Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

motu defabritiis simo col

di Davide Mosciaro

(QUI trovate le altre puntate)

Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli anni '80. Nati come giocattoli nel 1981 (ma troveranno l’ufficialità di uscita nel 1982, sia nei negozi di giocattoli, sia pe quanto riguarda i cartoni), rappresentano il vero e proprio compromesso fra due generi narrativi che è molto difficile coniugare fra loro: il genere Fantasy e il genere Science-Fiction. Per i profani che non conoscono la differenza fra i due generi, ecco sintetizzata all’estremo l’essenza di entrambi: il genere fantasy è rappresentato da cavalieri, barbari, magia, orchi, incantesimi e tutto ciò che collega la spada e la magia in un mondo medievale che non può essere collocata in un ambito storico possibile (ecco perché fantasy, ovvero fantasia). Più specificatamente il genere è iniziato nei primi anni 20 con uno scrittore texano di nome Robert E. Howard, ovvero il papà di Conan il Barbaro (ma di questo se ne potrà parlare un’altra volta), il quale, molto prima di J.R.R. Tolkien (il noto scrittore del Signore degli Anelli) istituì tale genere.
Il genere Science-Fiction (ovvero fantascienza) è un mondo futuristico possibile (ma al tempo stesso utopistico) che trova risvolti in ambiti quali cavalieri stellari, forze cosmiche, pianeti, superpoteri (come Superman, Flash Gordon e Guerre Stellari), dove vi sono conflitti stellari, pistole laser, alieni (come Aliens e Predator). In sintesi si tratta di un futuro fantastico che si sa che non avrà mai luogo.

motu defabritiis bn

I disegni originali di Fabrizio De Fabritiis, colori di Simone Daraghiati.

Tornando ai Masters of The Universe (la cui sigla, per facilitazione, la chiameremo MOTU), è il baluardo estremo che concilia fantasty e fantascienza. La Filmation (casa cartonistica californiana) che produceva dal 1965 cartoni del calibro di Superman, Batman, Flash, Zorro, Tarzan, Flash Gordon, solo per citare i più famosi, divenne lo sponsor televisivo della serie di giocattoli che, dal 1982 al 1988, sfonderà nelle vendite (e nell’audience) di tutto il mondo. I giocattoli, alti 14 cm e raffiguranti personaggi ipermuscolosi (alcuni erano addirittura riciclati nei modelli, poiché la mattel, come altre case ludiche, mirava al risparmio), erano caratterizzati da due blocchi corporei: il busto, con all’interno una molla che aveva il ritorno (la action, e tale action si chiama gymmick), e il bacino che era legato dalla molla collocata dentro il busto del personaggio. Le gambe erano legate da una corda di gomma, che col tempo si ingottiva e si strappava, e questo rappresenta il punto debole dei giocattoli. La testa del personaggio era girevole e alle estremità del busto vi sono due perni che reggono le braccia, e tali perni costituiscono, di fatto, le uniche due articolazioni del giocattolo stesso (gambe a parte). La confezione della serie a giocattoli andava incontro a tutte le esigenze dei ragazzini, avendo una bolla di plastica di 15 cm (detta blister) a mò di vertrinetta, e una cardback alta e sottile, dove in alto c’era il logo grande MASTERS OF THE UNIVERSE nelle edizioni made in USA, e due loghi piccoli Masters of the Universe e quello francese, MAITREZ DE L’UNIVERSE, nelle edizioni europee. Dietro alla card, vi erano raffigurati un disegno a colori in alto (salvo che nelle primissime edizioni dei primissimi personaggi, i cosidetti eight-back), che riguarda il personaggio in questione, e gli altri personaggi della serie (ce ne potevano essere 8 oppure 12), a mò di elenco, così da stimolare il bambino a voler collezionare gli altri personaggi. Inoltre, dulcis in fundo, vi era un minifumetto (detto minicomics), dentro il blister, inerente al personaggio che si acquistava.

motu giocattoli01

Partiti come progetto low-cost, dalla prima wave, partita ufficialmente nel 1982, raggiungette la top ten delle vendite di tutto il mondo. Tale fu il successo di questa serie di giocattoli che idearono anche veicoli, creature e castelli inerenti agli stessi personaggi, nonché, nel 1984, ci fu un nuovo cartone, e una nuova serie di giocattoli per bambine intitolata SHE-RA la principessa del potere (che,da un punto di vista ludico, era trasposta come serie di bambole di marca mattel, indirizzate ad un pubblico femminile),  una serie collegata al mondo dei Masters of The Universe. A cavallo tra il 1989 e il 1990, quando i diritti della trasposizione a giocattoli passarano dalla filmation alla Jetlag Production, arrivò un altro cartone, a tutti gli effetti, sequel del vecchio: Le Nuove Avventure di He-man, che però, ahimè, non riscosse lo stesso successo.
Ma questa è un'altra storia.

Magazine

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:213 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:605 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1613 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1477 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1833 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1805 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1808 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto