Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

WOW: in mostra Mondo Ronfo

Riceviamo e pubblichiamo.

i Ronfi, i pigrissimi animaletti inventati da Adriano Carnevali per il Corriere dei Piccoli, escono dalla foresta e si mettono in mostra al Museo del Fumetto per tutti i bambini (e non)!

Solitamente nascosti nelle loro tane e quasi impossibili da incontrare, i Ronfi hanno deciso di presentarsi in grande stile a WOW Spazio Fumetto, con una ronfosa mostra che racconta tutte le loro avventure più belle e permette a grandi e piccini di vedere per la prima volta il villaggio!

Pubblicati a partire dal luglio 1981 sulle pagine del Corriere dei Piccoli, i Ronfi hanno accompagnato i piccoli lettori dello storico settimanale a fumetti per più di un decennio, per poi rintanarsi per qualche tempo, esausti per tanti anni di lavoro ininterrotto. Si sono riaffacciati alla civiltà nel 2007, diventando star del mensile Giocolandia con nuove avventure e giochi, mentre nel 2010 sono comparsi sul volume celebrativo “Il mondo dei Ronfi”.

Sabato 14 settembre grande festa dei Ronfi al museo: a partire dalle 16.30 il loro papà, il disegnatore Adriano Carnevali, spiegherà a tutti come sono nati i Ronfi e soprattutto come se ne disegna uno da manuale. Ogni visitatore potrà portarsi a casa il suo ronfo con tanto di dedica. All’incontro partecipa anche Gian Paolo Parenti, esperto di Comunicazione, docente all’Università Cattolica e responsabile di alcuni programmi Mediaset.

Chi sono i Ronfi?

Il Ronfo (nome scientifico Ronfus ronfus) è un roditore di piccole dimensioni, diffuso prevalentemente in zone boschive di media montagna. Lento nella corsa, pessimo arrampicatore, saltatore disastroso, nuotatore scarsissimo, non sa orientarsi, è incapace di difendersi dai pericoli del bosco, non possiede ben chiaro il senso del mutare delle stagioni. In compenso è stato dotato da Madre Natura di qualità veramente eccezionali. Infatti possiede lunghe orecchie che gli servono per impigliarsi nei rami, un grande nasone che gli permette di fare starnuti colossali quando è raffreddato, una folta pelliccia color pelo di Ronfo che d’estate tiene un caldo spaventoso. Il Ronfo trascorre circa sei mesi all’anno in letargo nella tana. Durante gli altri mesi divide il suo tempo tra ronfate all’aperto, sieste, riposini, pennichelle e pisolini. Per questa peculiarità, dal suo nome è derivato per l’appunto il verbo “ronfare”, benché taluni linguisti sostengano che è l’esatto contrario (ma si tratta a nostro avviso di studiosi poco attendibili e, soprattutto, scarsamente informati circa l’animale in questione). Sebbene non sia un animale raro e non figuri pertanto tra quelli protetti dal WWF, il Ronfo non è facilmente avvistabile, proprio per la sua propensione a rintanarsi a poltrire, e non mancano zoologi che dubitano addirittura della sua esistenza reale. A quanto risulta, il primo a darne notizia è stato Adriano Carnevali, che rimase folgorato dalla visione di una di queste bestiole dal pelo rossiccio mentre passeggiava in un bosco nei pressi di Champoluc, in Valle d’Aosta, nel 1981. Interessatosi alle curiose abitudini di tali creature, il suddetto venne via via scoprendo molti particolari su di esse e si diede alla spasmodica ricerca di una qualche autorevole rivista scientifica su cui riferire le sue scoperte, ma, respinto dalle pubblicazioni più prestigiose, finì per trovare spazio soltanto sul “Corriere dei Piccoli” a partire dal numero del 31 luglio 1981.  

In seguito i Ronfi sono stati protagonisti di storie a fumetti, giochi da ritagliare, biglietti d'auguri, libri e volumi illustrati.

Il motivo del loro successo, testimoniato da una carriera lunga più di trent'anni, è forse da ricondurre alla loro innata simpatia, al loro aspetto naturalmente comico, o forse al fatto che sono la dimostrazione che le leggi dell'evoluzione che conosciamo da più di cent'anni hanno almeno una falla: il Ronfo. Sopravvissuto nel corso dei millenni a dispetto di una assoluta inadeguatezza (fisica e caratteriale) ad affrontare qualsiasi difficoltà, è la dimostrazione dell’adattamento dell’ambiente alla specie: l’esatto ribaltamento della teoria darwiniana.

La mostra Mondo Ronfo espone una selezione delle avventure più belle dei Ronfi, attraverso le tavole originali del loro autore Adriano Carnevali. Saranno inoltre presenti gli albi originali su cui le storie sono apparse, volumi e oggetti ispirati ai Ronfi usciti nel corso degli anni.

Al centro dello spazio espositivo sarà inoltre allestito il villaggio dei Ronfi, ricostruito da Adriano Carnevali con grande attenzione, per mostrare al pubblico di tutte le età che queste neghittose bestiole sono in grado di ottenere qualche risultato, impegnandosi al massimo.

mondo ronfo

Adriano Carnevali, l'autore dei Ronfi

Adriano Carnevali è nato a Milano nel 1948. Nel 1972 si laurea in lettere e inizia la carriera di insegnante, ma la abbandona quasi subito per dedicarsi all’umorismo scritto e disegnato, (una passione che coltiva fin da bambino). Nel 1973 viene accolto nell’agenzia “Disegnatori Riuniti”, del geniale Cassio Morosetti, che gestisce alcuni tra i migliori disegnatori umoristici italiani, e comincia a pubblicare vignette su molti giornali. Nel 1974 inizia la collaborazione con il “Corriere dei Piccoli” (con le tavole della serie “Il drago e il cavaliere”) e con il “Corriere dei Ragazzi” (con le strisce della serie “L’astuto Ulisse”): per quest’ultimo settimanale realizza una trentina di episodi (di 8 pagine ciascuno) della “Contea di Colbrino”, una saga umoristico-satirica ambientata nel Rinascimento, che si interrompe nel 1976 con la trasformazione del “Corriere dei Ragazzi” in “Corrier Boy”. Nel 1981 crea per il “Corriere dei Piccoli” i Ronfi, protagonisti di avventure, nonché di giochi da ritagliare e costruire, fino alla scomparsa del “Corrierino” (per il quale, negli ultimi anni, ripropone la “Contea di Colbrino”, in versione semplificata e adattata al target del giornale). Nel 1985 pubblica il libro “Il bosco dei Ronfi”, Mursia Editore (una raccolta di alcuni episodi già usciti sul “Corriere dei Piccoli”).

Oltre a vignette, strisce e fumetti, realizza giochi illustrati per periodici di enigmistica, gialli (scritti e illustrati), scrive racconti umoristici e non. Collabora con la moglie, Donatella Zanacchi, autrice di libri di testo, a varie iniziative editoriali nel campo della didattica; partecipa come autore di testi a numerose trasmissioni radiofoniche (tra cui “Misterradio”, “Bella scoperta”, “Cari amici lontani lontani”, “Tempi che corrono”) e televisive (tra cui “Estate 5”, “Uno Mattina”, “Gommapiuma”, “Finalmente soli”, “Gian Burrasca”). Nel 1989, insieme a due soci, costituisce “Èunidea”, che opera prevalentemente nel campo dell’editoria enigmistica (realizzando per l’Editrice Fiesta diversi periodici tra cui “Relax”, “Minirelax”, “Civiltà Enigmistica”). Nel 2007, ancora per l’Editrice Fiesta, dà vita a “Giocolandia”, un mensile per bambini nel quale i Ronfi sono nuovamente protagonisti di storie a fumetti e giochi. Nel 2010 pubblica “Il mondo dei Ronfi”, edito da Struwwelpeter. Inoltre si dedica intensamente alla pittura e alla realizzazione di composizioni artistiche in legno e creta.

31 agosto – 6 ottobre 2013

WOW SPAZIO FUMETTO

Museo del Fumetto, dell'Illustrazione e dell'Immagine animata di Milano

Viale Campania 12 – Milano

Info: 02 49524744/45 - www.museowow.it – Ingresso libero

Orario mostra: da martedì a venerdì, ore 15.00-19.00; sabato e domenica, ore 15.00-20.00.


Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1396 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:865 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2794 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2870 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2621 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2887 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2111 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto