Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » La stanca pseudo-satira di facile successo

ministronzadi Alessandro Bottero

[09/11/2009] » Che succede se sei un editore? Che, diciamoci le cose come stanno, con il lavoro di editore non ci vivi. Signori, lettori, passanti, aspiranti…prendete nota! Se fai l’editore in proprio (ossia NON se sei un DIPENDENTE di un GROOOOOOOOSSO gruppo editoriale), nove volte su dieci dall’editoria non ci ricavi i soldi per vivere. Se ti va bene ti levi lo sfizio di pubblicare le cose che vuoi pubblicare te. E, va detto, che non è una cosa da sottovalutare, in termini di soddisfazione personale. Ho voglia di pubblicare questa cosa che mi piace, i soldi sono i miei, me ne frego se ce li rimetto, ho il diritto di pubblicarlo. Chiaro, semplice, lineare.
Io ammiro questo modo di ragionare. È semplice. Sono l’editore, mi piace il fumetto (sì, perché adesso parliamo di fumetti) XX, ci metto i miei soldi, lo pubblico. Punto.
Mi andava di farlo. L’ho fatto.
Questo diritto (usare i propri soldi per pubblicare quello che uno VUOLE pubblicare) è alla base dell’editoria indipendente. E lo sostengo. Anche quando l’editore X pubblica una cosa che a me non piace. È un SUO diritto.
Ok. Poi però c’è il MIO diritto di dire cosa penso di quel fumetto pubblicato da lui.
Diritto di usare i propri soldi.
Diritto di dire “sono soldi buttati”.
Non è che siccome IO decido che pubblicare un libro di storie contro il ministro Giorgia Meloni, allora TUTTI dobbiamo dire “Giusto! Ottimo! Un vero esempio di democrazia!”
No. Grrrzetic ha il diritto di pubblicare quello che ritiene giusto, Spataro ha il diritto di perdere tempo…oops… volevo dire creare storie di finissima satira, e io ho il diritto di dire “Tempo e soldi sprecati”.
O devo A PRIORI essere d’accordo con qualsiasi puttanata che si pubblica contro il governo Berlusconi, perché in Italia “c’è bisogno di più dissacrazione e blasfemia!!!!!”??
No, perché se è così ditemelo, che una volta di più avrò la conferma dell’infantilismo cronico di critica/lettori/esperti del fumetto italiano (esclusi i presenti, ovvio…..).
Cerchiamo di essere chiari: Alessio Spataro pubblica su un blog alcune storie contro il ministro Giorgia Meloni, raffigurandola come una nana violenta, fascista, ignorante, razzista, con la vagina puzzolente, e tutto il solito campionario di cliché da film alla Alvaro Vitali (peti, merde, doppi sensi, e altro).
Da una vita sul blog il tutto diventa un volume a fumetti, edito da Grrrzetic, e presentato a Lucca 2009.
Scoppia la polemica, e il dorato mondo del fumetto decide: Spataro è il nuovo martire della causa, e occorre difendere il volume ad oltranza! Non importa se anche il Manifesto dice che è un volume volgare. È evidente che anche il Manifesto ha tradito la causa, ed è diventato Pro-Berlusconi!
Se vuoi essere accettato nel giro che conta, devi dire che “La Ministronza” (questo l’elegante titolo) è il fumetto più importante del momento.
Questo il dato ad oggi.
Ma la domanda è: state scherzando?
Cioè….QUESTA sarebbe satira? Satira? Ma lo sapete cos’è la satira? Guardate che tirare la merda addosso alle persone NON è satira. Guardate che una scoreggia in piscina NON è satira. Guardate che la volgarità fine a se stessa NON è satira.
Ma siccome sono tutte cose che vanno contro un ministro del governo Berlusconi allora vanno bene.
Tra Spataro che chiama la Meloni “La Ministronza”, e Berlusconi che dice alla Bindi “Lei è più bella, che intelligente”, che differenza c’è?
Nessuna.
O sono entrambe due battute infelici, o è satira in entrambi i casi.
Però tutti a difendere la Bindi, e tutti a difendere Spataro. Non vedete incongruenze?
Il punto però è un altro: Spataro voleva fare satira. Quindi voleva suscitare nel lettore il riso. Il divertimento.
Io il libro l’ho letto (quindi so di cosa parlo). A me non ha fatto ridere.
Pino Zac mi faceva ridere.
I Quaderni del Sale, mi facevano ridere.
Il Male mi faceva ridere.
Rutti, peti, merda, e cliché scatologici non mi fanno ridere.
Sono noiosi.
La Ministronza è noioso, perché non è satira. È un volantino ideologico, didascalico. In una parola noioso.

Ps. Ci sarebbe poi da fare un discorso per cui molti che adesso elogiano Spataro, prima dicevano che pubblicare su carta i fumetti e le vignette apparse sui blog era sbagliato, ma lasciamo perdere.
Ho smesso da anni di aspettarmi coerenza da esperti/critici di fumetto.

Magazine

Intervista a SILVIA ZICHE su "QUEI DUE"

01-01-2021 Hits:3426 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto e Dafne Riccietti

      Bentrovati, appassionati delle nuvole parlanti. Sono lieto ed orgoglioso di presentarvi la versione integrale dell'intervista, comparsa sull'importante numero 300 di “Fumo di China”, realizzata con la mitica Silvia Ziche, che ringrazio nuovamente.   Ritratto di Silvia Ziche, visionato anche dall'artista prima della pubblicazione, ad opera di Lorenzo Barruscotto.   Le tre vignette che troverete ad...

Leggi tutto

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:5162 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:4067 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:6675 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:6525 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:6130 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:6713 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto