Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

MAX BUNKER – ALAN FORD – LIBRO QUATTRO (OSCAR INK)


bunkerdi  FRANCESCO CECCAMEA

Quarto volume antologico (dei sei iniziali messi in programma) dedicato alla riscoperta delle origini di Alan Ford. Iniziativa benemerita della nuova collana Mondadori dedicata ai fumetti (Oscar Ink) che permette di riscoprire uno dei momenti più significativi della storia del nostro “nuvolare” più creativo. Il sodalizio tra l’autore Max Bunker e il disegnatore Magnus è al suo apice in queste sei avventure del gruppo T.N.T. che vanno dal gennaio al giugno 1971. E scorgendo titoli come “Bombafobia”, “La paura fa spavento” viene da pensare a quanto le apparentemente innocue vicende di Alan Ford possano esser state esorcizzanti verso la follia e la paura dei tempi in cui uscirono. Negli anni del terrorismo nostrano, Bunker e Magnus si giocavano con il fuoco vero. E a distanza di tanto tempo sorprende la freschezza dello stile, l’ironia e l’audacia di un fumetto che apparentemente sembra solo una parodia fracassona dei thriller spionistici anglofoni ma che in realtà è una raffinata sfida alla tensione imperante nelle strade italiane e un crossover senza precedenti in grado di far coesistere horror, mistery, commedia e azione con grandissima disinvoltura. Il 1971 è un anno poco considerato ma che in realtà ha registrato una serie di sommovimenti politici e sociali alla base dei futuri stravolgimenti che tutti conosciamo. Di sicuro il genitore di Alan Ford, con l’arma della dissacrazione e del sarcasmo riesce a smaltire l’aria soffocante che si doveva respirare, “camminando sulle uova con cautela” (parole sue) e arrivando a strappar sorrisi sui volti dei giovani arrabbiati e cupi di quei tempi. “La vita ingenua vissuta da diseredati entusiasti” fa notare giustamente lo stesso Max Bunker (Luciano Secchi) nell’introduzione al volume, “convinti nel loro intimo che li aspettava senz’altro una vita migliore, si scontrava con una realtà che aveva preso il nome di terrorismo. Fare dell’ironia su certe situazioni non solo è difficile, ma anche pericoloso perché si corre il rischio di venire fraintesi. Comunque, il discorso dei riferimenti era mitigato e camuffato con le liti della quotidianità di un gruppo di personaggi ancora alla ricerca di una loro dimensione”.

Grazie alla sua irresistibile ironia, leggere le avventure del gruppo T.N.T. è quanto mai utile anche oggi, per aiutare molti italiani a sfangare la difficile situazione lavorativa che sono costretti a vivere. L’amara condizione delle spie meno pagate e più sfruttate di sempre rimpolpa il buon umore di chi la mattina si alza alle quattro e affronta lunghi viaggi in treno per andare a rischiare la vita in posti di lavoro non meno sgangherati e schiavizzanti del quartier generale gestito dal vetusto ma indistruttibile Numero Uno.

Nelle sei storie antologizzate in questo quarto volume, assolutamente imperdibile è la versione alternativa che il capo della T.N.T. fa dell’Iliade di Omero, (in quanto testimone informato dei fatti, ovviamente). Lui c’era e convinse il poeta a mettere per iscritto le vicende di Elena, Achille ed Ettore, così da farci bei soldoni. Oggi Alan Ford sembra innocuo, grazie ai buffi e grotteschi personaggi ideati da Max Bunker, ma va fatto notare il cinismo di alcune situazioni (l’agente Rock non esita a vendere il cagnolone Cirano al primo cacciatore che passa, nonostante tra i due vi sia il classico rapporto contrastato che dovrebbe in fondo significare amore inseparabile) mentre i nemici sia pur in maniera buffa muoiono fatti a pezzi e sforacchiati. Alan Ford si innamora per la prima volta (nell’episodio Frit, Frut) ma l’ingrato regime di impegni a fil di morte con la T.N.T. lo tengono lontano dalle calde labbra della giovane analfabeta Linda, quasi quanto le sue viscere da un pasto vero e proprio. Non c’è tempo per i sentimenti e per i languori di nessun genere nel mondo di Bunker e Magnus. Al tempo di questi sei albi il successo vero di Alan Ford non era ancora arrivato, però le cose iniziavano a maturare. “C’era nell’aria una certa qual sensazione di attesa” scrive sempre Bunker nell’introduzione e in effetti qualcosa di entusiasmante stava per accadere. Dopo il fiasco iniziale e il tiepido seguito di consensi, i lettori iniziavano a prendere le misure e invaghirsi sul serio del Gruppo T.N.T. Ancora oggi quell’amore è ben corrisposto.

Magazine

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:391 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:507 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:698 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:319 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3679 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3526 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:13119 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto