Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Pazeroticus: le ossessioni scandalose del Pazienza Erotico

pazienzadi Giuseppe Pollicelli*

Il merito dell’Italia nei confronti di Andrea Pazienza non è di avergli dato i natali ma di avere compreso subito di trovarsi di fronte a un genio. Cosa non scontata perché Pazienza - nato a San Benedetto del Tronto (il paese della madre) nel 1956 e morto per overdose a Montepulciano nel 1988, ma cresciuto a San Severo e, come il padre, pugliese in tutto e per tutto - condivide un iniquo destino con un altro gigante del nostro fumetto, verso cui ha peraltro svariati debiti a livello di segno e di poetica: Benito Jacovitti. Sia Paz che Jac, forse perché irrecuperabilmente “italiani” tanto nel loro immaginario quanto nella costante reinvenzione (non di rado attraverso il dialetto) della nostra lingua, sono noti e apprezzati solo qui. All’estero non li capiscono. Persino nella Francia sempre pronta ad adottare (a scippare?) le nostre eccellenze, da Fellini a Pratt a Nanni Moretti, un artista come Pazienza è pressoché sconosciuto. In Italia, invece, già a ventun anni, quando iniziò a pubblicare una memorabile cronaca a fumetti, flippata e onirica, dei giorni caldi del ’77 bolognese (visti attraverso gli occhi del suo alter ego Pentothal), Paz fu giustamente consacrato come un maestro.

Raccontatore raffinato, funambolo della parola, virtuoso del disegno (capace di far armoniosamente coabitare in un’unica vignetta Paolo Uccello, Caravaggio, Robert Crumb e appunto Jacovitti), sublime valorizzatore del linguaggio fumettistico, Paz ha lasciato, malgrado la prematura scomparsa, una vasta produzione che viene periodicamente ristampata. Da qualche anno i diritti della sua opera sono stati acquisiti dalla Fandango, che ora ripropone, in una lussuosa edizione con copertina in tela nera, un volume del 1987 da tempo irreperibile al di fuori del mercato collezionistico, Pazeroticus (pp. 56, euro 25), in cui Pazienza disvela, attraverso disegni a pennarello sia in bianco e nero che a colori, la sua visione dell’eros. Con un tratto spesso e pieno che però, miracolosamente, sa essere prezioso e prodigo di dettagli, Paz dà forma grafica a una fantasia che non si nega l’abbandono al sogno e alla rêverie ma che rimane ancorata, e fortemente, alla vita vissuta. Nelle illustrazioni di Andrea, sovente scabrose, la realtà si avverte sempre con la violenza di uno schiaffo: anche quando le situazioni hanno l’aspetto e la consistenza di incubi, non si possono non percepire odori, umori e perfino rumori che rimandano a una dimensione “casalinga”, postprandiale, da sonnolenta vacanza nella casetta al mare o, addirittura, da masturbazione in bagno. Non a caso gli uomini indossano quasi sempre degli spaventevoli, domestici calzini e non intessono mai una vera comunicazione (tutt’al più una lotta) con le donne, le quali vengono descritte - che dominino o siano dominate - come un universo a sé stante, inattingibile al maschio. Nell’erotismo di Pazienza non c’è spazio per idealizzazioni o patinature. Solo l’esistenza di tutti i giorni, più o meno deformata e rivisitata, ha cittadinanza. Solo la vita con le sue minime e atroci tragedie, con le sue bassezze.

*articolo apparso originariamente su “Libero” del 14 marzo 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:830 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1357 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1039 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1228 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1174 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:665 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3999 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto