Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Silvia Ziche da Antani Comics sabato 26 ottobre 2013

silviaziche antani26oRiceviamo e pubblichiamo.

Alice e Lucrezia a quel paese: un viaggio tra i problemi di tutti i giorni e i dilemmi esistenzali delle due super ironiche creazioni di Silvia Ziche

Una ha 20 anni e tutto l'ardore rivoluzionario modello “peace and love” condito da un ingenuo romanticismo serpeggiante, l'altra a 40 anni suonati, casalinga disperata, lavoratrice frustrata, innamorata ossessiva, alienata televisiva, disastro umano, single inzitellita – come la sua creatrice ama definirla - si dibatte tra forzato cinismo e vana ricerca del principe azzurro. Sono Alice e Lucrezia, le due strepitose creazioni della grande autrice del fumetto made in Italy che è Silvia Ziche. Ritroviamo questi due esemplari di donna riunite in un'opera semplicemente spumeggiante: “Alice e Lucrezia a quel paese”, fumetto che verrà presentato sabato 26 ottobre presso la fumetteria Antani Comics di Terni. A parlarne sarà la stessa autrice che incontrerà i suoi fan a partire dalle ore 16:00.

Silvia Ziche, originaria di Thiene, classe 1967, sin dall'infanzia ha coltivato la passione per il fumetto, in particolare quello di casa Disney. Tra i suoi maestri si annoverano il compianto Giovan Battista Carpi, presso il quale ha collaborato per circa un anno, Giorgio Cavazzano e Romano Scarpa, seguiti sin da quando le storie non erano ancora accreditate.

Da appassionata di storie Diney ne è diventata autrice: collabora infatti attivamente a Topolino. Oltre al lavoro, quasi esclusivo, per Disney Italia, la Ziche ha collaborato anche con varie altre riviste, come Linus, Comix e Cuore, realizzando vignette satiriche in collaborazione con Maurizio Minoggio.

Sua creazione parallela ai lavori Disney è appunto Alice che, resuscitata dal freezer in cui era stata surgelata nel 1995, torna «a quel paese» con gli stessi 20 anni ed entusiasmo di prima, credendo anzi che la situazione politica, economica, sociale e culturale sia sensibilmente migliorata. Con un'ingenuità al limite dell'irritante la vediamo dire in una delle tavole: «Ricordo bene Tangentopoli e l'inchiesta "Mani pulite. Dopo quegli eventi, la politica deve essere per forza diventata un'arte nobile, limpida, disinteressata, al servizio dei cittadini!».

Una sognatrice, non c' che dire, ma a compensare questa dose di ottimismo ci sarà la disillusa Lucrezia, le cui avventure compaiono regolarmente nelle esilaranti strisce nella rivista Donna Moderna, personaggio che si pone delle domande realmente esistenziali tipo come superare la prova costume o a che età si debba iniziare a mettere la crema antirughe.

Eppure, nemmeno la cinica e mondana Lucrezia, rimarrà immune dalle favole: la vedremo contrarre il virus della Bella Addormentata 2.0 ed innamorarsi di un suo bieco committente, aspirante capopopolo, truffaldino e spietato. Alice, intanto, sarà alle prese con l'organizzazione di una rivoluzione nell'intento cambiare il mondo e, per farlo, inizierà a telefonare a tutti gli abitanti del pianeta, chiamandoli a raccolta uno a uno. Rimarrà però invischiata nelle pieghe della tecnologia perdendosi in internet.

L'ultima fatica di Silvia Ziche si prospetta quindi come un concentrato di ironia, scontri generazionali ed ideologici che la sua penna, squisitamente politica ma così raffinata riesce a sbriciolare in una sara riasata rigenerante.

E riguardo a questa capacità di far ridere Silvia Ziche così risponde: “Quando mi metto a pensare a una vignetta o a una tavola, capisco che l'idea è buona perché, appena arriva, fa sorridere anche me. In quanto a far riflettere, dipende dal fatto che la vignetta è essa stessa frutto di una mia riflessione, di dubbi e incertezze che non riesco a risolvere, o a tenere a bada. Condivido i miei dubbi. Così, chi legge, può arrivare alla sua personale conclusione sull'argomento.”

Interessante a questo proposito la conclusione su come giri il mondo a cui è arrivata Lucrezia: dietro ogni grande uomo c'è sempre una grande donna. E dietro ogni grande donna c'è sempre, inevitabilmente, un uomo che si lamenta.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:829 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1351 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1038 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1227 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1169 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:665 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3997 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto