Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Grandville

grandvilledi Vittorio “Skull” Fabi
Bryan Talbot è un altro di quegli autori che per qualsiasi appassionato di fumetto non ha bisogno di presentazioni, tanto sono seminali per questo medium le sue opere (Le Avventure di Luther Arkwright, La Storia del Topo Cattivo, Alice in Sunderland… tanto per nominare le più famose).
E come i suoi lavori migliori anche la sua ultima fatica, questo Grandville che la Comma 22 pubblica in Italia in grande formato e in edizione di lusso, è senza dubbio un’opera di contrasti.
Il primo contrasto, tanto visivo quanto narrativo, è costituito dalla scelta di utilizzare animali antropomorfi immersi in un’ambientazione realistica e molto violenta; sarà la formazione disneyana del sottoscritto, sarà che avendo due bimbi piccoli sono letteralmente circondato di teneri e coccolosi animali antropomorfi, ma mi ci è voluto un po’ più di un attimo per farci l’occhio. (Poi mi sono ricordato della meravigliosa serie di Hayao Miyazaki conosciuta in Italia come Il Fiuto di Sherlock Holmes, rilettura in chiave antropomorfica delle storie e delle ambientazioni holmesiane,  e tutto è andato ulteriormente al suo posto).
Il secondo contrasto è quello di inserire nell’atmosfera marcatamente steampunk di un passato alternativo in cui la Francia domina l’Europa tematiche attualissime quali il terrorismo tramite armi di distruzione di massa e le paure globali post-11 settembre.
Il terzo contrasto è quello puramente grafico: lo stesso Talbot ci mostra, con una rara maestria a cui le tavole in grande formato dell’edizione italiana rendono giustizia, un’Inghilterra molto rurale ed idilliaca da una parte e una Parigi fin-du-siècle sordida, inquinata e malata dall’altra.
Come se ancora non bastasse, il tutto è al servizio di una storia molto avvincente che mescola le atmosfere di Arthur Conan Doyle a quelle di Ian Fleming, con un protagonista (il gigantesco tasso che vedete in copertina, ovviamente) tanto monolitico quanto fragile, tanto ironico quanto spietato: in una parola, carismatico.
Insomma, lasciate Grandville sullo scaffale solo a vostro rischio e pericolo!
Titolo: Grandville
Testi e disegni: Bryan Talbot
Editore: Comma 22
Pagine: 97 pagine a colori
Prezzo: € 22,00

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:841 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1373 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1045 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1245 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1181 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:673 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:4006 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto