Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Ciro Conti - Intervista all'autore Fabio Marchese

Copertina Ciro Conti Belladonna c Fabio Marchese

Da qualche tempo sui social imperversa il nome di Ciro Conti, nuovo fumetto che, sui vari gruppi facebook dedicati alla nona arte, viene pubblicizzato in maniera virale dall'autore del volume.

Incuriositi dal personaggio, noi di Fumetto d’Autore abbiamo deciso di capire meglio di cosa si tratta.

Ed eccoci quindi ad intervistare l’autore Fabio Marchese.

 

FdA: Buongiorno Fabio. Per cominciare presentati ai nostri lettori.

A.M.: Buongiorno anche a voi e piacere di essere qui. Mi chiamo Fabio Marchese, sono nato a Caltanissetta, mi sono diplomato alla scuola d'arte. Da parecchi anni vivo in Germania. Fin da bambino ho avuto la passione per il disegno, talento ereditato da mio padre che è stato un allievo di Hugo Pratt in Argentina a Buenos Aires. La passione nel fare fumetti è nata nel vedere da bambino in televisione, Maurizio Costanzo, mentre faceva un'intervista ad un giovane fumettista. Ne rimasi colpito. Anche se la prima volta che ho pubblicato un fumetto risale ormai al 1999 in Germania. questo 2016 con la BookSprint lo considero l’anno di esordio effettivo nel mondo del fumetto.

FdA: Ciro Conti – Belladonna è il volume che pubblicizzi su Facebook in maniera quasi virale. Ci racconti di cosa parla il tuo fumetto?

A.M.: Si tratta di un fumetto ambientato ai giorni nostri a Francoforte, il cui protagonista è un “accompagnatore di signore”, il quale si trova in pericolo. Infatti un Serial Killer ha preso di mira i gigolò, uccidendoli tramite un veleno chiamato “belladonna”, da cui prende il titolo questo volume. E così Ciro con l'aiuto del suo amico investigatore privato, Oliver Schulz. viene coinvolto nell’indagine. Del caso si occupa anche il commissario Otto Cymbalak, che sta seguendo il caso da tempo. La figura femminile naturalmente non manca, infatti si scopre che l'assassino altro non é che una donna Naturalmente ci sono intrecci ed erotismo per tutto il fumetto, per il quale il nostro protagonista si lascia coinvolgere.

Fda: Sappiamo che questo non è il tuo primo fumetto con protagonista questo “accompagnatore di signore”. Ci racconti da dove nasce il personaggio e a quali autori ti sei ispirato?

A.M.: Si è vero, questo personaggio con una storia diversa, fu pubblicato a episodi, nel 1999, per una rivista italo-tedesca. Ma non durò molto, a causa della chiusura della casa editrice. A quei tempi l'editore mi lasciò ampio margine per creare una storia con un personaggio italiano, mettendomi a disposizione tre pagine della sua rivista mensile. Così quasi istintivamente nacque “Ciro Conti”. Prendendo lo spunto dal film “American Gigolo” e dal fatto che mi piace il filone erotico con personaggi femminili tipo “Latin Lover”, mi è sembrata una buona idea creare un personaggio diverso dai soliti poliziotti e commissari, che tramite questa professione di “accompagnatore”, potesse vivere delle avventure pericolose. Questo è stato il concetto di base. Naturalmente il “Ciro Conti” che presento oggi, con la BookSprint è un po' diverso da quello di tanti anni fa, ho avuto modo di farlo maturare e la storia è completamente diversa. Come lettore, sono cresciuto con i fumetti Bonelli, in particolare quelli di Mister No, di cui facevo la collezione. Ero attratto da alcuni disegnatori, in particolare Roberto Diso e Fabio Civitelli. Poi da alcuni anni mi sono avvicinato al Corto Maltese di Hugo Pratt cui mi sono ispirato molto. Inutile dire che in questo processo di crescita ho poi cercato di trovare un mio stile ben definito.

FdA: Ciro Conti è un italiano che vive in Germania proprio come te ci pare di capire leggendo la tua biografia. Quanto di autobiografico c’è in quello che scrivi?

A.M.: Non è la prima volta che mi fanno questa domanda, anzi addirittura, amici e conoscenti mi riconoscono nel personaggio. Specialmente in Germania noi italiani siamo considerati a priori dei Latin Lovers. La cosa divertente è che alcuni hanno creduto che io fossi stato un gigolò, cosa che smentisco. Quanto c'è di autobiografico di quello che scrivo? Beh! Tutto! No! Sto scherzando! Non sono mai stato in pericolo di essere avvelenato con il siero Belladonna. Sicuramente c'é qualcosa in questa storia che mi è realmente successo, ma poca roba... tutto il resto è fantasia. Comunque il modo di fare del personaggio un po' si avvicina al mio carattere. Anche se non è tra le domande di questa intervista, vorrei dire che alcuni personaggi di questo fumetto, sono personaggi reali almeno fisicamente, la quale ho dato una parte nel fumetto, cambiando a volte il nome.

FdA: In molti sono rimasti incuriositi dal volume Ciro Conti grazie alla tua virale promozione sui social. Che riscontri hai avuto? Pensi che questa tua presenza e pubblicizzazione possa avere un reale riscontro di vendite?

A.M.: È vero ho pubblicizzato più possibile il mio fumetto, anche su consiglio della casa editrice BookSprint, che ringrazio per avermi sostenuto. Si penso che la mia presenza e pubblicizzazione possa aiutare nelle vendite. Il marketing specialmente per uno che non è conosciuto come me, è molto importante, in caso contrario si rimane invisibili, con tutta la concorrenza che c'é. Per fortuna c'é qualcuno come voi, che prende in considerazione nuovi fumetti di autori sconosciuti. Grazie anche alla vostra pubblicità, ho avuto dei riscontri positivi, penso che la gente conosca la vostra professionalità ed ha fiducia nel vostro lavoro, pertanto un prodotto recensito da voi, o da altri professionisti del settore, acquista valore agli occhi del lettore, così più disposto a prenderlo in considerazione. Io personalmente non so ancora come andranno le vendite, ma molti hanno dimostrato interesse, so che qualcuno l'ha già comprato ed ha apprezzato il mio lavoro. Certo, parlare di successo è troppo presto.

FdA: In ultimo ti chiediamo di prenderti lo spazio che resta per spiegare ai nostri lettori perché acquistare il tuo Fumetto.

A.M: Perchè acquistare il mio fumetto? Beh! È un fumetto fatto in piena libertà, senza influenze politiche. È un giallo, intrigante, erotico, divertente, c'é l'azione ed è fatto con passione, per poter divertire il lettore, e farlo appassionare. Il personaggio penso che abbia le carte in regola per fare innamorare i lettori... E poi non finisce qui... avremo un sequel...Ciro Conti, tornerà con una nuova avventura ancora più intrigante!

Vi ringrazio molto per avermi dato l'opportunità di parlare di me e del mio fumetto.

Grazie mille Fabio e in bocca al lupo per il tuo Ciro Conti.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:955 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1491 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1149 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1369 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1279 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:807 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:4081 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto