Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Dopo Fullcomics 2011 e pensando già all'edizione 2012: intervista a Salvatore Primiceri

fullcomicsposter2011minidi Alessandro Bottero

Fullcomics si è conclusa, ma si sta già pensando alla prossima edizione. Per questo ci è sembrato il caso di fare due chiacchiere con Salvatore Primiceri, sia per fare un bilancio consuntivo di questa edizione 2011, sia per lanciare la volata per l’ottava e prossima edizione nel 2012.

 Allora, come è andata questa edizione? Alcuni in giro si auguravano in una catastrofe, probabilmente per poter dire “Visto? Manco io e va tutto male!”. Invece anche quest’anno Fullcomics si è dimostrata all’altezza delle aspettative.

E’ andata bene. Come sempre il binomio Fullcomics-Piacenza ha funzionato. Abbiamo registrato circa 6.000 ingressi nonostante fossero passati due anni dall’ultima edizione piacentina. Una soddisfazione enorme ma anche un bel risultato ottenuto con forza di volontà e tanto lavoro. La risposta affettiva di Piacenza non è mancata e questa è per me la cosa più bella perché in moltissimi hanno voluto esprimermi anche stima e amicizia personale. E’ un’ottima base di ri-partenza che fa ben sperare per le prossime edizioni. Se continuiamo con questo metodo i risultati dovranno sempre migliorare.

Enrique Breccia si è dimostrato un autentico signore, sempre pronto e disponibile con i lettori. Se teniamo conto che stiamo parlando di uno degli autori più importanti a livello mondiale nel campo del fumetto, devo dire di essere rimasto sorpreso dalla poca attenzione che il mondo del fumetto ha dimostrato per questo ospite. Per autori molto meno influenti c’è gente che corre da un capo all’altro d’Italia,magari partendo da Milano ed arrivando a Napoli. Come mai secondo te questo “disinteresse” per Breccia da parte del pubblico extra-Piacenza? E perché su Internet non si è parlato come si deve del fatto che Breccia era ospite di Fullcomics? Miopia della critica online?

Enrique Breccia è un galantuomo, una persona di un’educazione e cordialità quasi inusuale per i nostri tempi. E’ un personaggio che ha affascinato e attratto il pubblico ma anche molti media che hanno potuto conoscere e apprezzare la sua professionalità. I giornali di Piacenza hanno dedicato speciali e lunghe interviste a Enrique, quindi c’è stato un forte interesse. Non so se sia mancato il mondo del fumetto. Io ho visto molti fans quasi litigare per la fila degli autografi. Forse è mancata la giusta attenzione da parte dei media specializzati ma non è una novità. Purtroppo l’informazione fumettistica in Italia è ancora lacunosa e, in alcuni casi, anche troppo amatoriale. E’ un fatto curioso se pensi che i giornali specializzati dovrebbero essere i primi a “esaltarsi” per certe notizie come l’arrivo di un grande fumettista internazionale. L’anno prossimo dovremmo aprire un dibattito sulla comunicazione e giornalismo nel mondo del fumetto.

C’è stata una polemica sui premi di Fullcomics, che qualcuno ha chiamato premi poco importanti di una manifestazione poco importante. Cosa rispondi a queste critiche?

Il premio di Fullcomics era solo alla seconda edizione e Fullcomics non è Lucca, quindi non credo che l’affermazione in oggetto fosse stata detta con volontà critica, anche se forse è stato poco opportuno, dal punto di vista della comunicazione,  esprimerla prima dell’evento e con quelle parole. Fullcomics sta diventando sempre più importante e anche il premio dovrà assumere una forte caratterizzazione in sintonia con l’identità e la missione della manifestazione. Solo così il Gran Premio Autori ed Editori diventerà un appuntamento atteso e considerato all’interno di Fullcomics.

Affrontiamo un argomento di cui quasi nessuno parla, ossia i cachet (o i cosiddetti “gettoni-presenza”) che i partecipanti all’incontro sul diritto d’autore hanno ricevuto. Puoi dirci chi è stato pagato per parlare,e quanto ha preso? E secondo te, il fatto di essere pagati per intervenire ad incontri alle mostre mercato è giusto? In effetti mi sento un po’ scemo, visto che in vent’anni di incontri io non ho mai chiesto soldi per parlare. Il sapere quanto hanno preso gli intervenuti all’incontro mi aiuterà a sapere quanto poter chiedere in futuro...

Per la mia esperienza, in sette anni di Fullcomics le persone che hanno chiesto un “cachet” si contano sulle dita di una mano quindi non sei l’unico a parlare gratis alla conferenze. C’è però chi ritiene, ed è un’opinione rispettabile, che la professionalità e le competenze in una specifica materia che il relatore può offrire, debbano essere retribuite. Personalmente credo che questo sia più giusto se si parla di “convegni/congressi” ma un pochino “forzato” quando si partecipa a mostre mercato dove l’incontro è un appuntamento di contorno all’evento e anche di breve durata. In questi sarebbe meglio parlare di rimborsi spese. Ovviamente è una mia opinione e rispetto chi non la pensa come me. In questa edizione abbiamo pagato un forfait (comprensivo di rimborso spese) a  Matteo Stefanelli e Ivo Milazzo, rispettivamente di 150 euro il primo e 500 euro il secondo.

Cosa bolle in pentola per il 2012? Hai già qualche idea per l’ottava edizione di Fullcomics?

E’ la prima volta che mi capita che il giorno dopo la chiusura di un’edizione si tiene una riunione per parlare già dell’anno successivo. E’ un buon segnale, dettato in parte dall’entusiasmo derivato dal successo di quest’anno e in parte dalla consapevolezza che si può e si deve fare sempre meglio, tant’è che sono state individuate già alcune “cose da sistemare”. Oltre alla risoluzione dei “problemi” sono in cantiere nuove idee di cui ora, un po’ per scaramanzia, preferirei non parlare. Credo che se tutto va come deve andare vi riferirò presto qualche novità. Per ora godiamoci ancora qualche giorno questa soddisfazione che condivido e dedico a tutti quelli che a Fullcomics hanno sempre creduto e che si sono sempre adoperati, senza se e senza ma, per fare in modo che l’evento si affermasse sempre di più. Quindi un caloroso grazie anche a voi amici di Fumettodautore.com.

Le notizie realizzate in diretta da Fullcomics 2011 potete leggerle QUI. Nei prossimi giorni aggiungeremo tutte le notizie che abbiamo realizzato ma che non siamo riusciti ad inserire in diretta. Insomma, Fullcomics 2011 continua.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:709 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1244 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:917 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1090 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1072 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:584 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3924 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto