Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. George Romero

romeroDi Alessandro Bottero

Dopo Alan Altieri un altro grande narratore ci ha lasciati. Dico narratore e non regista perché George Romero era un narratore per immagini, uno che sapeva raccontare una storia. Romero è morto il 16 luglio di questo 2017, ultimo grande  regista horror a svanire tra le quinte. L’horror è un genere molto  particolare. È delicato.  Basta un nulla per  tramutarlo in farsa o schifezza. È complesso . Non basta  il sangue o la violenza. Volendo essere  squisitamente tecnici  il gore o lo splatter non sono horror, sono altre cose. E film o narrazioni di ultraviolenza non sono horror. Sono altre cose.  L’Horror è un qualcosa di al tempo stesso preciso e indefinito. Quando  si ha di fronte il vero horror  lo si riconosce senza sbagliare. È un qualcosa di autoevidente. Lo vedi e lo riconosci per quel che è in se stesso. Se vogliamo l’horror è un genere che non deriva da altri generi, non è un sotto genere di questo o quello. È un genere archetipo, e in quanto tale tocca le corde del nostro inconscio. L’horror  è impalpabile e  spesso agisce più per  evocazione, per allusione, per  suggerimento più che per  evidenza  sguaiata.

Quando Romero debuttò nel 1968  con il suo primo  film LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI usò proprio questi elementi – allusione, evocazione, suggerimento – per dare vita a un filone che ancora oggi a 49 anni di distanza  è vivo e vegeto, ossia lo Zombie Movie.

Il primo film di Romero codifica il nuovo modo di vedere i non morti, oltrepassando i limiti delle mummie egizie riportate in vita da incanti o amuleti, per far deflagrare nell’immaginario collettivo  una serie di elementi  che da quel momento in poi non  si cancelleranno più.

Con quel primo film Romero  infatti  definì le coordinate di tutte le opere narrative (letterarie, cinematografiche, a fumetti, televisive) che utilizzano zombie.

Prima cosa: non esiste una spiegazione scientifica  (come nel caso di Frankenstein) o magica (la Mummia) del perché gli Zombi  esistano.  Nel primo film   vi sono vaghi accenni a un possibile virus spaziale, ma sono solo  elementi pseudoscientifici inseriti per  rassicurare produttori e  spettatori. In realtà nel nuovo universo zombie  creato da Romero e in cui noi tutti viviamo da quasi 50 anni  non esiste spiegazione per gli Zombie. Gli Zombie esistono, punto e basta. Basti pensare che né Walking Dead, né Crossed (le due ultime  esplorazioni sul tema) hanno mai  dato una “spiegazione” agli Zombie. L’esistenza della cosa è spiegazione in se stessa.

Seconda cosa: gli Zombie sono un elemento che quando appare lo fa su scala globale. Non è più un horror circoscritto alla Casa stregata, o al Laboratorio. Gli Zombi da Romero in poi sono sempre un’INVASIONE zombie.

Terza cosa legata alla precedente: col loro essere un’invasione gli Zombie  cambiano  irreversibilmente e profondamente il mondo. Nell’universo Zombie  di Romero   esiste un prima Zombie e un dopo Zombie, e  anche se l’uomo sopravvive  e sconfigge la minaccia degli Zombie  la società ormai è cambiata in modo irreversibile.

Ovviamente questi elementi non sono tutti presenti in modo esplicito nel primo film di Romero. Erano presenti in modo  chiaro ma  seminale, e poi si sono sviluppati e codificati lentamente nel corso di questi anni, e soprattutto negli altri film che il regista dedicò a questo tema.

Però si può dire benissimo che se oggi vediamo The Walking Dead alla TV è perché Romero realizzò il suo film, e se leggiamo il fumetto The Walking Dead è perché  Romero  nel 1968 realizzò  il suo film.

E la cosa interessante è che Romero nel suo film di 49 anni fa fu molto più intelligente,   duro,  e critico verso la società  di quasi tutti i suoi  epigoni. Quando nella sequenza finale il sopravvissuto negro  mostra la testa  e lo vediamo inquadrato nel mirino del fucile di un poliziotto che gli spara credendolo  uno dei cattivi solo perché negro, Romero  con una sola sequenza dice tutto sul razzismo  che  nel 1968 era ancora  presente negli Stati Uniti (e lo è ancora oggi) . Per la polizia infatti  gli Zombie sono un pericolo inventato, mentre un negro con un fucile  è una minaccia all’ordine costituito da eliminare subito, e magari fare domande dopo.

Romero ci ha lasciati. A volte ha fatto film discutibili, a volte ha girato pellicole  per chiari motivi economici. Ma pochi autori come lui possono vantare di aver  reinventato da cima a fondo un genere, facendo sì che per cinquant’anni  tutti coloro che si sono accostati al genere da lui  reinventato seguissero le sue impronte.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:709 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1243 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:917 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1088 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1072 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:584 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3924 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto