Logo

Non c'è pace senza giustizia: leggere fumetti non impedisce di pensare al mondo esterno

noncepacesenzagiustizia[06/04/2011] » Firma anche tu per la messa al bando delle mutilazioni genitali femminili

di Alessandro Bottero

Chi legge fumetti non vive in una torre d'avorio. non può e non deve. Chi legge fumetti DEVE confrontarsi col mondo di tutti i giorni. il mondo dove non ci sono supereroi che risolvono le cose, e dove spesso chi è un bastardo la fa franca, perché le persone per bene non si impegnano a sufficenza.
Beh, a rischio di sembrare trucidi, massimalisti, faciloni e tutti gli altri aggettivi che i nostri amati sostenitori vorrano regalarci ancora una volta torniamo a parlare della proposta di petizione per la messa al bando delle mutilazioni genitali femminili.
le mutilazioni genitali femminili, ossia la pratica che alcune sedicenti "civiltà" dell'area mediorientale ed africana utilizzano per tagliare il clitoride alle bambine in età preadolescenziale, così da "eliminarne od attenuarne la spinta sessuale in età matura", per avere delle donne sottomesse al ruolo dominante del maschio, è una barbarie, che non ha nessuna giustificazione igenica, sociologica od antropologica.
Ci sono cose che sono sbagliate e basta, con tanti saluti al politically correct e al "rispetto per ogni cultura".
Io rispetto le culture, ma una società che giustifica il tagliare il clitoride a una bambina non è una cultura. è una vergogna, e va combattuta a fondo, senza sciocchi sofismi pseudo-intellettualoidi.
E se qualcuno mi trova eccessivo, o poco disposto al dialogo interculturale, me ne farò una ragione.
Intanto vi suggerisco di andare al link e firmare la petizione.
O volete che pensi che secondo voi le mutilazioni genitali femminili sono giustificate?

Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.