Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » I nuovi Beati Paoli del fumetto italiano: tra immaturità, ingenuità e un contratto tipo che non serve a nessuno

beatipaoliMa fare qualcosa di davvero concreto è possibile: mettere da parte il contratto tipo in favore della  nascita dal primo gennaio 2011 di una Associazione Fumettisti con Ivo Milazzo primo Presidente.

di Giorgio Messina

Stati Generali, Tavola Rotonda e Stanze Segrete hanno messo in luce, in questi mesi una generazione di fumettisti piuttosto incompiuta e immatura. Se ne critichi le iniziative o i libri che producono ti rispondono che è “polemica sterile” e le critiche vengono liquidate indicando che il critico è invidioso di chi sta criticando (nel migliore dei casi) o ha qualcosa di personale contro chi sta criticando (nel peggiore dei casi)..

Insomma una generazione che non è abituata alle critiche, figlia di dieci anni di critica di settore on line che si è arrogata il diritto di sapere cosa interessa o meno al lettore e che distribuisce recensioni con quattro stelline a tutti, una mezza in più agli amici e che dei libri brutti  o delle iniziative che zoppicano è meglio non parlare se no si rischia di fa qualche nemico che poi non ti saluta per i corridoi e le strade di Lucca oppure, c’è il pericolo che l’editore per cui un giorno si vuole andare a lavorare chiuda la porta in faccia al critico in attesa di collocazione nel mondo lavorativo del fumetto italiano. Ma c’è di più., Questa è anche una generazione che non solo non è abituata alle critiche ma non vuole nemmeno essere criticata, figlia, in questo altro caso, di quel grande inganno che molti ambigui personaggi che gravitano nella periferia del fumetto italiano predicano per interesse personale: siamo tutti sulla stessa barca, siamo tutti uguali perché l’obiettivo di tutti è il fumetto e la sua diffusione.

Eppure basterebbe sfogliare l’ultimo Mega o l’ultimo Anteprima per rendersi conto della complessa eterogeneità del mondo del fumetto italiano in cui coabitano e coesistono molteplici realtà come Sergio Bonelli Editori, Magic Press, Panini, Planeta, ANAFI, Centro Fumetto Andrea Pazienza e Bottero Edizioni, solo per fare alcuni esempi. E così gli autori riuniti in segreta assemblea, manco fossero i nuovi Beati Paoli dell’editoria a fumetti, non si rendono conto che lo strumento che hanno scelto per dire la loro nel settore, cioè la stesura di un contratto tipo da proporre agli editori, è un fallimento prima ancora di vedere la luce perché un contratto tipo, per quanto sia ben vergato, non potrà mai abbracciare tutte le infinite variabili del rapporto autore-editore che è diverso in ogni realtà editoriale della variegata galassia del fumetto italiano.

Gli autori poi, ingenuamente, non tengono conto di un altro aspetto. Le case editrici dalla più grandi alle più piccole hanno già tutte un contratto tipo confacente alle proprie esigenze che sicuramente è costato tempo e denaro in consulenze specialistiche di commercialisti e avvocati. Immaginate, tra sei mesi, quando il contratto tipo sarà pronto l’autore del caso che va dall’editore X e con aria fiera dice: “ora che mi hai detto che vuoi pubblicare il mio libro, questo è il contratto tipo che io vorrei firmare”. La risposta diplomatica che immediatamente riceverà l’autore sarà: “bene, lasciamelo, ora lo faccio vedere al mio avvocato e poi ti farò sapere”. Dopo qualche giorno, non ci sarebbe da stupirsi, se l’autore del caso riceverà una mail o una telefonata da parte dell’editore su questi toni: “Guarda, ho parlato con l’avvocato a cui ho fatto vedere il contratto che ci hai proposto e mi ha detto che il contratto che ti proponiamo noi va benissimo per le reciproche esigenze e copre tutte le condizioni e le clausole che noi possiamo accontentarti”. A questo punto all’autore non rimangono che due scelte. O firma il contratto che ora gli propone l’editore (ma sempre stando attendo che vi siano indicate tutte le condizioni previste dalla legge del diritto d’autore vigente in Italia),oppure potrà fare il duro e il puro e puntare i piedi sul proprio contratto tipo e scegliere di fare sfumare la pubblicazione con l’editore interpellato in nome del contratto tipo che ha deciso di sposare fino in fondo. All’autore che decide di essere duro puro non rimane a questo punto che rivolgersi ad un altro editore nella speranza che il prossimo interpellato accetti il suo contratto tipo. E se la scena descritta prima dovesse ripetersi anche con gli altri editori, sarebbe il fallimento del contratto tipo e il tempo impiegato per redigerlo sarebbe stato inutile.

Nel caso, invece, che l’editore accetti il contratto tipo, subentra un'altra considerazione. Quando il contratto tipo proposto dagli autori sarà una realtà, chi sarà l’avvocato che garantirà la correttezza giuridica di questo contratto tipo?

A questo punto  si può continuare a fare costituenti elitarie su invito per redigere un contratto inutile oppure fare qualcosa di davvero concreto e l’unico discorso serio veramente costruttivo che potrebbero fare i Beati Paoli guidati da Stassi sarebbe quello di evitare inutili riunioni da novelli templari della contrattualistica di settore e dedicare tutte le loro energie nell’accelerare i tempi per creare, organizzare e fare partire davvero una nuova Associazione Fumettisti e appoggiare da subito e con tutti i mezzi possibili la campagna del disegno di legge promosso da Ivo Milazzo per la modifica del diritto d’autore in favore dei fumettisti

Il Maestro Milazzo sarebbe perfetto per essere il primo Presidente di una Associazione Fumettisti degna di questo nome. Milazzo incarnerebbe le battaglie degli autori di ieri, di oggi e di domani. Sarebbe il garante del fare concreto che non ha bisogno di stanze segrete o di affiliazioni elette particolari ma che vuole davvero il bene del fumetto e di tutti i suoi autori.

E se i Beati Paoli lasciassero un attimo le loro stanze segrete per rivolgersi ad un commercialista, saprebbero che il primo gennaio 2011 è il momento migliore per aprire una nuova Associazione Fumettisti…

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1380 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:856 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2782 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2856 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2606 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2876 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2098 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto