Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale - Lucca 2018: cosa aspettarsi

lucca2018

Di Alessandro Bottero

Anche quest’anno vado a Lucca. è dagli anni ’80 che ci vado. Prima come appassionato, e poi come professionista del settore. L’ho vista passare dal palazzetto dello sport, tutta contenuta in un’unica struttura, a realtà sparsa per tutta la città, alla ricerca anno dopo anno di spazi e piazze nuove dove infilare padiglioni. Non so se questa “Lucchizzazione” di Lucca mi piaccia. D’altro canto nemmeno mi dispiace. È una kermesse. Quando una città di 90.000 abitanti in cinque giorni vede arrivare oltre 200.000 appassionati diventa un evento degno di essere studiato. Se fossi un sociologo ne farei oggetto di studio. Lucca comics & Games come il Burning Man nel deserto del sudovest USA. Aggregazioni sociali che convergono per tot tempo in un unico punto e poi si dissolvono nella vita di tutti i giorni, fino all’appuntamento successivo. Credo ne uscirebbe un saggio interessante. In fin dei conti quanti altri eventi conoscete in Italia che raccolgono oltre 200.000 persone per cinque giorni tutte nella stessa località senza che accadano problemi di ordine pubblico. Senza violenze, senza tafferugli, senza ubriacature, o altre cose? E il tutto non con questa massa di persone contenute e “ingabbiate” in uno stadio, in un settore, in una arena di concerti, ma libera di girare per una città d’arte, senza che poi si debbano denunciare atti vandalici. Sociologicamente è un evento unico, e devo dire di essere abbastanza stupito che nessuno ne abbia fatto oggetto di analisi. Ma forse è anche bene così. Quando la cultura rispettabile entra in campo spesso il gioco finisce e subentra la noia. Vivisezionare l’evento Lucca probabilmente lo ucciderebbe.

Torno a Lucca dicevo, una Lucca Comics & Games che ormai è sovrapposta in modo quasi totale alla Lucca città. Questo, ad esempio, non accade per gli altri eventi simili a Lucca nel mondo. Il San Diego Comicon, o il Comiket di Tokyo NON si sovrappongono alle città dove si svolgono. Né il salone di Barcellona o il Salone del libro di Francoforte. Sono tutti eventi circoscritti. Lucca invece è un evento diffuso per la rete urbana. Certo questo rende a volte difficile godere di tutto quel che succede. L’atomizzazione delle strutture fa sì che sia difficile passare da un luogo all’altro. Non impossibile certo, ma difficile.

Cosa mi aspetto da quest’edizione? Nulla. Cosa posso aspettarmi da una realtà che vive di vita propria ed è – se vogliamo – prigioniera del suo successo. Lucca DEVE essere sempre più grande e immensa di anno in anno, e ogni singolo evento inserito all’interno del programma DEVE essere mirato al maggior numero possibile di spettatori. Quindi è inevitabile – e anche inevitabile – che si ragioni all’interno della logica dell’evento nell’evento. Sempre più novità, sempre più edizioni speciali e uniche per Lucca Comics, sempre più autori di richiamo, sempre più celebrazioni (ma non per riflettere sulla storia, bensì per spettacolarizzare l’esistente).

Quando mi dite “90 anni di Topolino!!!” “70 anni di Tex!!!” mi aspetterei accanto ai comprensibili momenti promozionali di vendita e marketing , anche convegni leggermente più seri – magari con molti meno spettatori, ma non per questo meno indispensabili – dove si rifletta sulla storia di quel novantesimo, sulla storia di quel settantesimo. Perché se non si mantiene viva la memoria, si vive in un eterno presente privo di senso. Verranno tre spettatori mentre al gioco sulle fake news la sala sarà piena? E cosa importa? Entrambi i momenti dovrebbero avere pari dignità ed entrambi i momenti dovrebbero avere lo stesso spazio in cartellone. Promozione commerciale e memoria. Richiamo spettacolare e riflessione sul passato.

Sicuramente gli editori (quasi tutti) venderanno tanto. Sicuramente gli editori (quasi tutti) avranno una boccata di ossigeno, e torneranno a casa con una liquidità che permetterà di resistere per qualche mese. Ma il mercato del fumetto non è Lucca. Non può essere solo Lucca. il fatturato di molti editori medio/piccoli non può basarsi almeno per il 50% su Lucca.

Mi chiedo… se il futuro era il fumetto in digitale, perché Panini o Bonelli fino ad ora nei loro padiglioni non hanno mai messo una struttura per la vendita di fumetti in digitale, con pagamento attraverso bancomat , carta di credito, o app da cellulare? Forse perché non è vero che le vendite dei fumetti in digitale siano così alte, o perlomeno non abbastanza da giustificare i costi per l’utilizzo di simili apparecchiature nei padiglioni?

Cosa mi aspetto da Lucca…incontrare amici che non vedo da tempo, passare delle belle giornate, e trovare il tempo di parlare di fumetto con chi lo ama come me.

Tutto il resto è un di più.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:698 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1236 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:909 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1080 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1067 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:578 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3921 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto