Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Croce del Sud, il fumetto che riscrive la Guerra di Secessione

cagliostro-lucca2012-03di Giuseppe Pollicelli*

Lunghi racconti destinati non alle edicole ma alle librerie e imperniati sulla ricostruzione di un fatto scottante (di solito delitti irrisolti, meglio se a sfondo politico) o sulla biografia di una qualche personalità più o meno famosa e, in genere, annoverabile nella categoria delle «figure scomode». Oggi la tendenza più marcata dell’editoria a fumetti italiana è questa, il romanzo grafico «impegnato». A cavalcare l’onda - a quanto pare fruttuosa - è soprattutto la casa editrice padovana BeccoGiallo, il cui catalogo pullula di titoli con le caratteristiche appena descritte: la lista completa è lunghissima ma per rendere l’idea basterà citare “Peppino Impastato. Un giullare contro la mafia” di Rizzo e Bonaccorso, “Carlo Giuliani, il ribelle di Genova” di Barilli e De Carli, “Paolo Borsellino. L’agenda rossa” di Giacomo Bendotti e “Dossier No TAV” di Claudio Calia. A prescindere dal livello di sceneggiature e disegni, che ovviamente cambia - talvolta in modo sensibile - da volume a volume, queste operazioni presentano quasi sempre, accanto al pregio di consentire a un pubblico vasto (e in larga misura giovane) l’approfondimento di vicende importanti della storia d’Italia, il difetto di fare proprio un approccio agiografico alla materia trattata, confermando il lettore in ciò che la vulgata gli ha già sommariamente permesso di sapere, senza stimolarlo a mettersi in discussione.

Una via diametralmente opposta è quella seguita da una piccola casa editrice di Cassino, la Cagliostro E-Press. Oltre a pubblicare gli adattamenti a fumetti dei romanzi ucronici (cioè ambientati in un tempo e in una realtà alternativi a quelli reali) dello scrittore Mario Farneti, nei quali s’immagina che l’Italia, sotto la guida di un Mussolini che non ha firmato le leggi razziali e non si è alleato con Hitler, sia uscita vincitrice dalla Seconda Guerra mondiale, la Cagliostro E-Press ha da poco dato alle stampe il primo albo di una promettente miniserie di sei numeri di cui è protagonista una sorta di supereroe del West, Croce del Sud (pp. 82, euro 11,90, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Ricca di rimandi al fumetto classico e alla letteratura popolare, quella di Croce del Sud è una serie d’impianto fantastico-avventuroso che si svolge però in uno scenario storico ben preciso: il periodo immediatamente successivo alla fine della Guerra di Secessione americana, durata dal 1861 al 1865. Se quel sanguinosissimo conflitto civile viene spesso costretto in uno schema che vede da una parte i «buoni», gli Unionisti del Nord impegnati a eliminare lo schiavismo, e dall’altra i «cattivi», i Confederati del Sud intenzionati a perpetuare la discriminazione razziale che tornava comoda ai ricchi latifondisti, gli autori di Croce del Sud (Claudio Franchino e Piero Viola ai testi, Davide Castelluccio ai disegni) ne propongono una lettura più problematica e aderente al vero. Dalle pagine del loro fumetto emerge che la lotta alla segregazione da parte del Nord è stata dettata in buona misura da motivazioni economiche, come dimostra il fatto che, pur in assenza di vera e propria schiavitù, negli Stati settentrionali i neri godevano di diritti limitatissimi: non potevano far parte di giurie né testimoniare in cause in cui fossero coinvolti dei bianchi, e in treno viaggiavano a bordo di carri bestiame.

Nella finzione del fumetto della Cagliostro E-Press, reso graficamente da Castelluccio con un dinamico bianco e nero all’americana, a sostegno della gente del Sud e delle sue ragioni - insomma, a supporto dei vinti - interviene un prodigioso combattente mascherato dalle peculiarità decisamente originali. Addestrato alla lotta da alcuni monaci, Croce del Sud combatte le prepotenze nordiste in nome del dio dei cattolici e, invocando San Giuda Taddeo (protettore delle cause perse), adopera armi - per esempio la frusta - che, in ossequio al quinto comandamento, non provocano la morte dei nemici. Al di là degli omaggi citazionistici all’Uomo Mascherato, alla Maschera di ferro, a Zorro e via elencando, Croce del Sud è essenzialmente un fumetto di taglio revisionista, che non dovrebbe dispiacere a coloro che, con ragioni a volte solide e altre meno, contestano le interpretazioni ufficiali del Risorgimento italiano. Un’operazione, dunque, coerente con la coraggiosa linea editoriale scelta dalla Cagliostro E-Press. La cui politica anticonformista, non c’è dubbio, potrebbe a sua volta essere giudicata una causa persa, ma quelli della Cagliostro sanno a che santo votarsi.

*Articolo pubblicato su Libero del 9 novembre 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:926 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1467 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1127 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1344 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1250 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:784 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:4059 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto