Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Cyborg 009: Call of Justice

cybork009di Leandro Amodio. Da alcuni giorni è disponibile su Netflix, una serie animata prodotta dalla medesima piattaforma di streaming, ispirata al manga ideato da Shōtarō Ishinomori, pubblicato in Giappone sulle riviste Shōnen Magazine e Shōjo Comic a partire dal 1964. Nella prima metà degli anni '80, in Italia fu trasmesso il secondo dei quattro anime prodotti in madrepatria, con la mitica sigla cantata da Nico Fidenco. Rispetto ai suoi predecessori però, "Cyborg 009: Call of Justice", presenta notevoli migliorie. Le più evidenti sono la grafica in 3D e il look dei personaggi decisamente più evoluto, che insieme rendono la visione molto più allettante, ma c'è da considerare anche la sceneggiatura, significativa e attenta a non trascurare alcun dettaglio. Il primo episodio si apre subito con una scena d'azione, in cui i 9 cyborg sono impegnati ad affrontare una misteriosa minaccia. La situazione viene interrotta dalla sigla di apertura, per poi ritrovarci con una giornalista che si reca al rifugio del gruppo. Il dottor Gilmore, loro mentore e creatore, le chiede il motivo della sua visita. La risposta è il pretesto utilizzato da Ishinomori, per descrivere le caratteristiche dei protagonisti, appartenenti a diverse nazionalità e ciascuno con un potere specifico. In seguito viene fornito un resoconto sintetico delle loro imprese passate, quindi si arriva a ciò che adesso dovranno affrontare, malgrado fossero convinti di poter finalmente vivere in pace. Il nuovo pericolo è rappresentato da esseri immortali, anch'essi dotati di superpoteri, in grado di controllare l'intero pianeta, coprendo ruoli di vitale importanza all'interno del tessuto sociale, ma sempre attenti a mantenere un basso profilo. Ed ecco che subiscono l'improvviso attacco metereologico, che aveva dato inizio all'episodio, mentre adesso lo conclude, rimandando al successivo l'identità dell'artefice. È giusto ricordare l'enorme popolarità che Cyborg 009 gode nel Sol Levante, tanto che le poste gli hanno addirittura dedicato un francobollo. Personalmente ricordo con nostalgia la serie trasmessa nel 1982 da Italia 1, in seguito replicata solo da poche emittenti locali. Ha riempito molti pomeriggi, e aumentato il mio interesse per l'animazione giapponese appartenente al genere fantascientifico. Per chi l'ha amata come me, di certo non potrà perdersi questa nuova proposta, capace di soddisfare non solo chi è alla ricerca di un impatto visivo coinvolgente, ma anche gli estimatori di storie appassionanti.

 

Titolo: Cyborg 009 - Call of Justice

Genere: anime, fantascienza

Episodi: 12

Durata: 25 min.

Audio: italiano

 

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:386 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6713 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:449 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:800 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:770 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:986 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto