Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'editoriale. Bonelli: il futuro è Young?

dnyoungdi Alessandro Bottero. Il giovane Martin Mystere. Dragonero Young. E poi la serie di cui si parla, si parla, si parla e si parla: 4 Hoods.

Pare che all’interno della Bonelli la nuova strategia sia quella di tentare di realizzare prodotti Young, che in alcuni casi sono solo le versioni ringiovanite dei personaggi adulti pubblicati dalla casa editrice.

Chiariamo subito una cosa. A chi dice che questa è una normalissima operazione di marketing rispondo che il marketing non esiste. Non esistono strategie di mercato capaci di dirti cosa venderà meglio da qui a due anni (il tempo necessario per realizzare una serie Bonelli). I focus group fatti a febbraio 2017, radunando gruppi di giovani lettori al limite possono dirti cosa piace ai lettori a febbraio 2017. Ma un editore che imposti un lavoro da qui a uno o due anni, o anche da qui a tre mesi, sulla base di un discorso “A me oggi mi piacciono i dinosauri” è un editore idiota. Ed è gusto che paghi le agenzie di marketing migliaia di euri per questi studi di mercato che sostanzialmente sono aria fritta. Se sei cretino è giusto che qualcuno ti sfrutti e ti faccia pagare per aria fritta, visto che te vuoi l’aria fritta.

Stabilito quindi che il marketing non esiste, e che quindi se uno un anno fa il settore marketing della Bonelli ha detto “Studi di marketing dicono che bisogna realizzare serie con i personaggi bonelli in versione ringiovanita, quindi iniziamo a lavorare ora sulla base di questa previsione e poi pubblicheremo il risultato tra un anno” ha detto una idiozia, e idiota l’editore che gli ha dato retta, la domanda è: ma poi queste cose vendono?

La risposta , ad esempio, del progetto in 12 uscite dedicato a Martin Mystere è : assolutamente no. Non vendono, o meglio ovviamente qualche copia la vendono, ma molto al di sotto delle speranze, rivelandosi nei fatti un esperimento fallito.

Che senso ha “ringiovanire” o “giovanilizzare” un personaggio sperando così di attirare un pubblico più gggiovane, quando di fondo non si è capita una cosa: i ggggiovani non leggono. Non leggono giornali, non leggono libri, non leggono riviste. Perché mai dovrebbero leggere fumetti? Al limite leggono brevi testi o brevi post su Facebook o sui social. Ma se cala l’utilizzo e la lettura di libri, giornali, riviste nella fascia giovanile, mi spiegate quale genio (del marketing, appunto) può essere convinto che invece i giovani leggano i fumetti? E leggeranno di più se prendi Martin Mystere e lo ringiovanisci, se prendi Dragonero e lo rendi bambino. O se di punto in bianco fai fumetti per ragazzini.

Non ha senso appunto, o meglio ha un senso: quello del maiale. Cosa si dice del maiale? “Del maiale non si butta nulla”. Dragonero è l’unica nuova serie lanciata negli ultimi anni che non sia in perdita nelle edicole? E allora sfruttiamola all’osso, facendo anche la versione bambina. Hai visto mai che ci vada bene? Infatti è vero che c’è sempre qualcuno che vince alla lotteria, ma ci sono milioni di altri che non lo fanno. È vero che potrebbe esistere un’idea favolosa che conquisterà i ragazzi e li porterà a leggere. In fin dei conti con Harry Potter è successo questo. L’idea inaspettata (e NON frutto di strategie di marketing. Il marketing delle case editrici aveva giudicato Harry Potter una cazzata) che per miracolo attira milioni di persone che prima NON leggevano. Tutti sognano di avere l’idea che sarà il nuovo Tex o il nuovo Dylan Dog, così che centinaia di migliaia di lettori che prima NON leggevano fumetti saranno conquistati. MA finora le acutissime strategie id marketing non sono mai riuscite a trovarla. Perché più la cerchi tentando di usare le regole del sistema, meno la troverai. È un po’ una cosa Zen. Più sei ossessionato nel cercare una cosa, più le tue ossessioni ti impediranno di trovarla. È solo quando NON la cerchi che il libero gioco creativo farà sì che - forse – la creatività miracolosamente si unirà in un mix imprevedibile, dando vita a un nuovo miracolo editoriale.

Il futuro Bonelli è lo stile Young?

No. il vero futuro sarebbe quello di pubblicare storie belle. Storie che una volta chiuso l’albo ti facciano dire: “Cazzo e ora devo aspettare un altro mese prima di leggere un’altra storia di questa collana?”.

Ma oggi, siamo sinceri… quale collana di quale editore riesce a far dire questo al lettore?

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:709 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1243 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:917 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1088 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1072 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:584 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3924 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto