, Olonese Found, WhiteWyrm, SenzaFamiglia e altre serie che non sto qui ad elencare) abbia dei dipendenti, ossia persone che ogni mese – e magari in base ai contratti anche tredicesima, quattordicesima, quindicesima e in alcuni casi anche la SEDICESIMA - prendono uno stipendio che va pagato a prescindere se Mex o SenzaFamiglia vendano tanto o poco. Gli stipendi vanno pagati. E diciamoci che magari nella casa editrice ci sono persone - poche, ma potrebbero esserci – con stipendi sopra i 10.000 euro al mese. Magari anche a 15.000 euro al mese. Già solo 4 persone farebbero 60.000 euro di stipendi mensili. Sei persona, magari sei dirigenti, fanno 90.000 euri al mese. E magari ipotizziamo che questa casa editrice abbia non uno o due dipendenti. Ne abbia qualche decina. Magari 40 o 50. Dipendenti fissi. Persone con contratto. Ed ecco che i 260.000 euri rimasti dagli incassi di Mex, la serie che vende di più e che in teoria in questo universo immaginario dovrebbe reggere tutta la casa editrice con i suoi ricavi, in realtà non bastano affatto a pagare le spese generali – che ripeto qui sto solo immaginando, inventando, ipotizzando.

Allora se in questa favola del tutto inventata non è vero che le vendite di Mex bastino a tenere in piedi la casa editrice e a ripianare le perdite di altre serie che vendono molto molto molto molto meno di 170.000 copie al mese, su cosa si regge la casa editrice?

Ah, saperlo…..

E soprattutto…. Quanto regge?

Disclaimer 1: Questo articolo è un’opera id pura fantasia. Qualsiasi riferimento a fatti, persone, eventi o fumetti reali è del tutto casuale e involontario

Disclaimer 2: Nessun cucciolo di Foca è stato maltrattato per realizzare questo articolo.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:691 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1226 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:903 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1075 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1062 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:573 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3915 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto