Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: Fd'A
  • Visite: 13368

Pesci d'aprile, reazioni da ridere (o da piangere, fate voi)

fdaocchialidasoledi Alessandro Bottero

Un editoriale? No. Una precisazione, o meglio  "il punto di vista del direttore su un caso specifico" o meglio ancora "un corsivo".

È dal 1 aprile del 2010 che Fumetto d’Autore porta avanti la gloriosa e antica tradizione dei Pesci d’Aprile, ossia notizie inventate, che vengono proposte sui giornali e siti d’informazione in occasione appunto della giornata dedicata ai Pesci d’Aprile. Google lo fa, il Times lo fa, siti e giornali in tutto il mondo lo fanno. E nessuno si incazza o telefona chiedendo smentite. Nessuno, tranne quando lo fa Fumetto d’autore.

Sì, perché pare che quest’anno abbiamo davvero esagerato. Abbiamo osato toccare l’Aurea e Long Wei. Quindi in un paese dove si possono dire cazzate sul Papa, sulla Chiesa, su Berlusconi, su Bersani, su Monti, su tutto e tutti (cito le parole di un moderatore di Comicus La Satira deve essere su tutto e tutti senza nessuna esclusione!”) ci sono due cose su cui non si può scherzare: Grillo e il movimento 5 Stelle, e l’Aurea e Long Wei. Se lo fai gli interessati si incazzano. Va bene se Google scrive dei nasi finti, va bene se il Guardian scrive altre idiozie, ma Fumetto d’Autore non ha il diritto di fare pesci d’aprile. E se li fa bisogna dire “Leggevo i "pesci d'aprile" fatti da Fumetto D'autore e la miseria, la viltà, il veleno con cui sono scritti, mi ha messo una tristezza addosso incredibile. Detto questo, io mi chiedo come abbiano fatto tanti colleghi a concedere interviste a un sito di merda, gestito da persone di merda, come questo.” (Autore famoso e opinion leader  sulla sua pagina face book docet).

Pensate che mi stia inventando tutto? Ebbene no. Oggi (martedì 2 aprile) alle 11:00 circa ho ricevuto una telefonata da uno sceneggiatore che mi dice che devo smentire subito cosa ho scritto. Quando gli faccio presente che le notizie pubblicate il 1 aprile erano pesci d’aprile e che un pesce d’aprile non si smentisce. Al massimo si dice “Ehiiiii, non ci avrete mica creduto, vero? Era un pesce d’aprile”, la reazione è stata che uno non ha il senso dell’umorismo e si incazza. Aggiungete cose del tipo che io Alessandro Bottero avrei frequentato il blog di questo autore sotto falso nome (sarei stato un tal Karim) e la prova era che nella notizia avevo usato le stesse parole che ha usato questo Karim. Quando ho detto “beh, ma guarda che al massimo mi sarò ispirato a cosa ha scritto ANDREA MARINO due volte su SKORPIO, una a febbraio e una a marzo”, la reazione è stata del tipo “facciamo finta che ci credo. Tu smentisci e basta”.

Belle cose che succedono nel mondo del fumetto eh?

Comunque, mettendo da parte le preoccupazioni dell’autore famoso e opinion leader che è triste perché non riesce a convincere nessuno a NON concederci interviste (cosa che lascia qualche perplessità sulla sua capacità di controllo sul mondo del fumetto) e mettendo da parte anche la mancanza di senso dell’umorismo di altri autori, e mettendo da parte anche le telefonate di chi invece mi ha detto che i pesci d’aprile gli erano piaciuti (Giuro. Ho ricevuto anche queste. Incredibile, vero?) volevo dire una cosa: ovviamente le quattro notizie e l’editoriale erano inventati.

Non erano cose vere. Ma tolti l’editoriale e la notizia su Zerocalcare, totalmente inventati (ripeto: NON ho alcuna notizia di litigi tra Zerocalcare e BAO. non so niente di niente. Abbiamo inventato la cosa per fare un pesce d’aprile), le altre tre notizie (Druillet, Bomb Queen, e Aurea) prendevano spunto da fatti veri.

- non è vero che la Panini pubblicherà Bomb Queen in Italia, ma è vero che lo pubblica in Germania come Panini Deutchland;

- non è vero che la Panini abbia già acquisito i diritti di Philippe Druillet, ma è vero che ha chiesto alla Glenàt di poterli avere e attualmente la Glenàt deve decidere la l’offerta Panini e l’offerta di un altro editore.

- non è vero che l’Aurea ha deciso di non pubblicare più Long Wei e il resto delle serie previste, spostando Long Wei a puntate su Skorpio, ma è vero che A) in passato l’EURA fece la stessa cosa per unità Speciale prima serie, chiudendo la serie col numero 15 e findndo di pubblicare gli episodi già realizzati a puntate su Skorpio, e B) che su Skorpio Andrea Marino in due occasioni (numero 7 e numero 11 del 2013)  ha detto stavano ripensando a come pubblicare le serie previste per il primo semestre del 2013, dopo che i  fumetti proposti da ottobre 2012 a gennaio 2013 avevano avuto risultati scarsi.

In particolare su Skorpio 11 Andrea Marino scriveva quanto segue.

Da Skorpio N. 11/2013, rubrica "Passaparola" redatta da Andrea Marino:

«[...] l'uscita di Blueberry, di Bernard Prince e di Luc Orient è stata posticipata, il primo a metà aprile, gli altri due entro giugno.

Abbiamo messo in cantiere troppe cose (a maggio ci sarà anche il debutto di Long Wei, il primo monografico urbano ambientato a Milano) e dobbiamo ammettere che non ce la facciamo a seguirle tutte, e tutte in una volta. Per questo stiamo alternando le uscite in modo tale da rendere più bilanciata la nostra produzione anche rapportandola alle nostre forze e al mercato. [...]»

Allora i tre pesci dì’aprile (Druillet, Bomb Queen, Aurea) erano estrapolazioni NON VERE, basate su fatti VERI per renderli credibili.

Possono essere stati non divertenti, possono essere stati insulsi, possono essere stati noiosi, prevedibili, ecc… Ma erano normalissimi pesci d’aprile. Possibile che tutti hanno il diritto di farli, senza essere accusati di essere rancorosi, velenosi e siti di merda, tranne noi? Forse perché qualcuno ha deciso che a priori dobbiamo essere isolati, ostracizzati, ridotti al silenzio perché non ossequiamo i poteri forti degli opinion leader e non lecchiamo là dove tutti gli altri leccano per sperare in un posto di lavoro? Boh…..Se avete una risposta fatemela sapere.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:698 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1236 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:909 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1080 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1067 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:578 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3921 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto