Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Presentato Nero Napoletano

nero_napoletano[30/04/2010] » Punzo della Scuola Italiana Comix e il sociologo Sergio brancato hanno presentato la mostra e il catalogo con 50 autori napoletani


Nero Napoletano, la serie collettiva a fumetti che ha messo insieme 50 autori per 50 fumetti, curata dalla Scuola Italiana di Comix di Napoli guidata da Mario Punzo per il Comicon di Napoli è stata presentata alle 19 nella sala Multimediale durante il Comicon con la presenza di Mario Punzo, direttore di Comix e dal sociologo e scrittore Sergio Brancato. L’idea di partenza è stata quella di raccontare una storia attraverso il coinvolgimento di 50 disegnatori di comics napoletani o legati a Napoli, buona parte dei quali presenti alla presentazione, tra cui i fratelli Cestaro (Tex) e Enzo Troiano (Harcadya). Il racconto è dunque un’opera collettiva che seleziona lo sguardo – cinico o critico, divertito o amaro – di decine di narratori grafici, tenuti insieme da un fil rouge, una trama “tessuta” da alcuni scrittori e sceneggiatori.

“Il progetto – ha dichiarato Punzo - è nato dall’idea di raccogliere in un unico contenitore tutti i disegnatori professionisti di Napoli e della Campania, con una mostra e un catalogo. Napoli e la Campania si sono arricchite, negli ultimi anni, di un gran numero di professionisti; grazie – in primis – al nucleo storico della famosa Scuola Salernitana, ma anche alla presenza della Scuola Italiana di Comix e del Comicon, realtà ormai stabili sul territorio, che hanno avuto la capacità di far circolare la cultura del fumetto e anche di creare contatti professionali”.

Ispirandosi alla cronaca e all’esperienza diretta del territorio napoletano, gli scrittori ed i disegnatori hanno raccontato brevi frammenti di storie crude, quotidiane, “nere”: il reportage grafico di una Napoli vista attraverso sguardi che di solito non hanno voce. Gli attori di questa commedia sono magistrati e poliziotti, scafisti e ambulanti, piccoli spacciatori e grandi avvocati, galeotti e assassini, speaker radiofonici e prostitute, giornalisti e vittime: un insieme variegato di personaggi presi dalla propria quotidianità ma ognuno coinvolto negli eventi di una singola giornata, 12 ore in tutto, un giorno solo apparentemente come gli altri, in cui la guerra tra gruppi criminali devasta la città in un clima da frontiera civile.
Ogni storia ha una tonalità di genere, un mood emotivo adeguato allo stile del disegnatore. Ogni disegnatore realizzerà 2 tavole come personale contributo al progetto.

“Credo che la città – ha continuato Mario Punzo - non abbia mai avuto tanti disegnatori di fumetto in attività. Se non ricordo male, per esempio, “ai tempi miei” l’unico disegnatore professionista in città era il grande Attilio Micheluzzi. Posso pensare dunque che la presenza della Comix e del Comicon abbiano avuto e continuino ad avere un significato. credo che la città non abbia mai avuto tanti disegnatori di fumetto in attività. Se non ricordo male, per esempio, “ai tempi miei” l’unico disegnatore professionista in città era il grande Attilio Micheluzzi. Posso pensare dunque che la presenza della Comix e del Comicon abbiano avuto e continuino ad avere un significato”.

La collettiva è  in mostra a Villa Pignatelli e un album è uscito con il quotidiano il Corriere del Mezzogiorno il 30 aprile.

Magazine

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3521 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3365 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:12949 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:14911 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:14974 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:14550 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:14738 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto