Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: News
  • Visite: 4037

PRETTY DEADLY (BAO Publishing)

pretty deadlydi Matilde Losani

Un'opera tutta al femminile quella che ho scoperto in fumetteria... Ho avuto tempo e modo di leggere il primo ed il secondo volume in modo consecutivo (il che spesso aiuta a comprendere la vera portata della storia) e ora devo fare i conti con le mie sensazioni ed emozioni. Ci illudiamo (noi essere umani) di essere destinati all'eternità e questa convinzione ci permette di vivere segregando la paura della morte nell'angolo più oscuro e remoto del nostro cuore, pronto a riemergere solo in situazioni di pericolo, così da avere la giusta carica di adrenalina per metterci in salvo. Ma la morte è davvero il nemico numero uno dell'uomo? Si narra che un giorno Morte di innamorò di Bellezza, dapprima rinchiusa in un'alta torre dal geloso Scalpellino e poi imprigionata da Morte nel suo regno, la quale diede alla luce una bambina di nome Ginny, che avrebbe vissuto animata da un eterno proposito di vendetta. Presto Morte lasciò il trono del suo regno ad un'erede, protetta fino all'inverosimile da Scalpellino, il cui nome da principessa (Sissy) contrastava con le sue sembianze da corvo e le origini della sua nascita. Sarà compito di Sissy prendersi cura di un incantevole giardino, in cui verranno a trovare ristoro coloro che avranno tante storie da raccontare, fornendo un sedimento vitale al giardino.Ma un regno non può esistere senza cavalieri e quelli di cui si narra in questa storia si chiamano mietitori, che non sono dei e non sono uomini, e quando muoiono, cambiano solo forma, come farfalle dopo aver subito la metamorfosi. Esistono vari tipi di mietitori: della paura, del coraggio, della grazia, della guerra … e alcuni di questi a volte prendono il sopravvento, alimentando il fiume del sangue oltremisura e, allora, intervengono Ginny e sua sorella Alice, amiche-nemiche, legate dal filo rosso del destino e del sangue che loro stesse devono versare.Prima volta che leggo qualcosa di queste autrici, ma qualcosa me le ha rese comunque familiari: i colori. Infatti, la colorista è Jordie Bellaire, della cui tecnica e bravura ho potuto godere in Injection, They're not like us e Vision. Se siete lettori “fast-food”, evitate di leggere questo fumetto, perché potreste avere seri problemi di digestione, ma se avete la pazienza di sedervi a tavola, assaporando ogni boccone delle pietanze che sono state preparate per voi, allora fatelo senza temere insoddisfazioni e scoprirete dei nuovi sapori, che vi porterete con voi per molto tempo, fino a quando entrerete in un incantevole giardino e anche voi potrete raccontare una storia...

 

PRETTY DEADLY di Deconnick, Rios e Bellaire; edito da BAO Publishing, brossurato, colori, Euro 14,00

 

banner2 sturiellet

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:131 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:1829 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:1965 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1135 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1709 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1354 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1627 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto