Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Sotto il segno di Tex ribelle e legalitario

autobiografia-tex-willerdi Roberto Alfatti Appetiti*

Più "altrove" che frontiera, il west made in Italy. Luogo immaginario e immaginifico, oasi di fantasia nell'interminabile dopoguerra del neorealismo e del politicamente corretto. Le pistole avevano da poco smesso di fumare nel nostro paese, quando nel 1948 fece la sua apparizione Tex.

Per quanto i censori si affannassero a sbianchettare le colt, il personaggio creato da Gianluigi Bonelli - "padre" di un Almirante che non è Giorgio ma Furio, fascistissimo pugile di carta e inchiostro nato nel 1941 - non le infilò nella fondina né mise fiori nella canna. Animato da un irrinunciabile senso di giustizia, non esitò a fare fuoco per vendicare la morte del padre e della moglie indiana, conquistandosi fama da fuorilegge. I giovani di destra non poterono fare a meno di identificarsi con lui: il rispetto della parola data, la coerenza, il coraggio, il senso di appartenenza a una comunità dileggiata, quella Navajo. Così come i personaggi di celluloide di Sergio Leone, grande outsider del western all'italiana, Tex disprezza l'utilitarismo e ha una concezione avventurosa della vita. Una weltanschaung cui non rinuncia. È intransigente ma non manicheo. In anni in cui i "pellerossa" venivano dipinti al cinema come selvaggi e il tutto si risolveva nell'attesa salvifica che arrivassero i nostri, ovvero i civilizzatori, Tex, legandosi al popolo rosso, ha affermato il valore delle culture "altre" rispetto a quelle "occidentali". L'amicizia non conosce confini e non si tradisce. Tanti nemici? Molto onore. Banditi, latifondisti sfruttatori e politicanti senza scrupoli. Il west di Tex, a ben vedere, non era poi così lontano dall'Italia degli anni Cinquanta. Il celebre ranger decise di mettersi al servizio della legge dei bianchi che pure lo trattavano con diffidenza, la giovane destra italiana si schierò dalla parte di uno Stato che non voleva farsi patria.

Ribelle e legalitario al tempo stesso, Tex richiama l'anarca di Ernst Jünger. «Non è certo un eroe da oratorio», ha detto Massimo Fini. L'Osservatore Romano lo ha riabilitato solo recentemente: «Esempio di rettitudine morale - l'ha definito - e portatore di comportamenti dettati da valori non negoziabili».
«Ma i nostri peggiori nemici - ebbe a sottolineare Sergio Bonelli - sono stati gli educatori scolastici, erano infastiditi dal fatto che le nostre storie trattassero tematiche più affascinanti sia delle ideologie che dei libri di testo».

Che il fumetto potesse rappresentare un mezzo di comunicazione più efficace di quelli tradizionali, lo capì, tra i primi, Almerigo Grilz, leader del Fronte a Trieste e poi reporter di guerra: da ragazzo firmò fumetti d'avventura, e poi, insofferente come Tex al tepore di una scrivania, quelle emozioni se le andò a cercare in prima linea, finendo ammazzato in Mozambico. La prima esperienza compiuta fu La Voce della Fogna - il periodico fondato e diretto da Marco Tarchi, all'epoca punta di diamante dei giovani rautiani - dove fece irruzione il topo di Jack Marchal. Nato come rappresentazione autoironica dai giovani nazionalisti di Occident, le rat maudit conquistò rapidamente i giovani del Msi come anche delle formazioni extraparlamentari. Mario Bortoluzzi, voce della Compagnia dell'Anello, storica band di musica alternativa, ha spiegato come per chi faceva politica a destra negli anni ‘70, sempre alle prese con mille difficoltà e una proverbiale mancanza di mezzi, era facile immedesimarsi nei personaggi dei fumetti: «Le prime esibizioni del gruppo iniziarono nell'autunno '74 nei polverosi locali del Fronte della Gioventù di Padova che tanto ricordavano la sede del mitico gruppo TNT di Alan Ford per il sinistro scricchiolio dei solai di legno». Che si trattasse del west o di una immaginaria New York dei bassifondi, l'America ha alimentato l'immaginario giovanile della destra, anche se - citando Sergio Leone - «gli americani non sono aquile e, anzi, hanno il dannato vizio d'annacquare il vino delle loro idee mitiche con l'acquetta dell'american way of life».
Le storie del leggendario west si sono progressivamente ritirate dall'edicole, ma Tex è ancora lì e quel senso di giustizia è ancora vivo nelle giovani generazioni. Non chiede eroi, ma buona politica.

*articolo pubblicato su Il Secolo d'Italia del 20 maggio 2012 e on line sul blog dell'autore. Nell'immagine: la copertina del romanzo di Tex Willer.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:131 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:1830 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:1966 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1135 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1713 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1355 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1629 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto