Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Jonathan Lethem: "Perché amo Batman"

[30/08/2012] » Lo scrittore confessa a "Rolling Stone" la sua passione per il Cavaliere Oscuro.

da La Stampa

New York - Lo scrittore di «La fortezza della solitudine» confessa a Rolling Stone (in edicola oggi) il suo amore per Batman, il cui terzo film arriva pure oggi in sala.
 
di Jonathan Lethem

Il primo supereroe che ho amato è stato Batman. Il primo disegno che ho provato a fare è stato sempre Batman (...). Non l’ho mai abbandonato, anzi, è come se la sua sagoma contenesse tutte quelle curiosità che mi avrebbero catturato in seguito; è come se la sua sagoma contenesse tutto me stesso. Forse Batman resiste perché ha un bel nome e una bella maschera, un costume che non lo fa sembrare un clown. E perché non ha superpoteri. È quello meno toccato dall’assurdità della categoria a cui appartiene, e a quella categoria senza speranza offre qualche possibilità. Superman indossa un pigiamino da bambini, mentre Batman veste una versione atletica di abito e soprabito. È l’unico supereroe completamente umano (...).

Ha l’immagine di un magnifico Philip Marlowe, un’altra figura solitaria, un cavaliere metropolitano guidato dal proprio codice. E porta con sé le stigmate di un trauma, una ferita del passato, proprio come quel detective, il cui trauma è rappresentato dal trench che indossa: un cappotto da trincea. La trincea di una guerra. Il detective con indosso il trench è un veterano della I Guerra Mondiale. Batman, invece, è il veterano di una guerra segreta interiore, ferito in un modo tale che nessun civile potrebbe mai comprendere appieno.

Ed ecco un altro semplice aspetto del suo fascino duraturo: Batman ha a che fare con una galleria di criminali più interessante di qualsiasi altro eroe. È il nemico a forgiare l’eroe, ed è proprio questo il caso di Batman. Naturalmente, il suo più grande nemico è Joker. E tante delle sue nemesi - quelli che tirano in aria la monetina, o gli uccelli che non volano - ripropongono la stessa euforia snervante di Joker. A livello più profondo, il vero nemico di Batman è lo scherzo in sé, la risata, lo sberleffo. È l’opposto del divertimento, anche se lui stesso nasce all’interno di un fumetto (comic book, in originale, ndr). Batman esprime austerità, rigida risoluzione, minacciate di continuo da loquacità, malizia ed esuberanza. Fa appello direttamente alla nostra serietà. (...)

Inoltre, Batman è dark. Il pallore insostenibile, l’isolamento tipico del vendicatore, i legami con i cultori degli animali, il fatto che occupi Gotham City. È il punto di unione tra la figura del supereroe e quella dei morti viventi: vampiri, lupi mannari, fantasmi. All’ombra della legittimità di Batman, aleggia un Dracula americanizzato un essere notturno, sotterraneo, seduttore. Nell’identità segreta di Batman c’è più di una traccia dell’immagine europea decadente del mostro aristocratico. E più prendiamo seriamente Bruce Wayne, più è probabile che rifiutiamo questo rappresentante dell’1% ricco e rabbioso che perpetua il suo ciclo di abusi. Bruce Wayne non ha nulla a che spartire con la profonda povertà esistenziale di Batman. È meglio credere che la vera identità sia proprio quella di Batman. Bruce Wayne ne è solo un pezzetto residuo. È Batman che continua a fingere di essere Bruce Wayne.

batman-contro-bane

Nell'immagine una foto di scena del terzo film di Batman che ritrae il cavaliere oscuro contro Bane, il villain del terzo capitolo della saga dell'uomo pipistrello.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:709 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1243 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:917 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1088 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1072 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:584 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3924 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto