Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Sergio Staino a Fullcomics 2011: “la satira è un mestiere difficile per i giovani"

bobo[16/04/2011] » Fullcomics 2011 - Giorno 2 - Ore 13.00

Dopo la seconda edizione a Pavia nel 2006, Sergio Staino, torna a Fullcomics. Nel suo incontro svoltosi durante questa edizione piacentina del 2011, Staino è un fiume in piena di parole e inizia dalla fine. Il vignettitsta satirico dell’Unità, papà dell’alterego a fumetti Bobo, racconta subito che sulla sua scatola delle ceneri, se nessuno le avrà sparse al vento vuole scritto: “Sergio Staino, fumettaro”. L’autore, nato in provincia di Siena, classe di ferro  1940, non le manda a dire nemmeno alla critica, e ricordando quanta abbia lavorato in svariati campi dell’intrattenimento, dalla televisione al teatro, sottolinea come i critici stronchino sempre più spesso quegli autori che riescono ad avere successo passando da un media ad un altro. “Perché - continua Sergio Staino – di solo fumetto si muore e stare solo davanti alla tavola bianca mi annoia”. Sembra di assistere un dialogo tra Bobo e la figlia Ilaria. Staino prende per mano il proprio pubblico in sala conferenze, nel secondo giorno di Fullcomics, e snocciola le sue piccole grandi verità: “internet è il futuro, ma la satira on line dovrebbe essere diversa da quella cartacea, dovrebbe parlare un linguaggio animato, altrimenti rischia di non essere al passo con le notizie”. Sergio Staino racconta come dal web tragga anche suggestioni per le proprie vignette. Una delle ultime vignette satiriche firmate per l’Unità porta in doppia firma il nome di Arnald. Staino rimasto colpito dalla battuta satirica on line di quest’ultima, ha creato una sua vignetta ha chiesto il permesso di usare la stessa battuta per una sua vignetta. “Perché – spiega uno dei maestri della satira italiana – tra gli autori di satira della mia generazione vige da sempre il fatto che il successo degli altri aiuta tutto il genere”. Ma, il papà di Bobo sottolinea come secondo lui i quotidiani di oggi non abbiano la stessa credibilità di 25 anni fa. I giudizi a questo punto si fanno molto “tranchant” e i nomi illustri non vengono risparmiati: “Grillo e la Guzzanti hanno perso la loro credibilità politica cercando di fare politica, ma i giornali, inseguendo il giornalismo a tesi sono diventati involontariamente satirici”. Staino non manca di accennare ai suoi esordi su Linus con delle storie a fumetti che videro la luce grazie anche all’interessamento di Oreste del Buono nei confronti dei suoi primi lavori. Le vignette satiriche invece iniziano sull’Unità dell’era Furio Colombo. Dal pubblico gli chiedono cosa ne pensi del ritorno del Male ad opera di nomi come Vauro e Vincino: “i tempi sono cambiati rispetto al Male originale degli anni ’70, e Vincino ha una amorevole ossessione al ritorno di questa prestigiosa testata satirica”. Non manca la rivelazione ad effetto: “Vauro non mi voleva sul nuovo Male anche se io non avrei partecipato perché lo trovo fuori tempo massimo”. A questo punto chiediamo a Staino cosa ne pensa della polemica che il ritorno del Male ha innescato tra la nuova generazione e la vecchia. La nouvelle vague della satira italiana formatasi su internet, con Flaviano Armentaro in testa, accusava la vecchia guardia,  rappresentata in questo caso da Vincino, di volerli sfruttare economicamente. Staino conosce la polemica, dichiarando di averla seguita a suo tempo e risponde: “economicamente, non esiste differenza tra la vecchia e la nuova generazione. Anche io ho lavorato a molti progetti gratuitamente o sottopagato”. E Staino conclude con i giudizio sui giovani che si cimentano nella satira: “la satira è un mestiere difficile per i giovani. Non è un caso se vignettisti più famosi come Forattini hanno ottenuto il successo dopo i cinquant’anni”. Chapeau, Maestro Staino. Alla prossima. Ci rivediamo a Fullcomics, poco importa se presente, passata o futura.


fullcomics2011-05

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:841 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1373 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1045 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1245 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1181 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:673 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:4006 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto