Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Le Storie (del mondo) secondo Bonelli

storie bonelli01di Giuseppe Pollicelli

Qualunque altro editore italiano avesse lanciato in edicola una collana a fumetti costituita da albi mensili contenenti ciascuno una lunga storia inedita e autoconclusiva, cioè slegata dal meccanismo della serialità e priva di personaggi fissi, l’avrebbe senza dubbio intitolata «Graphic Novel». Graphic novel, alla lettera «romanzo grafico», è infatti la doppia parola magica grazie a cui il fumetto di casa nostra, da alcuni anni, ritiene di poter essere definitivamente accolto nei piani alti del mondo intellettuale, là dove si produce e si consuma (o almeno si presume di farlo) cultura con la C maiuscola. Doppia parola magica, graphic novel, che dovrebbe anche assicurare una maggior attenzione da parte dei lettori, consentendo di intercettare il pubblico che di solito non guarda con particolare interesse alle cosiddette «nuvole parlanti».

Qualunque altro editore italiano, dicevamo, tranne la Sergio Bonelli Editore. La quale, dimostrando ancora una volta un’ammirevole sprezzatura verso ciò che è corrivo e conformista, ha battezzato la sua ultima collana mensile (fatta di episodi autoconclusivi di 110 tavole) con un nome semplice e italianissimo: Le Storie. Non si vede, d’altra parte, cosa potesse importare di ricorrere a superficiali e poco significative etichette a una casa editrice che - prima che l’espressione «graphic novel» cominciasse a diffondersi per iniziativa del fumettista americano Will Eisner (era il 1978) - aveva già varato una serie di volumi (dalla veste grafica prestigiosa e realizzati dai migliori autori di fumetti) ognuno dei quali era, in tutto e per tutto, un «romanzo grafico». La serie in questione, ideata dallo stesso Sergio Bonelli e uscita tra il 1976 e il 1980, s’intitolava «Un uomo, un’avventura» e si avvaleva dell’apporto di firme di livello assoluto come Crepax, Pratt, Toppi, Battaglia e Manara. La nuova collana bonelliana ne riprende lo spirito ma con alcune differenze dovute al mutare dei tempi e del mercato. I volumi di «Un uomo un’avventura» erano a colori, cartonati, di grande formato e pensati per le librerie, mentre quelli de «Le Storie» sono fascicoli in bianco e nero, da edicola e nel classico formato di Tex. Il che li avvicina a un’altra pubblicazione della Bonelli, ancora più antica (esordì nel 1967), la «Collana Rodeo», che ospitava sì delle serie a continuazione (come la famosa «Storia del West») ma anche singole avventure autoconclusive. Ciò che più accomuna «Le Storie» a «Un uomo, un’avventura» è, forse, l’enfasi posta - a differenza di quanto faceva la «Collana Rodeo» - sui nomi degli autori, cui viene data grande evidenza già a partire dalle copertine (affidate al maestro dell’illustrazione Aldo Di Gennaro).

Spettacolare, a tale proposito, la cover del primo numero, uscito pochi giorni fa, in cui il boia Sanson, attivo durante il Terrore giacobino, mostra alla folla, sotto un’incombente ghigliottina, la testa appena tagliata di un condannato. «Il boia di Parigi», scritto da Paola Barbato e magnificamente disegnato da Giampiero Casertano, costituisce - coi suoi toni morbosi e l’apprezzabile fedeltà storica - un esordio di tutto rispetto per la collana, che nei prossimi due mesi proporrà una vicenda ambientata nel Giappone del periodo Edo («La redenzione del samurai», di Recchioni e Accardi) e una storia i cui scenari saranno quelli  dell’India coloniale di metà Ottocento («La rivolta dei Sepoy», di De Nardo e Brindisi). L’intenzione della Bonelli sembra quella di dar vita a un excursus attraverso i vari luoghi del mondo e le diverse epoche storiche: quasi un tributo al dimenticato «Giornale dei Viaggi», effimera ma interessante rivista di divulgazione che Sergio Bonelli editò nel 1961 per dare sfogo a due tra le sue passioni più grandi, appunto i viaggi e la storiografia. L’auspicio, a questo punto, è che la Bonelli consenta ai suoi autori di utilizzare «Le Storie» anche per tentare qualche sperimentazione di carattere formale e narrativo, senza vincolarli alle formule classiche da sempre care alla casa editrice milanese.

 *Articolo tratto da “Libero” del 21 ottobre 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:947 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1484 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1145 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1364 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1270 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:800 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:4076 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto