Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. La Teoria della Coda Lunga. Sarò scemo, ma a me pare una fesseria

codalungaDi Alessandro Bottero 

Nel 2004 un certo Chris Anderson  scrive un articolo su Wired e vince alla lotteria. Anderson riflettendo sul magico e fantavoloso mondo digitale dove la carta sarebbe scomparsa e solo gli ebook avrebbero dominato  incontrastati (ricordo che nel 2004  questa bislacca teoria ancora era il DOGMA di fede degli editori e dei consulenti editoriali più fichissimi che c’erano)  disse una cosa  in teoria lapalissiana. Se metti assieme MILLE libri che vendono 100 copie ciascuna (1000 x 100 = 100.000)  questi producono più copie vendute di 5 libri che vendono  10.000 copie cadauno (10.000 x 5 = 50.000). I 5 libri da 10.000 copie sono bestseller, e i 1000 da 100 copie delle merdine. Però le merdine messe tutte assieme fanno la CODA LUNGA del mercato, ossia la parte maggiore in quanto copie vendute.

Ora, perché  ne parlo adesso? Perché nel corso di Romics un dialogo con una persona mi ha svelato che  i grandi gruppi editoriali come la Bonelli o la Panini  usano questo principio della CODA LUNGA, per  giustificare il fatto che si tengono in vita anche testate  che vendono poco. Perché “Tante testate che vendono poco,  fanno numeri maggiori di quelle poche che vendono tanto”.

Ok. questo è vero, ovvio. Se prendiamo  Dampyr, Mercurio Loi,  Martin Mystere, Morgan Lost, Le Storie, Nathan Never, Julia, Dragonero, Orfani,  messe tutte assieme sicuramente vendono PIU’ di Tex. Questo lo capisce anche un bambino. 

La cosa che non  capisco è questa: la teoria della Coda lunga si basa sui media DIGITALI, ossia quelli in cui non esistono costi di MAGAZZINO e di LOGISTICA.

Tu mi dirai “E no, caro Bottero.  Amazon è un modello  perfetto di CODA LUNGA.  Amazon ricava  di più vendendo poche copie di mille libri fisici che molte copie di pochi libri  fisici.”  E grazie al BEEEEP, ciccio. Amazon non ha REALIZZATO lei i libri. I costi di realizzazione dei libri sono degli editori. E se Amazon vende TRE copie del libro X dell’editore Y  all’editore Y  sempre e solo i soldi di tre copie vanno.

All’editore della coda lunga di Amazon non gliene frega niente.

All’editore che Amazon venda tre copie di 10.000 libri di 10.000 editori e quindi incassi tanto non importa. La coda lunga va bene a Amazon, ma perché Amazon  è un DISTRIBUTORE non un editore.

Oltretutto potremmo  anche dire che Amazon   incassa e guadagna perché paga i dipendenti paghe da fame e quindi che è facile dire ”La Coda Lunga mi fa guadagnare un fottio”, quando do un pugno di riso ai dipendenti. Se dovessi pagare  uno stipendio  SERIO allora forse   tanti risultati mirabolanti   svanirebbero

Quindi Amazon come esempio di Coda Lunga va bene sì e no per la DISTRIBUZIONE, non certo per l’editoria.

Torniamo all’esempio di prima: Dampyr, Mercurio Loi,  Martin Mystere, Morgan Lost, Le Storie, Nathan Never, Julia, Dragonero, Orfani,  numericamente vendono più copie di Tex, ok. Ma mentre per vendere le copie di Tex è necessario solo realizzare UNA storia di Tex, per vendere Dampyr, Mercurio Loi,  Martin Mystere, Morgan Lost, Le Storie, Nathan Never, Julia, Dragonero, Orfani, e fare un numero maggiore delle copie di Tex è necessario  realizzare Dampyr, Mercurio Loi,  Martin Mystere, Morgan Lost, Le Storie, Nathan Never, Julia, Dragonero, Orfani PAGANDO gli autori, PAGANDO la carta, PAGANDO i tipigrafi, ossia  sono necessari NOVE pagamenti, per arrivare a UNA cifra che come TOTALE è superiore a quella di Tex.

Siccome ogni prodotto ha un costo   la coda lunga va bene, ma ANCHE nel caso di coda lunga la vendita, per quanto piccola, non può mai essere in passivo. Ossia non basta “vendere poco di tanti prodotti”. Devi “vendere poco, ma SENZA ANDARE IN PERDITA, di tanti prodotti” e allora ha senso. Ma questo si sapeva anche da prima del 2004. Non era necessario scriverlo su Wired.

Se la teoria della Coda lunga significa “è meglio poco di tanti prodotti, purché in attivo, che vendere tantissimo ma di un solo prodotto” non mi sembra questa rivoluzione copernicana. È una cosa che chiunque sa.

Se spendi più di quello che incassi sei in perdita.  È molto semplice. E se per pareggiare i costi    devi vendere almeno 200 copie a libro, avere 1.000 libri che ne vendono 100 non significa essere dei geni perché applichi la CODA LUNGA. Significa avere 1.000 titoli in perdita. Pur con 100.000 copie vendute. Perché ogni singolo libro è in perdita. 

Allora, vi prego davvero. Sarò cretino, sarò preistorico, sarò arcaico, ma vi supplico, perché la CODA LUNGA dovrebbe essere il modello innovativo del mercato futuro? 

Forse (e dico forse)  può andare bene per gli ebook, dove non c’è a stampa, non c’è il magazzino, e dove non paghi un cazzo gli autori.  Forse va bene per Amazon, perché Amazon fa la grandiosa, ma è solo un distributore, e siamo tutti bravi a farci belli se i soldi li caccia qualcun altro ( e noi non paghiamo i dipendenti e eludiamo il fisco).