Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Goodbye Bukowski: tutto Buk vignetta per vignetta

goodbye-bukowski di Giuseppe Pollicelli*

Chi si sente portato per il racconto, a maggior ragione se ha una qualche dimestichezza con il disegno, sceglie sempre più spesso di esprimersi attraverso il fumetto. Una tendenza destinata a rafforzarsi, poiché la compresenza di parole e immagini, tipica del linguaggio fumettistico, rappresenta un compromesso gradito, e funzionale, per chi si è nutrito di narrazioni (film, cartoons, serie tv, videogiochi) in cui è centrale l’elemento visivo. Proliferano quindi i fumetti firmati da autori giovani: opere non soltanto interessanti per le tematiche trattate ma, in molti casi, notevolmente mature da un punto di vista formale. Una delle case editrici italiane più attente alle novità fumettistiche è la Coconino Press, tra le cui ultime proposte spicca l’esordio assoluto, in ambito professionistico, di un ventisettenne di Ravenna, Flavio Montelli, cimentatosi con una biografia di Charles Bukowski che ricostruisce alcuni momenti della vita privata dello scrittore americano (Goodbye Bukowski, pp. 156, euro 16). Montelli, che pure - come vedremo - di Bukowski è un cultore, sa mantenere un tono distaccato, senza adesioni o compiacimenti, e sfodera un segno già personale benché ancora in formazione. Un segno per il quale, sia detto a merito di Montelli, è difficile individuare ascendenze palesi, se non forse - alla lontana - l’Andrea Pazienza di certe crude storie metropolitane di fine anni Ottanta realizzate con il solo pennarello nero.

La scoperta di Bukowski avviene per Montelli quando quest’ultimo ha solamente dieci anni. Una sua cugina gli porta in casa una copia di “Storie di ordinaria follia”, celebre raccolta di racconti semiautobiografici la cui lettura costituirà per Flavio - che all’epoca si dibatteva malvolentieri, per obblighi scolastici, con il “Cuore” di Edmondo De Amicis - la classica folgorazione capace di cambiare, se non proprio un’intera esistenza, almeno la visione che uno ha dell’esistenza. Da quel momento lo scrittore statunitense (che però era nato in Germania, nel 1920, e aveva origini tedesche e polacche) diventa per Montelli una presenza irrinunciabile, una sorta di faro della cui luce non si può fare a meno. L’intera produzione narrativa di Bukowski viene progressivamente divorata: sia i testi in prosa sia quelli in poesia vengono letti e riletti sino alla consunzione, finché a un certo punto, fatalmente, questo totalizzante rapporto intellettuale, questa precocissima e particolare affinità elettiva con la poetica di un artista, comincia a richiedere nuovi sbocchi. Montelli, divenuto nel frattempo un fumettista, decide allora, per garantire ulteriore alimento alla sua passione, di fare di Bukowski il protagonista del suo primo lavoro importante. A ispirarlo, dicevamo, non è stata l’immagine pubblica di Bukowski, quella dello scrittore costantemente attaccato alla bottiglia, attorno a cui si è costruita nel corso degli anni una robusta e in parte fasulla mitologia. Flavio ha fatto anzi il possibile per tener fuori dal suo graphic novel Henry Chinaski - che di Bukowski è il ricorrente alter ego romanzesco - e illuminare il Bukowski uomo. Per portare a compimento quest’operazione, non facile e sicuramente onesta, Montelli ha basato gran parte delle sue ricerche sull’epistolario bukowskiano, costituito per lo più dalle missive che lo scrittore inviava alle proprie donne. Nello studiare queste lettere, Montelli ha più volte confrontato alcuni degli episodi in esse riferiti con altri, simili, che Bukowski ha inserito nei suoi romanzi, riuscendo in tal modo a capire dove finisse la realtà e iniziasse la rielaborazione del romanziere. Un lavoro anche filologico, in un certo senso, come ben dimostrano alcuni particolari che potrebbero risultare inediti anche per quegli estimatori di Bukowski che di solito non leggono fumetti. Montelli, per esempio, evita di menzionare i due scrittori che vengono regolarmente citati quali modelli di Bukowski, cioè Ernest Hemingway e John Fante, e ci fa invece vedere Charles intento nella lettura di “Winesburg, Ohio”, raccolta di novelle dello statunitense Sherwood Anderson, considerato un maestro del racconto breve nonché uno dei principali riferimenti letterari dello stesso Hemingway. Analogamente, Montelli ha ritratto (addirittura in copertina) un Bukowski che tiene fra le mani - mentre alle sue spalle si svolge una chiassosa festa a cui appare del tutto disinteressato - “The Heart is a Lonely Hunter”, intenso romanzo giovanile (ambientato nel profondo Sud degli Usa) della scrittrice Carson McCullers, altro esponente del ristrettissimo pantheon bukowskiano. Una parte del libro, infine, mostra l’amore tenero e totale di Bukowski nei confronti della figlia Marina, all’epoca (anni Settanta) ancora bimba, con la quale si comporta, quando ha occasione di vederla, come il più irreprensibile e premuroso dei padri. “Goodbye Bukowski”, insomma, ci ricorda una cosa fondamentale: l’eccezionalità dei grandi scrittori sta quasi sempre nelle loro pagine, molto meno spesso nella loro vita.

*Articolo pubblicato su “Libero” del 28 giugno 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:492 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2334 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2446 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1519 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2466 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1697 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2086 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto