Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Green Lantern Mosaic (RW Lion)

mosaicGreen Lantern Mosaic: La VERTIGO delle Lanterne Verdi

Di Alessandro Bottero

All’inizio degli anni ’90 la DC Comics decise di rimettere mano al personaggio (e al mondo) di Lanterna Verde. Dopo Crisi sulle Terre Infinite, la maxiserie che tra il 1985 e il 1986 aveva ridefinito il multiverso DC Comics la situazione per il personaggio era pesante. Hal Jordan era la Lanterna Verde. Era esistito un corpo delle Lanterne Verdi, 3600 esseri senza paura, ognuno dotato di un anello del potere in grado di fare meraviglie. Ogni Lanterna Verde pattugliava uno dei 3600 settori delio spazio, assolvendo la funzione di “poliziotti cosmici” agli ordini dei Guardiani dell’Universo, nanerottoli blu, immortali che ritenevano di sapere loro cosa fosse meglio per l’universo. Loro lo sapevano, e ordivano alle Lanterne Verdi di farlo. Col tempo l’idea divenne stantia. In un mondo dove l’autorità era percepita come negativa quasi a priori il problema per gli sceneggiatori di Lanterna Verde era quello di riuscire a far sì che un pubblico sostanzialmente ostile al potere costituito (gli adolescenti) provasse simpatia ed empatia per un personaggio che invece era il massimo rappresentante dell’ordine costituito. Lanterna Verde, molto più di Superman o Batman, era il super eroe che seguiva la legge, anzi era il super eroe che AMMINISTRAVA la legge nell’universo. Era la forma più universale di polizia, e a partire dagli anni ’70 la polizia difficilmente è simpatica agli adolescenti.

Arrivati alla fine degli anni ’80 la situazione per Lanterna Verde non è delle migliori. Il corpo delle Lanterne Verdi   non esiste più. Hal Jordan è senza anello. Il personaggio non è più ritenuto cool presso i lettori. Insomma.... Lo mettiamo in panchina e vediamo come vanno le cose. Poi arriva Gerard Jones, astro nascente tra gli sceneggiatori di fumetti di quel periodo e mette mano alla serie Green Lantern. Parte così nel 1990 la nuova serie Green Lantern, dove troviamo anche la genesi di Green Lantern Mosaic. Nei numeri 14-17 della serie regolare infatti Jones scrive una miniserie nella serie intitolata appunto MOSAIC. Mosaic è un pianeta composto da città prelevate da milioni di pianeti in giro per l’universo. A realizzare tutto questo è stato Appa Ali Apsa, un Guardiano dell’Universo. I Guardiani a un certo punto avevano lasciato il nostro universo per cercare l’Illuminazione, lasciandosi però dietro Appa Ali Apsa. Apsa, rimasto solo impazzisce e per colmare la sua solitudine decide di crearsi un pianeta tutto per sé con esponenti di varie razze su cui   regnerà come un Dio benevolo. John Stewart, un ingegnere terrestre di colore nonché una delle varie Lanterne Verdi fatte rientrare in gioco da Jones, salva le cose eliminando Apsa. Il problema però è che il pianeta Mosaic ormai esiste, e gli esseri che Aèsa ha trasportato lì dai loro mondi hanno bisogno di cure ed assistenza.

Ecco allora che Jones propone alla DC Comics l’idea di far partire una serie dedicata a John Stewart, la Lanterna Verde custode di Mosaic. La serie debutterà nel giugno del 1992 e si concluderà 18 numeri più tardi nel novembre del 1993. Jones qui si scatena realizzando il prodotto più allucinato e psichedelico di tutta la franchigia dedicata alle Lanterne Verdi, aiutato in questo dai disegni di Cully Hammer, giovane disegnatore talentuoso, qui alla prima prova su un personaggio di tale spessore.

La serie ci parla degli sforzi di John Stewart per proteggere Mosaic, ed aiutare gli esseri che lo abitano ad accettarsi a vicenda. C’è poca classica azione super eroica e molto lavoro sui personaggi. È una serie che ha molti tratti in comune con la Vertigo, e sicuramente merita una riscoperta. La RW Lion ha pubblicato tutta la serie in tre volumi nei numeri 29-30-31 della collana DC Miniserie e francamente ve li consiglio.

Green Lantern Mosaic debuttò molto bene. Il primo numero vendette oltre 210.000 come ci conferma Cully Hammer in un’intervista del 2005 al sito Comic Bullettin. Hammer rivela anche che Mosaic non chiuse per scarse vendite. In realtà la serie vendeva bene, era in attivo e gli ultimi mesi le vendite erano sempre tra le 60.000 e le 70.000 copie. I lettori sostenevano la serie. Quello che non sapevano è che qualcuno ai piani alti della DC Comics quando la serie arrivò al numero 5 decise che Mosaic andava chiusa a prescindere. A qualche altissimo dirigente la serie proprio non andava giù. Era troppo strana, troppo ... incomprensible...per cui dissero a Jones “Ok, ti diamo un anno. Siamo al 5, al msssimo col numero 18 la serie chiude a prescindere d quanto vende. Fattene una ragione”. Hammer disse in questa intervista che arrivato al 12 si sentiva come qualcuno che - artisticamente – sbatteva continuamente la testa contro un muro. Sentì che per la sua stessa salute mentale dovesse mollarla, e infatti gli ultimi numeri sono disegnati da Luke McDonnell, solido artigiano ma lontanissimo dal tratto molto classico-eppure-psichedelico di Hammer.

È un peccato che Mosaic sis stata condannata senza appello per motivi che ovviamente non hanno nulla a che fare con le poche vendite. Infatti per i meccanismi di rese, distribuzione, pagamenti e calcoli del venduto un editore USA ha una situazione chiara in base a cui decidere se proseguire o no una serie arrivati al numero 6, così che in caso di vendite scarse l’autore possa chiudere le varie trame entro il numero 8. Decidere la chiusura di Mosaic al numero 5 significa che la storia del pianeta composto da centinaia di città aliene dava fastidio a qualcuno.

Jones si prese l’anno e lo usò per parlare di tutto quello di cui su un fumetto di super eroi non si poteva parlare. Razzismo (il tema dell’identità nera è fortissimo lungo tutta la serie), violenza domestica, fuga dalla realtà, follia, scontro tra generazioni, mania del controllo, scontro con l’autorità. Insomma una serie adulta.

Se vi avanzano degli euri prendete il primo volume, che contiene i numeri 1-5 della serie, e fidatevi.... Prenderete anche gli altri due.

Abbiamo parlato di Green Lantern Mosaic vol.1, vol.2, vol.3

RW Lion, DC Miniserie 29-30-31

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:247 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:394 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:403 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:551 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1094 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1784 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2024 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto