Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

CLASSIC TEX numero 11: “SATANIA!”

11di Lorenzo Barruscotto

(Contiene note storiche sui Rangers del Texas)

Trappole mortali, agguati, infernali travestimenti, una setta segreta, torture e sparatorie.

Questo allegro programmino è ciò che attende il giovane Tex Willer nell'avventura che continua dall'albo scorso. Ma per mettere la parola fine alla sporca faccenda di cui si stava occupando e che lo ha portato al villaggio di Maricopa, al fuorilegge che lotta per la giustizia non solo servirà tutta la sua abilità con le Colt ma dovrà anche affidarsi ad un'arma anche più temibile delle sputa-fuoco: il suo istinto. L'aria si fa subito infuocata ma quello in cui vi imbatterete dopo neanche due pagine non è certo il solo “vivace scambio di opinioni” tra Tex e gli sgherri della setta del drago.

Appena si accarezzerà l'idea di essere scampati ad un pericolo eccone un altro ancora più letale sbucare da dietro l'angolo.

Stavolta il nemico riuscirà a colpire, rapido come uno scorpione e quasi altrettanto letale. Quasi, poiché la tempra d'acciaio del nostro giustiziere anche se messa a dura prova gli permetterà di conservare “l'anima attaccata alla pelle”, pur non uscendone senza danni.

Oltre al titolo che è ormai storico, questo volume della ristampa a colori delle prime avventure ha una valenza anche più importante per i texiani di ogni generazione.

Sebbene molti di voi già lo sappiano, lasciate che ve lo ricordi, pur senza svelare ovviamente lo svolgimento della vicenda: vediamo Tex Willer e Kit Carson fianco a fianco impegnati in una pericolosa indagine proprio come accade abitualmente anche “ai giorni nostri”.

Naturalmente Carson non è ancora Capelli d'Argento ma un baldo e giovane ranger già noto come capace ed affidabile uomo di legge che stupisce tutti per la sua amicizia nei confronti di un altrettanto noto per quanto particolare fuorilegge.

Proprio questo, per così dire, dettaglio verrà finalmente corretto ed il “bandito da catturare vivo o morto” inizierà a vedersi scrollare di dosso la fama di pistolero inseguito dagli sceriffi.

E' infatti tra queste pagine che mister Marshall, capo del servizio segreto dei Rangers, non potendo non riconoscere i suoi enormi meriti, domanda a Tex di tornare nei ranghi lasciandogli comunque l'ultima parola sul suo destino.

 Inutile specificare quale sarà la decisione del futuro Aquila della Notte.

 Ed in effetti grazie all'abilità grafica di Galep notiamo un'espressione stupita sul volto di Tex che ha appena udito la richiesta e nella sua risposta, nel suo sguardo, seppur mantenendo un certo grado di orgoglio misto in un primo momento ad ironica incredulità, traspare una notevole fierezza.

Non derivata dai complimenti ricevuti ma dall'onore che pervade un uomo giusto nell'appartenere al famoso corpo dei Rangers.

In questo caso nel tornare a pieno diritto a farne parte, dopo una serie di “spiacevoli equivoci” di cui “quel bel tipo di mister Marshall” si dice sinceramente pentito.

Infatti, conclusasi la vicenda dell'oppio, Tex e Carson sono ad Austin, capitale del Texas, ancora oggi sede centrale del Corpo dei Rangers, in quella che più che una base di truppe irregolari ha tutta l'aria di essere un forte militare.

Tex Villa Prima Vignetta per Satania 11

disegno di Lorenzo Barruscotto, tributo a Villa e Galep

Incappiamo quindi in un errore storico da parte degli autori che sovrappongono le divise dei Rangers con quelle dell'esercito americano.

In realtà i colleghi dei Nostri vestivano sempre abiti borghesi, erano responsabili del loro equipaggiamento e non erano soggetti ad alcuna disciplina o regolamento come invece accadeva per i soldati. D'altra parte non è la sola imprecisione che si può riscontrare nelle primissime storie di Tex, risalendo agli anni Cinquanta del secolo scorso, quando il West era più leggenda che storia e tanto per chi realizzava quanto per chi leggeva le avventure “a striscia” non c'era la possibilità di potersi documentare in modo approfondito e puntuale come possiamo fare noi oggi.  

Era l'epoca dei film western in cui i cavalleggeri cavalcavano nella prateria alla caccia di indiani ribelli cantando in coro ed avevano le divise ancora stirate ed i capelli ben pettinati anche dopo uno scontro con gli Apaches ed in cui le bandane gialle al collo dei soldati del settimo cavalleria danzavano nella brezza del mattino. Parliamo di quando l'epopea western era piena di clichè e miti che la rendevano simile ad un racconto epico, distante nel tempo.

In realtà anche solamente il nome di questo corpo scelto, Rangers, racchiude in sé un notevole significato poiché quello era il modo con cui si chiamavano gruppi di “vigilantes” che nella Scozia di alcuni secoli fa pattugliavano i territori dei pascoli.

 “Range” in inglese infatti tra le molte definizioni annovera anche quelle di terreno, pascolo e muoversi, il che rende bene l'idea dello spirito con cui nacque la prima Compagnia di uomini scelti.

I primissimi appartenenti a questo corpo speciale furono raggruppati dal leggendario Stephen Austin ma diversi nomi illustri che hanno lasciato la loro impronta nella Storia hanno intrecciato il proprio cammino con i Rangers come ad esempio Sam Huston, generale e poi presidente americano.

Ufficialmente il Corpo venne fondato nel 1835, quindi alcuni anni dopo l'idea di Austin.

Il compito di questi uomini, ai quali molto spesso non si facevano troppe domande sul loro passato al momento dell'arruolamento, consisteva tra gli altri nel difendere i coloni e le famiglie che si erano appena trasferite in quegli sterminati territori dove all'epoca talvolta non era ancora neanche arrivato l'esercito regolare.

Non erano soggetti alla disciplina militare ma pur riconoscendo i gradi all'interno della propria gerarchia, agivano in modo indipendente, non rispondendo del loro operato di fronte agli sceriffi locali ad esempio.

Furono coinvolti in azioni di spionaggio, nelle guerre indiane per via della loro abilità di combattenti e cercatori di piste, come veri e propri tutori della legge ebbero ruoli importanti nella caccia a banditi, contrabbandieri e bande di predoni e servirono inoltre come guide per carovane da scortare.

Fecero la loro parte anche nel conflitto contro il Messico e molti morirono per garantire l'indipendenza del Texas, addirittura ad Alamo ci furono diversi Rangers tra i difensori.

Dopo la fine della Guerra Civile americana per un certo periodo vennero addirittura sciolti dal momento che il Texas era tra gli stati sconfitti ma furono reintegrati in servizio appena il governo centrale riprese la sua attività in tutti gli stati dell'Unione.

Si sono create e tramandate molte leggende su questi uomini straordinari ma come tutte le leggende anche quelle riguardanti i Rangers hanno un fondo di verità.

Avevano realmente delle capacità fuori dal comune, superiori a quelle di semplici cowboys, che comunque non erano affatto degli indifesi e timidi chierichetti.

Tali capacità derivavano dalla crudezza del loro addestramento: imparavano a non sentire la fame, la stanchezza ed il sonno, stavano a cavallo come un guerriero Comanche riuscendo a compiere acrobazie in sella ed a sparare e ricaricare le armi lanciati al galoppo ed erano combattenti indomiti e temerari.

Come viene sottolineato nella presentazione in seconda copertina, a dire la verità non una delle migliori da quando è iniziata la collana, forse per il breve spazio in cui voler dire troppe cose, questi duri uomini di legge esistono ancora oggi e quelli veri, con la loro fama, con la loro stella sono sempre sinonimo di coraggio ed orgoglio.

Proprio in qualità di due tra i migliori, Tex e Carson vengono inviati in missione ad indagare su una serie di misteriosi ed efferati delitti la cui scia di sangue sembra fatta risalire ad un enigmatico individuo, non si sa neanche con certezza se si tratti di un uomo o di una donna, chiamato Satania.

Gli ingranaggi si sono già messi in moto e per i due amici si prepara una notte di paura e di orrore a causa di un avversario terribile e bestiale che forse neanche le loro Colt riusciranno a respingere.

Tenetevi pronti, perché l'esca è stata gettata.

 Si dovrà rispondere colpo su colpo.

 E la lotta sarà feroce.

  

Testi: G.L. Bonelli

 Disegni: A. Galleppini

 66 pagine

 Tex Galep Pistola

disegno di Lorenzo Barruscotto, tributo a Galep

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:247 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:394 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:403 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:551 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1094 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1784 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2024 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto