Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

E Sergio Bonelli diventò come Babbo Natale

tex600di Roberto Alfatti Appetiti*

«Lo sai chi era al telefono? Sergio Bonelli». Mio figlio Valerio aveva sei o sette anni, all'epoca, e già vantava una discreta collezione di Tex. Si limitò a guardarmi sospettoso, per poi sibilare: «Ma se lo sanno tutti che Bonelli non esiste». I miti, chi meglio di un bambino può dirlo?, vivono nello spazio immateriale dei sogni. E Sergio Bonelli ne "fabbricava" tanti, instancabilmente. Se quell'indolente di Babbo Natale, i suoi regali, li porta un solo giorno l'anno, non c'è stata settimana che l'editore milanese non ce li abbia fatti recapitare in edicola. È sufficiente passare e lasciare un piccolo dazio, davvero poca cosa per le emozioni che ci hanno dato e continuano a darci. Come dare torto a Valerio? Per chi, come me, è cresciuto con le copertine zagoriane di Gallieno Ferri e con le storie incredibili diGuido Nolitta, ovvero di Sergio, ricevere la telefonata di un mito lascia increduli.
Quella telefonata, poi, diventò una piacevolissima consuetudine. Non c'era volta che scrivessi un articolo su uno dei "suoi" personaggi - e il Secolo d'Italia è stato tra i quotidiani che maggiore attenzione hanno rivolto alle nuvole parlanti - senza che squillasse il telefono. Era l'editore più importante del fumetto popolare ma non aveva perso il gusto di fare due chiacchiere con chi, con molta meno competenza di lui, si occupava di "giornaletti".
 
Alcune telefonate, però, giungevano a sorpresa. Nel gennaio del 2011, Maurizio Cabona ed io finimmo nell'occhio del ciclone per aver aderito all'invito di CasaPound a partecipare a un convegno dal provocatorio titolo "Camerata Corto Maltese". «Non si faccia intimorire, ci vada e dica la sua». Esordì così, Bonelli, ricordando con la consueta ironia tutti i pregiudizi e la supponenza con cui benpensanti e conformisti, neanche troppo tempo prima, avevano trattato i suoi eroi politicamente scorretti. Poche settimane dopo, le edizioni romane de "Il Fondo" raccolsero i miei articoli in un volume il cui titolo, "All'armi siam fumetti", riaccese mille polemiche. «Pubblica un libro e non mi dice nulla?», mi chiese sornione Bonelli. Una copia, balbettai, dovrebbe già essere sulla sua scrivania. «Appunto. E pensava di cavarsela così? Ne voglio almeno venti perchè voglio regalarle ai miei collaboratori. E voglio pagarle!». La telefonata si chiuse col rinnovato invito ad andarlo a trovare a Milano. Ho rimandato sempre, colpevolmente. Fino a quando, il 26 settembre dello scorso anno, Sergio se n'è andato senza preavviso, lasciandoci ancora una volta tutti di stucco. Non si vive di rimpianti ma di azioni e lui, da "avventuriero" qual era, ce lo ha insegnato. L'impresa, perché è stata davvero un'impresa, va avanti e la Sergio Bonelli Editore, capitanata dal figlio Davide e retta da una collaudata schiera di fedelissimi amici e collaboratori, gode di ottima salute. L'altro "figlio" di Sergio (quello di carta e inchiostro, il primo), Zagor, dà bella mostra di sé nella Collezione Storica a colori, che ha superato brillantemente la soglia, inizialmente programmata, dei prima trenta numeri e viaggia verso i cinquanta. "Mister No", il secondo figlio, quello che per temperamento più gli assomiglia, è appena tornato in edicola nell'Almanacco dell'Avventura 2013. Il volume ospita, per la prima volta a colori, "Il re del Sertão", una delle più belle storie in assoluto di Jerry Drake, disegnata da Roberto Diso e scritta non a caso da Guido Nolitta, cui l'Almanacco è dedicato, con una inedita quanto suggestiva hit-parade di libri, film e dischi preferiti da Bonelli. E non c'è modo migliore per onorarne il ricordo se non quello di passare qualche ora a sbirciare tra le opere e le atmosfere che ne hanno ispirato il lavoro e a riscoprire col suo sguardo i luoghi che ha visitato, l'Amazzonia, l'Africa e il West, e quelli storici che aveva riversato nelle sue sceneggiature.«Amava gli sconfitti e gli antieroi della Legione Straniera - si legge nel volume - e gli uomini veri che rischiavano tutto, siano essi esploratori o semplici cercatori di fortune». Lui è stato l'uno e l'altro e verrebbe da dire: come lui nessuno mai, anzi "Come Tex nessuno mai", per citare il documentario - realizzato dal regista Giancarlo Soldi e presentato in anteprima il 26 settembre a Roma - in cui la grande avventura umana ed editoriale di Sergio Bonelli viene ripercorsa come le tappe di un viaggio. Un viaggio, il suo, che a me e Valerio piace pensare non sia finito e che possa continuare con chi l'ha preceduto e raggiunto, dall'amico fraterno Hugo Pratt a Enrico Bagnoli, il disegnatore di Martin Mystere scomparso lo scorso 8 settembre a Milano.

*Articolo apparso su il "Secolo d'Italia" del 30 settembre 2012. Per gentile concessione dell'autore. L'articolo on line è reperibile anche sul blog dell'autore.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1401 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:870 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2800 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2875 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2626 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2894 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2115 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto