Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » “Ipocrisia” e cataloghi: esaminando Anteprima 246

anteprima-245-editorialedi Alessandro Bottero

Era un po’ che non mi capitava tra le mani Anteprima, catalogo pubblicato da PanDistribuzione, che dovrebbe fornire ai gestori delle fumetterie, o in generale a chi lo consulti, un’idea il più completa possibile di cosa le case editrici propongano in un dato mese. Per una serie di coincidenze mi sono ritrovato a tu per tu col numero 246 del febbraio 2012 (nell'immagine invece un particolare della copertina del 245 di gennaio, il primo del nuovo "corso"), ed ecco cosa ho trovato:

- 17 pagine su 168 di introduzione e rubriche varie

- 70 pagine su 168 dedicate alla Panini Comics;

- 30 pagine su 168 agli esclusivisti pan (5 editori)  + star comics;

- 10 pagine su 168 alla RW (Lion & GOEN);

- 2 pagine su 168 alla magic;

- 7 pagine su 168 a tutti gli altri editori con 47 editori (sono 48, ma c’è anche la Bonelli con dei numeri più recenti di quelli annunciati nella sezione esclusivisti pan);

- 6 pagine su 168 dedicate ai fumetti USA;

- 8 pagine su 168 a cine e video;

- 8 pagine su 168 a merchandising;

- 8 pagine su 168 alle fumetterie, con i loghi delle varie fumetterie che pagano lo spazio per apparire su anteprima (credo che paghino, ma non lo so con sicurezza):

17 + 70  + 30 + 10 + 2 + 7 +  6 + 8 + 8 + 8 = 166 a cui si aggiungono due pagine pubblicitarie , una per Mantova Comics, e una per un gioco nintendo DS di One Piece

166 + 2 = 168

Due notazioni:

- nello stesso mese su Mega, il catalogo concorrente pubblicato dall’altro distributore per le fumetterie, ossia Alastor,  lo spazio dedicato alla Panini Comics sia stato di 24 pagine, ossia più del doppio di quello che la PanDistribuzione ha concesso alla RW. Ma questo dato pur significativo e che forse andrebbe esaminato con attenzione, non è il tema di oggi;

- il punto di oggi è questo: in un catalogo che va nelle FUMETTERIE (non nelle VIDEOTECHE o nei negozi di GADGET)  lo spazio dedicato agli editori non-Panini o non-distribuiti da PanDistribuzione e Star Shop è pari a 7 pagine su 168, ossia il 4,5 per cento.

Lo ripeto: 47 editori si devono dividere il 4,5 per cento di un catalogo che va nelle fumetterie

Invece 7 editori (Panini Comics +  Star Comics + esclusivisti PanDistribuzione) si dividono 100 pagine su 168 (70 +  30).  Ossia mentre 47 editori si dividono il 4,5% dello spazio di questo catalogo, 7 editori si dividono il 60% dello spazio.

Non lo trovate interessante? Non lo trovate significativo? Non lo trovate rivelatorio per come vanno le cose nelle fumetterie?

Ma facciamo un passo indietro. Che cosa è un catalogo?

Uno strumento che dovrebbe offrire ai negozianti di un determinato settore commerciale la possibilità di essere INFORMATI su cosa sia proposto dagli operatori di quel settore commerciale,  in un periodo X.. Informati su tutto quel che viene proposto dagli operatori,  visto che il distributore PanDistribuzione dice ai suoi clienti che lui può fornire TUTTO il materiale di TUTTI gli editori, e quindi implicitamente assume(rebbe) il compito/dovere di fornire le informazioni più complete possibili su cosa annuncino gli editori, così che i negozianti (i gestori delle fumetterie) abbiano un quadro il più completo possibile e siano in grado di sceglier ei loro ordini sul ventaglio più ampio possibile di prodotti.

Posso però dire che non capisco: se non informi in modo ESAUSTIVO cosa l’editore X propone quel mese, come fa la fumetteria ad essere INFORMATA in modo ESAUSTIVO di cosa succede nel mondo commerciale del fumetto? E se non informi in modo ESAUSTIVO, come fai a guardarti nello specchio e dire “il mio catalogo offre pari possibilità a tutti, e mette il gestore di una fumetteria i n grado di compiere una scelta INFORMATA su cosa prenotare”? Come fai? Se fossi una persona con un minimo di senso del ridicolo dovresti sghignazzare a sentirti dire questa cosa, perché NON E’ VERA.

Un catalogo che volutamente e programmaticamente dedica solo il 4,5% del suo spazio a 47 editori, NON informa in modo esaustivo le fumetterie di cosa sia disponibile.

In realtà Anteprima non è un catalogo che dia una informazione completa ed esauriente, ma è un house organ della Panini Comics, che concede un po’ di spazio anche a Star Comics ed agli esclusivisti PanDistribuzione. Questo house organ poi dedica le BRICIOLE di spazio a chi non è Panini Comics o esclusivista PanDistribuzione.

Allora , se volessimo essere più corretti e sinceri  bisognerebbe fare come Messaggerie, e dire “Sul catalogo MIO do’ spazio solo agli editori legati a me".

Infatti c’è qualcosa che non mi torna: se Panini Comic se PanDistribuzione sono due realtà separate e indipendenti l’una dall’altra, come mi è SEMPRE stato detto e ripetuto in questi ultimi 15 anni, come è possibile un comportamento del genere? Se io sono un distributore indipendente e non legato in modo particolare a un editore o a un gruppo di editori, il mio scopo/obiettivo è solo vendere. Non conta chi sia l’editore del prodotto che vendo. Conta solo che io lo venda. Più fumetti vendo meglio è, indipendentemente da chi sia l’editore. Parafrasando un detto famoso potremmo dire che “Per un distributore indipendente il fatturato non ha colore né nome”.

Quindi io distributore se mi metto in casa un prodotto è per venderlo. Esaminiamo allora la “sezione 4,5%” di Anteprima. Ci sono 47 editori, e ne mancano altri. Ossia editori che ESISTONO e producono cose vendibili, non vengono presentati. Qualche esempio?  Anteprima 246, febbraio 2012. Sezione Fumetti in Italia (la sezione 4,5%) ossia quella dove dovrei vedere gli editori NON esclusivisti PanDistribuzione. Mancano Absolute Black, Allagalla, Bottero Edizioni, Coconino, Comma 22, Coniglio Editore, DE Agostini/Aliberti, Edizionio BD/J-pop,  Facta Manent, Flashbook, Free Books, ItalyComics, Kappa edizioni, Nicola Pesce Editore, Tridimensional, Wombat. E perché mancano? Una possibile risposta è: perché non hanno annunciato novità, ma solo riproposte di opere già uscite o già annunciate.

E allora? Si tratta sempre di prodotti che possono essere venduti, no? Che differenza fa prendere l’ordine di una cosa uscita sei mesi fa, o di una cosa che uscirà tra due mesi? Da un punto di vista commerciale nessuno. NON annunciare le riproposte è una scelta che non ha alcuna giustificazione commerciale, se stessimo parlando di un distributore che deve solo VENDERE IL PIU’ POSSIBILE, a prescindere da chi sia l’editore dei prodotti venduti. SI spiega solo con motivi extra-commerciali.

Si spiega solo con il fatto che io ho scelto di limitare al massimo (o al minimo, dipende che tipo di grammatica seguiate) lo spazio per chi non è esclusivista PanDistribuzione (o Star Comics, o editori che per motivi “politici” devo accettare), per non dare fastidio, o darne il meno possibile alla Panini Comics e ai miei esclusivisti (e alla Star). O forse sbaglio.

Si spiega solo con la teoria che provo a ipotizzare (magari sbagliando) per cui un euro dato ad un altro editore, è un euro in meno alla Panini comics

Si spiega solo con la scelta di far crescere al massimo il fatturato della Panini Comics, limitando lo spazio e le proposte offerte di altri 47 concorrenti (ma anche di più, se contiamo chi non viene proprio presentato), che potrebbero sottrarre euri ai prodotti Panini Comics. Ma anche questa è solo una ipotesi e potrei sbagliare.

E quindi la conseguenza che ne traggo è che non è vero che Panini Comics e PanDistribuzione siano così indipendenti e staccate. Poi posso anche sbagliarmi. Anzi, sicuramente FORMALMENTE mi sbaglio, e FORMALMENTE sono due realtà diverse, con partita IVA diversa, e tante altre cose diverse, ma visto che siamo in un paese dove c’è libertà di opinione lasciate che a partire da alcuni dati inoppugnabili, tragga le mie conclusioni. Sono sbagliate? Evabbé, male che vada avrò detto la solita "cazzata"...

Uno potrebbe dire: “E bravo Bottero, ti sei sfogato e ora se te la fanno pagare te lo meriti”, ma scusate… oltre a NON presentarmi sul catalogo e quindi darmi ZERO possibilità che i miei prodotti siano ordinati dai negozi che usano Anteprima, che altro potrebbero fare? Bucarmi le gomme della macchina? Bloccarmi alle mostre mercato e dirmi “Tu ce l’hai con la PanDistribuzione!!!”. Mandarmi una letteraccia di diffida e di querela? Chiedere a qualche pugliese di mandare un esposto all’ordine dei giornalisti del Lazio e Molise?

Io ho riportato dei fatti, basati sull’esame concreto del catalogo Anteprima numero 246, pubblicato a febbraio 2012. Sulla base di questi dati ho dato una mia chiave di lettura di tali fatti, arrivando a conclusioni sicuramente opinabili, ma legittime.

Se qualcuno si sente offeso mi spiace per lui, ma mi contesti le conclusioni a cui sono arrivato, fornendo un’altra chiave di lettura, che dia una giustificazione per cui un distributore indipendente ha ragione a comportarsi come fa la PanDistribuzione nei riguardi dei 47 editori a cui dedica il 4,5% dello spazio del suo catalogo.

PanDistribuzione mi darà ancora meno spazio di quanto me ne concede ora (ossia nessuno)? E allora? Se devo avere le briciole, tanto vale che se le tengano. Se devo piatire l’elemosina di uno spicchietto di un 4,5% dello spazio , allora tenetevela la vostra elemosina.

E chiudo con una proposta. Finiamola con questa ipocrisia per cui “Noi sui nostri cataloghi presentiamo tutti gli editori”. Non è vero. e l’ho appena dimostrato. Non si presentano tutti gli editori, non si informano le fumetterie di tutto quello che è possibile ordinare, e soprattutto non si fa un servizio da distributori indipendenti e non legati a una singola casa editrice.

Finiamola di voler essere quello che non si è. Si abbia il coraggio di dire “Su Anteprima presentiamo SOLO la Panini, i 5 editori esclusivisti con la PanDistribuzione (Sergio Bonelli, Rizzoli-Lizard, Renoir, Aurea, Beccogiallo), e la Star Comics, per motivi di accordi tra PanDIstribuzione e Star Shop si è storicamente sempre appoggiato a quello della PanDistribuzione”. SI faccia un catalogo come fa Messaggerie, dove sono presenti SOLO gli editori distribuiti da Messaggerie, o come si fa nel settore della Varia, dove non esiste un catalogo omnicomprensivo, ma ogni distributore (o gruppo editoriale) realizza dei cataloghi dove si presentano SOLO i prodotti di alcuni editori e non di TUTTI gli editori di varia..

Lo so, lo so… le fumetterie si lamenterebbero “Troppo lavoro! Devo sfogliare due/tre cataloghi. Non ho tempo/voglia/mi stanco/mi deprimo/troppe spese di spedizioni…”

Le solite lamentele che non mi hanno mai convinto. Chi NON vuole un catalogo come quello di Messaggerie, ossia ufficialmente e chiaramente di parte, contribuisce a perpetuare l’ipocrisia per cui a 47 editori viene dedicato il 4,5% di spazio, e a 7 editori il 60%. E contribuisce anche a perpetuare un modo di gestione delle riproposte da parte di PanDIstibuzione che non risponde a logiche commerciai, ma solo ad accrescere il fatturato Panini, limitando la possibilità di accesso al mercato delle fumetterie per i piccoli o quelli “non del mio giro”.

Ovviamente queste sono solo mie opinioni, che partono dall’analisi dell’anteprima 246 di febbraio 2012, e non pretendono di essere la verità assoluta. Lungi da me la volontà di offendere, denigrare, o ledere l’immagine di PanDistribuzione o Panini Comics. Sono a disposizione per ascoltare ALTRE chiavi di lettura che partendo dagli stessi dati mi facciano cambiare idea. Ma ho il sacrosanto diritto di riflettere su dei dati ed esprimere un’opinione.

Magazine

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:134 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:263 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:525 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:204 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3594 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3428 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:13025 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto