Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Intervista » Pratt, Manara, Pazienza & co.: vizi e virtù del fumetto italiano nei ricordi di Rinaldo Traini

traini-copertinadi Giuseppe Pollicelli*

In questo 2015 si sta variamente celebrando il mezzo secolo dall’uscita del primo numero della rivista “Linus”, ed è una cosa sacrosanta. Ma c’è un’altra ricorrenza fondamentale per la storia del fumetto italiano che non va passata sotto silenzio: i cinquant’anni dallo svolgimento della prima edizione del Salone Internazionale dei Comics, che si tenne nel 1965 nella cittadina ligure di Bordighera. Tale evento, dall’anno successivo, si sarebbe trasferito a Lucca e da lì non si sarebbe più mosso, consacrandosi come uno degli appuntamenti più importanti d’Europa tra quelli legati al fumetto, vero e proprio modello per altre prestigiose manifestazioni come la francese Angoulême. Nato da un’intuizione dello studioso Romano Calisi, il Salone ha avuto fin dall’inizio un perno imprescindibile in Rinaldo Traini, che lo avrebbe poi diretto fino ai primi anni Novanta. Storico del fumetto e instancabile animatore culturale, ma anche prolifico editore di fumetti sia d’epoca che contemporanei, Traini - romano doc pur essendo nato a Milano nel 1931 - ha ora dato alle stampe un illustrato libro di memorie in cui, cucendo tra loro scritti editi e inediti, intreccia la propria biografia alla storia del fumetto italiano nel Novecento: Incontri. Ottanta anni con i fumetti (Ed. Create Space Publishing Platform, pp. 90, euro 18, per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

Quali fumetti ami di più?

«Semplice, quelli realizzati dagli autori più bravi. Ho sempre pensato che vi sia un’incolmabile distanza tra l’Aurelio Galleppini di Tex e il meno noto Rino Albertarelli: a tutto vantaggio del secondo. Su questo punto ho discusso tante volte con l’amico Sergio Bonelli, il quale era invece convinto che il fumetto autentico fosse quello che faceva lui. E magari di fronte ai lavori di un Bilal storceva il naso».

Quando, recuperando un tuo precedente progetto, nel 1974 fondi la casa editrice Comic Art, ti specializzi nella riproposta del fumetto classico, soprattutto americano. Poi però, nel 1984, “Comic Art” diventa anche una rivista che ospiterà i nomi più importanti del fumetto internazionale.

«Per i primi sei o sette numeri il mensile non è andato benissimo. La svolta è arrivata quando ho ereditato da una rivista concorrente che aveva appena chiuso, “Orient Express”, autori come Magnus, Berardi & Milazzo e Saudelli. A quel punto Comic Art ha cominciato a vendere oltre 15.000 copie a numero e, per un po’ di anni, è riuscita a mantenersi su questi livelli».

“Orient Express” l’aveva inventata Luigi Bernardi, personaggio di rilievo dell’editoria italiana (non solo a fumetti), prematuramente scomparso nel 2013.

«Bernardi, uomo molto intelligente, è all’origine del mio litigio con Milo Manara, il quale non mi ha più rivolto la parola dopo che io mi sono rifiutato di allontanare - come Manara avrebbe voluto - Bernardi medesimo da Comic Art: Luigi aveva scritto che Manara ricalcava le foto porno e che il suo Il gioco era “un fumettaccio senza pretese sceneggiato alla boia di un Giuda”… Era un musone, sempre ingrugnato. E uno scialacquatore molto amante della bottiglia. Veniva da Bologna a Lucca in taxi e spendeva l’ira di Dio per assicurarsi i fumetti giapponesi, che di fatto ha portato lui in Italia. Il padre era un ricco proprietario di immobili e credo che lui un paio di palazzi di famiglia se li sia “fumati”».

traini-foto

Hai collaborato anche con Oreste del Buono.

«Coltissimo e arguto. E molto dispettoso. Poteva fare a pezzi chiunque irridendone con precisione chirurgica tic e debolezze. C’è stato un periodo in cui nell’editoria era Dio: se ti mettevi contro di lui, avevi chiuso».

Tra i tuoi amici figura anche Hugo Pratt.

«Esuberante e incontenibile come spesso sono i geni. Lo ricordo già molto ingrassato, nel 1967, ingozzarsi di bignè a Lucca. In quel periodo stava realizzando, grazie ai finanziamenti del suo mentore genovese Florenzo Ivaldi, la storia in cui debutta Corto Maltese, Una ballata del mare salato».

Su Comic Art hai ospitato anche numerosi lavori inediti di Andrea Pazienza, spiazzando i lettori più tradizionalisti.

«Siamo a metà anni Ottanta. Alla rivista “Corto Maltese”, edita da Rizzoli, avevano cominciato a emarginare Pazienza perché, pochi lo sanno, Pratt non lo poteva vedere in quanto lo faceva sentire vecchio, superato. Allora propongo ad Andrea di passare con me, offrendogli 350 mila lire a tavola. Lui accetta, ma a patto di avere sempre carta bianca. Un giorno di giugno del 1988 viene a trovarmi a Roma, in redazione, e mi chiede un acconto (che io gli concedo) dicendomi che da due mesi non si buca. A un certo punto però scende e sta via una mezzora, e quando torna su appare innaturalmente contento. Era andato da un noto spacciatore della zona, ed è da costui che ha comprato la dose che lo avrebbe ucciso. Quando, nella serata di quello stesso giorno, è tornato a Montepulciano, si è drogato di nuovo ed è morto. Già una volta a Lucca, del resto, mia moglie lo aveva salvato per un pelo. Non si può smettere di maledirlo per quello che ha combinato…».

Articolo apparso originariamente su “Libero” del 13 giugno 2015. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:826 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1348 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1034 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1222 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1166 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:663 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3995 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto