Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

ATOMIC ROBO (Renoir)

atomicrobodi Matilde Losani. Atomic robo è un computer inventato dal geniale scienziato Nikola Tesla nel 1923. Dotato di un’intelligenza automatica, Atomic Robo, dopo aver partecipato nel 1938 ad un’operazione segreta militare, ha fondato la Tesladyne, un gruppo di scienziati e non solo, dedito a studiare e ad affrontare minacce di vario tipo, un po' come il BPRD DI Hellboy. Il punto è che questo simpatico "oggetto" non può morire, per cui le sue avventure saranno flashback del lontano secondo conflitto mondiale, storie contemporanee ed avventure di un futuro prossimo. Visto che il nostro eroe è un computer senziente, crescerà accumulando esperienza in ogni campo anche quello sentimentale arrivando ad innamorarsi.

Le storie, innegabilmente, sono figlie dei b-movies di fantascienza anni '50, come di quelli di genere legato allo spionaggio e alla guerra, ma con all'interno anche tanta letteratura di genere mixate a teorie scientifiche che hanno dato vita alle moderne mitologie relative, per esempio, all'esistenza di diverse forme di vita su altri pianeti. Il disegno è strepitoso: mai una faccia di latta è stata tanto espressiva! Nel volume # 7, il mecha design è figlio di un certo Hayao Miyazaki, sopratutto, nella sua opera più grottesca "Porco Rosso", con quei fantastici idovolanti da competizione dalle linee favolose. La linea chiara, leggermente caricaturale, dell'opera non penalizza il modo realistico con cui sono disegnati automobili, armi, aereoplani, uniformi e città, nulla è lasciato al caso, neanche l'ironia che alleggerisce la triste vita di una macchina che non potrà mai amare sul serio un essere umano, destinato a seppellire ogni amico che incontrerà nella sua, apparentemente, illimitata "vita".

Ricordo che questo fumetto è stato candidato due volte all’Eisner Award, suscitando l’entusiasmo di gente del calibro di Matt Fraction eC.B. Cebulski.

 

ATOMIC ROBO, di Brian Clevinger, Christian Ward (testi), Scott Wegener (disegni); edito da ReNoir Comics, brossura, prezzo  € 16,00.

 

 

Il volume è prenotabile e acquistabile anche presso:

Fumetteria Sturiellet

VIA DANTE DI NANNI 80/A - 10139 Torino (TO)

011 19457208

Magazine

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:565 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:590 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:597 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:883 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10572 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:947 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto