Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

RECENSIONE TUTTOTEX 559: “MINUTI CONTATI”

559 2di Lorenzo Barruscotto

Guarda, guarda…

E poi c'è qualcuno che sostiene ancora che il mondo non è piccolo.

L'avventura che si conclude in questo albo, proseguendo dallo scorso volume, parte a spron battuto.

Una furibonda sparatoria fra Tex ed un gruppetto di pendagli da forca ci catapulta subito al centro dell'azione.

Non sono facce nuove, per lo meno un paio: si tratta proprio di quei balordi che avevano alleggerito il Ranger di armi e cavallo, sorprendendolo di notte presso il bivacco e mandandolo nel mondo dei sogni con una solenne botta in testa.

Intendiamoci, Tex non salta loro addosso sparacchiando all'impazzata senza un avvertimento, non devo essere io a spiegarvi che agisce come al solito con la usuale lealtà, vale a dire concedendo la chance di arrendersi anche al peggior nemico.

Il fatto è che sono ben pochi quelli che accettano il consiglio, preferendo uno scambio di opinioni a suon di piombo.

Quei rubagalline però non costituiscono un serio problema e per quanto si impegnino a farlo fuori, cercando di rimediare all'errore che si rendono conto di aver commesso, cioè non ucciderlo quando ne avevano avuto la possibilità, non impensieriscono più di tanto

Aquila della Notte, svolazzando tutti in braccio a messer Satanasso, come direbbe il buon Capelli d'Argento, e riducendo lo scontro ad una mera perdita di tempo.

Bene, amigos, se non vi ricordate dove eravamo rimasti, vi snebbio io la memoria: Carson è nelle mani di un gruppo di bandidos dopo essere stato catturato mentre era, insieme al suo pard, sulla pista di un feroce rapinatore, un certo Harter.

Tex ha dovuto fare carte false per tirare fuori da un penitenziario il detenuto Jacky Blount, essendo stato costretto a sottostare al ricatto dei fuorilegge, che minacciano di uccidere il “vecchio cammello”, se non verrà loro consegnato quello che il Ranger crede essere un membro di spicco della banda.

La realtà è ben diversa e lo scopriremo con il procedere della storia, anche se per cavare di bocca la verità al nostro prigioniero saremo costretti a sbucciarci un po' la pelle delle nocche sul suo brutto muso.

Se in un primo tempo Blount poteva anche risultare non del tutto antipatico, la sua indole senza scrupoli, dal momento che non esita a macchiarsi di un omicidio a sangue freddo, lo rende un compagno di viaggio assai pericoloso, da tenere d'occhio senza mai abbassare la guardia, svelando del tutto la sua natura spregevole ed opportunistica.

Con il suo tratto duro e “polveroso”, Ortiz si destreggia bene sia nelle scene movimentate, tra cazzotti e pallottole, sia durante i dialoghi, facendo comprendere chiaramente a chi legge le emozioni disegnate (è proprio il caso di dirlo) sui volti dei protagonisti, le stesse emozioni che ci rendiamo conto si manifestano anche in noi, mentre sfogliamo le pagine.

In un parallelismo al quale non siamo del tutto nuovi, la narrazione organizzata da Faraci, equilibra con sapienza le vicende che vedono Tex in lotta contro il tempo per cercare di raggiungere il luogo convenuto al fine di salvare la vita dell'amico e lo stesso Carson che non sta certamente con le mani in mano ma si adopera per portare in salvo la pellaccia, usando il cervello e le parole, non potendo ricorrere alle armi.

559 1

"Disegno di Lorenzo Barruscotto, tributo a Ortiz"

E' l'incontro con un tipo strambo ed originale ma dannatamente simpatico che ci permette di scoprire tutti i retroscena sul motivo per cui i banditi rivogliono quel verme di Blount, e non si tratta affatto di sentimenti filantropici, potete starne certi.

D'altro canto ovviamente i fuorilegge non hanno intenzione di mantenere la parola, procedendo tranquillamente ad uno scambio di prigionieri tra il loro ex compagno ed il “vecchio sbirro”, ma questo lo capirebbe anche un poppante, figuriamoci il Nostro.

Quando la rapidità nello sfilare la Colt o l'abilità nel maneggiare il Winchester non sono risolutive, Tex può contare su armi non meno temibili: il suo istinto e la sua intelligenza.

“Svelto di mano come di cervello”, il Ranger organizza una messinscena maledettamente realistica e plausibile, tanto da ingannare chiunque.

Noi stessi la vediamo svolgersi senza esserne al corrente e capiamo cosa sia successo solamente dopo, quando si scoprono le carte.

Le due piste si stanno per incrociare nuovamente, da un lato Tex che spera di arrivare prima che sia troppo tardi per salvare il suo pard e dall'altro Carson che si dà da fare per ridurre il numero dei suoi carcerieri sorprendendo tutti con il suo spirito combattivo.

Un bottino nascosto, un agguato dal quale teoricamente non si può uscire vivi, un segreto da scoprire, una pista difficile, un piano audace ed una trappola ideata allo scopo di ingannare gli ingannatori.

In questa mortale partita a poker non immaginerete mai chi recita la parte del jolly.

E manca ancora l'ultima mano, quella decisiva.

Ma la posta in palio è troppo alta perché la si possa giocare da soli: un colpo di scena al quale non avevamo assolutamente pensato, aggiunge alla partita altri giocatori.

E stavolta facciamo davvero poker, poiché per vincere servono proprio quattro assi...

Come già ribadito più volte è inutile fuggire ed è sempre una pessima idea quella di ritenersi più furbi o più veloci di un mastino come Tex Willer.

Il piombo non smetterà di volare fino alle ultime pagine di questa avventura che vi lascerà con le orecchie che fischiano anche quando avrete terminato di leggere e che non mancherà di strapparvi qualche sorriso, genuino e divertito quando si tratta dei leggendari battibecchi tra i due inseparabili pards o beffardo e forse disincantato quando riferito a qualcuno che è destinato a tornare dove merita di stare ma che la burocrazia, aggiunta a quella dose di fortuna che talvolta sembra favorire i farabutti, potrebbe far sfuggire al giusto castigo.

A sua volta è proprio il diretto interessato che ci rivolge un ironico ghigno con il suo ultimo saluto, mentre nella sua mente si è già affacciata una versione distorta e sarcastica del più classico dei proverbi: “finchè c'è vita, c'è speranza”.

Soggetti e sceneggiatura: Tito Faraci

Disegni: Josè Ortiz

Copertina: Claudio Villa

Lettering: Renata Tuis

 

559 3

"Disegno di Lorenzo Barruscotto, tributo a Ortiz"

 

 

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:643 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1182 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:864 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1025 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1017 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:542 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3884 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto