Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale - L’ipocrisia dei premi delle Fiere del fumetto

editoriale premi micheluzzidi Alessandro Bottero

Oggi ho preso Best Movie di giugno, con un grosso articolo sul Comicon, e finalmente ho letto tutti i vincitori. Come, direte voi, non li sapevi? Non eri in trepida attesa di sapere chi aveva vinto i premi Micheluzzi? No. Sinceramente da anni dei premi dati alle manifestazioni di fumetti non me ne frega niente. Al limite quando sono a cena con altri amici fumettisti per passare il tempo chiedo “Chi ha vinto lì?” o “Chi ha vinto là?”, ma trovo che la credibilità dei premi dati alle manifestazioni, specialmente quelle più mastodontiche e mainstream, sia pari a zero. Parere mio, ovvio, ed è anche ovvio che se ne vincessi uno cambierei subito opinione. Ma chiaramente se premiassero me avrebbero ragione. Quindi direi che posso continuare serenamente a pensarla come mi pare.

Chiarito questo dicevo, non sapevo chi avesse vinto tutti i vari premi Micheluzzi. L’ho scoperto oggi, ed ho avuto la conferma a cosa penso: i premi delle manifestazioni a fumetti megacolossal sono il trionfo dell’ipocrisia.

Da un lato infatti abbiamo manifestazioni sempre più mirate a fare numeri, a raccogliere il maggior numero possibile di spettatori, a vendere più biglietti possibile, con un’attenzione che ormai è più rivolta ai fenomeni popolari di cinema, TV, e anche come fumetto al fumetto di presa sul grande pubblico.  Se sfiori o superi le 100.000 presenze ti rivolgi al GRANDE pubblico, che ovviamente ha interessi di facile consumo, diffusi, trasversali, popolari, non “culturaloidi o intellettuali”.

Le megamanifestaioini si rivolgono al pubblico POPOLARE. Sono manifestazioni NAZIONAL-POPOLARI, come Sanremo. Non sono rivolte ai fini intenditori come il Premio Tenco.

Eppure se poi guardi i premi assegnati, le giurie sembrano vergognarsi di questo fatto, e assegnano premi a fumetti che non legge nessuno, a volumi fatti dall’amico dell’amico, con la narrazione criptica, lo storytelling sperimentale, il tratto che chiama il lettore allo sforzo.

Ossia organizzi manifestazioni esplicitamente nazionalpopolari, ma poi assegni i premi con criteri da snob. Come se dovessi fati perdonare questo “degrado culturale”.  Ed ecco che si premiano editori che passano da un mecenate a un altro così da ripianare i debiti accumulati per le scarse vendite, si premiano volumi che hanno venduto una miseria rispetto al fumetto che va in edicola, si premiano autori che mascherano l’incapacità di raccontare storie con la pretesa di fare sperimentazione.

E non mi riferisco solo ai Micheluzzi. Come ho detto la discrepanza tra ESSENZA delle manifestazioni nazional-popolari, e SCELTE elitarie delle giurie che assegnano i premi è comune a molte altre manifestazioni.

Oltretutto ci sarebbe da parlare anche della composizione delle giurie, spesso e volentieri composte da persone che di fumetto non capiscono nulla e servono solo a attirare l’attenzione della stampa, o composte da anni e anni sempre dai soliti amici di amici, che premiano gli amici degli amici.

Ma chi me lo fa fare?

Tanto io leggo quello che mi piace, e così giustamente dovrebbero fare tutti. Premi o non premi.

Magazine

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:569 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:626 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:760 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:850 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:415 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3749 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3580 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto