Logo

MY CAPRICORN FRIEND (J-POP Manga)

my capricorn friend

Ho voluto subito questo volume, non appena ne è stata annunciata l'uscita sul magazine delle novità J-Pop. E ho fatto bene a seguire il mio istinto... una storia commovente, che non scade in inutili sentimentalismi, raccontata dal punto di vista di uno solo dei protagonisti ma che, nelle pagine conclusive, rivela al lettore anche quello degli altri personaggi con una risoluzione finale che dà una luce più complessa agli avvenimenti. 
In una scuola come tante, che potrebbe essere in Giappone come in qualsiasi parte del mondo, alle matricole viene riservato un trattamento “speciale”, ma quando i senpai individuano tra i tanti kohai quello più insicuro e debole, per quest'ultimo possono aprirsi le porte dell'inferno... Lo sa bene anche Yuya, narratore di questa storia, che assiste passivamente, voltando le spalle o distogliendo lo sguardo, alle torture quotidiane subite da Wakatsuki. Ma, come ho imparato dalla vita e da un celebre film italiano del 1981, “non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo” … e così la vittima si trasforma in carnefice e mette fine alle torture, eliminando definitamente il suo aguzzino, il recidivo Akira Kaneshiro. 
Suo malgrado, Yuya viene coinvolto per il solo fatto di essersi trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato. Forse per lavarsi la coscienza, forse per la paura che una notizia riportata sul ritaglio di un giornale proveniente dal futuro e volata sul suo terrazzino possa realizzarsi, Yuya decide che questa volta non lascerà solo Wakatsuki e lo accompagnerà nella sua fuga, senza una meta ed un piano precisi. Alla fine di questo viaggio, i due amici scopriranno le verità celate per lungo tempo e si renderanno conto di quanto possa essere importante poter vivere come un normale liceale insieme ai propri coetanei. 
Conclusa la lettura, mi viene da pensare che questo manga sia una rilettura in chiave moderna del senso e della grandezza di celebri versi (a cui si è ispirato nel 2013 anche Hayao Miyazaki): “S'alza il vento … Bisogna osar di vivere! L'aria immensa apre e chiude il mio quaderno, fra le rocce osa l'onda, e si frantuma! Volate via, pagine accecate! Rompete, flutti, di festose ondate, quel lieto tetto in cui beccavan fiocchi!” (“Il cimitero marino” di Paul Valéry).

MY CAPRICORN FRIEND storia di Otsuichi – disegni di Masaru Miyokawa, J-POP Manga, b/n, sovracopertina, volume unico, Euro 6,50.

banner2 sturiellet

Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.