Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Crumb il fumettista ribelle mette a nudo il suo cuore

crumb autoritrattodi Giuseppe Pollicelli*

Ci sono artisti il cui segno è così incisivo, così nuovo, così compiuto e coerente da fissarsi anche nella mente dell’osservatore occasionale. Il quale, con ogni probabilità, non saprà mai a chi quel segno appartenga, ma grazie a quel segno avrà ottenuto un arricchimento, per quanto inconsapevole, del proprio immaginario. Per esempio, quante persone nel mondo sanno che le colorate e stilizzatissime silhouette umane da cui si irraggiano dei neri trattini indicanti sorpresa, energia e movimento (riprese e rielaborate chissà quante volte e in chissà quanti modi dalla pubblicità, dal design, dalla street art) sono un parto di Keith Haring, uno dei maggiori esponenti del graffitismo e della pittura pop novecenteschi? Certo molto poche, in termini assoluti. Ma quelle silhouette sono patrimonio anche di chi ne ignora l’origine.

Un caso simile è quello del fumettista Robert Crumb, nato a Philadelphia nel 1943 e attivo già dalla prima metà degli anni Sessanta. Quando, nelle fasi aurorali della contestazione giovanile, i comics iniziarono a essere percepiti come un mezzo d’espressione innovativo e non accademico, come un linguaggio intrinsecamente trasgressivo poiché negletto dalla cultura istituzionale, sorse in America il cosiddetto “fumetto underground”. Se questo disordinato e caotico movimento ha saputo lasciare un segno non superficiale nella storia dell’arte del secolo scorso, il merito è in massima parte proprio di Crumb e del suo squinternato mondo fatto di animali antropomorfi dediti alle droghe e al sesso (Fritz the Cat), di santoni dalla condotta ambigua (Mr Natural), di freaks senza né arte né parte, di suonatori jazz e di ragazzone dai polpacci vigorosi che indossano una specie di uniforme a base di gonnellini, calzettoni e scarpe da collegio (autentica fissazione erotica di Crumb). Nelle migliaia di tavole a fumetti prodotte in quasi cinquant’anni di carriera, Crumb ha riversato le sue ossessioni, le sue angosce, i suoi deliri e la sua movimentata biografia (divenuta, nel 1994, il soggetto di un documentario di Terry Zwigoff intitolato semplicemente Crumb), tratteggiando così uno spaccato potente e veritiero - per quanto alterato e grottesco - dell’America non riconciliata e più marginale. Ma la vera eccellenza del nostro è rappresentata, come detto, dal disegno: è quest’ultimo ad avere reso Crumb un gigante dei comics. Il suo stile morbido, fatto di contorni spessi, fittissimi tratteggi e continue derive nel pupazzettistico (il nume indiscusso di Crumb è Elzie C. Segar, il creatore di Popeye) anche quando, felicemente, sceglie la strada del realismo, non è solo l’emblema del fumetto underground, è anche una “cifra” saccheggiata - continuamente e dappertutto - da grafici, designer, pubblicitari e cartellonisti. A celebrare la maestria grafica di Crumb provvede ora Il cuore di R. Crumb (Ed. Castelvecchi, pp. 128, euro 17,50), un bel libro di illustrazioni in bianco e nero di argomento vario: ritratti di volti, nudi femminili, paesaggi urbani e rurali, animali ecc. Il volume è la versione italiana di un’antologia uscita negli Usa con il titolo The Sweeter Side of R. Crumb (“Il lato più dolce di R. Crumb”), proprio perché i disegni in essa contenuti presentano soggetti insolitamente ameni. Ma il titolo italiano si fa sicuramente preferire. Crumb è infatti uno dei non molti artisti che, in ogni lavoro, mettono l’anima e le viscere. Di Crumb si può esser certi che, quando scrive e disegna, lo fa sempre e soltanto con il cuore in mano.

*articolo pubblicato originariamente su “Libero” del 24 maggio 2012. Per gentile concessione dell'autore. Nell'immagine: Crumb, autoritratto, 1986.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:862 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1393 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1066 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1270 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1202 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:703 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:4019 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto