Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Si chiamava TOMOJI (Rizzoli Lizzard)

tomojidi Matilde Losani. La storia di un approdo al sicuro porto della serenità, dopo tempeste, abbandoni e perdite. Il viaggio di una giovane donna che vive, in apparente superficie i propri dolori, ma che, come una conchiglia, secerne madreperla e s...a trasformare le proprie sofferenze in un tesoro nascosto di nome TOMOJI.
La storia inizia con l’incontro casuale e fugace della protagonista con Fumiaki e spiegherà come una bambina si è trasformata in una donna determinata, risoluta e capace. Sono proprio queste le caratteristiche che porteranno TOMOJI a dichiararsi a Fumiaki, usando sospirate parole dipinte su carta: “... se davvero desideri sposarmi vieni a prendermi al più presto. Sono pronta a venire via con te.”. Di fronte a questo meraviglioso affresco di sentimenti Fumiaki scoprirà di non poter fare a meno di Tomoji, rinunciando alle formali cerimonie nuziali per festeggiare, con pochi intimi, la loro unione.
Taniguchi narra questo processo interiore con delicatezza, conferendo al racconto la freschezza e la bellezza degli anni della protagonista, così come traspare icto oculi dalla copertina.
Tomoji: un nome che ciascuno di noi potrebbe prendere in prestito qualora, di fronte alle avversità e alle scelte sbagliate altrui, scegliessimo di fare spazio al perdono, alla speranza e all'amore, anziché al rancore e alla rabbia.

 

Si chiamava TOMOJI” di JIRÔ TANIGUCHI, Rizzoli Lizard.

Il volume è prenotabile e acquistabile anche presso:

Fumetteria Sturiellet

VIA DANTE DI NANNI 80/A - 10139 Torino (TO)

011 19457208

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:434 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11587 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:694 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1076 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1229 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1423 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto