Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Zona del silenzio

zonadelsilenzio"Questo libro è un atto dovuto, un romanzo collettivo, uno strumento per una campagna politica complessiva contro la repressione, gli abusi dei cittadini in divisa, contro il razzismo e il proibizionismo, per svelare i veleni dellla cosiddetta emergenza sicurezza, per la trasparenza degli organi di polizia."

Zona del silenzio, di Checchino Antonini e Alessio Spataro, uscita a giugno scorso per i tipi di minimum fax, con i suoi pregi e i suoi limiti, sta tutto in queste quattro righe tratte dai ringraziamenti del volume. Ma partiamo dall'inizio. Il modello editoriale Beccogiallo imperniato sulla cronaca giornalistica a fumetti viene sperimentato anche dalla minimum  fax, che nel travaso sembra però acuire alcuni scricchiolii già ravvisati nel modello originale. Zona del Silenzio dovrebbe essere un'inchiesta a fumetti sul drammatico caso di Federico Aldrovandi., in effetti  si rivelerà uno storia che parte dal Caso Aldrovandi. Chi è Federico Aldrovandi? All'alba del 25 settembre del 2005, un diciottenne muore a Ferrara, pochi minuti dopo essere stato fermato dalla polizia. La morte di Federico sarebbe stata liquidata come semplice caso di cronaca locale, se la madre, donna veramente coraggiosa, non avesse aperto un blog per battersi e ottenere la verità sulla morte del figlio. "Da quel blog e da un lavoro di inchiesta di tre anni nasce Zona del silenzio" ci indica la quarta di copertina del libro. Il caso, grazie al quotidiano Liberazione, allora diretto da Piero Sansonetti, diventò di rilevanza nazionale. "Zona del silenzio" è quello che è scritto in un cartello vicino al luogo in cui è morto Federico dopo l'intervento di due pattuglie intervenute per una chiamata per schiamazzi notturni. Checchino Antonini e Alessio Spataro danno vita ad una interessante "docufiction" che, se ci si aspettava un approfondimento  maggiore sull'aspetto processuale della vicenda, relega in diversi punti il Caso Aldrovandi a degli intermezzi mentre seguiamo la vita del giornalista d'inchiesta Simone, che si mette dietro al Caso Aldrovandi, e di Michele, giovane fumettaro e forse figlio di Michele. La vita di Simone e Michele si dipana negli eventi contemporanei al caso Aldrovandi. "Troviamo un ritratto di una certa sinistra italiana, con le sue passioni, idealità e fallimenti", dice Michele Ginevra del Centro Fumetto Andrea Pazienza a proposito del libro. La necessità autobiografica degli autori di raccontare anche eventi che non hanno attinenza con il tragico Caso Aldrovandi, forse nel tentativo di dare una visione "complessiva," sembra essere la marcia in meno in molti punti del romanzo grafico. Spataro, da un punto di vista tecnico, è davvero molto incisivo. Rifacendosi al Maestro Andrea Pazienza (che a sua volta strizzava l'occhio a Robert Crumb di Fritz il gatto) ci mostra i personaggi come degli animali antromorfi con tanto di guanti alla Disney. Così i poliziotti sono dei maiali (altra citazione di Crumb), Il giornalista è un topo, il fumettaro una lontra, Federico è un giovane gatto con la coda e non mancano paperi, papere e tutti gli altri animali, come se fossimo, a volte forzatamente, in una fattoria di orwelliana memoria. In conclusione ci sono due modi per approcciarsi a questo volume. Un modo è quello che ci indica Giacomo Michelon, disegnatore di Lupo Alberto, quando alla notizia dell'uscita del libro dice: "Va preso se non altro per motivi politici, poi magari si rivela anche un gran bel fumetto". Il secondo modo è invece quello leggerselo con "critica coscienza sociale", che non è di destra ne di sinistra, perchè quello che è accaduto a Federico non accada nuovamente. I ringraziamenti si concludono con "è un omaggio al coraggio delle madri, all'impegno degli amici e dei compagni, è un atto d'amore per i padri", ovvero dimenticandosi forse un pò di Federico e concludendosi come è stato il libro, forse intenso, ma fuori fuoco infine rispetto al protagonista principale della faccenda. Sottotraccia, tra i dialoghi del libro, Federico è accostato a Pinelli e a Carlo Giuliani. Ma Federico è stato vittima della violenza insensata e assolutamente ingiustificabile di quattro poliziotti, e in quello che di tragico gli è accaduto non vi è alcuno sfondo politico. E forse il caso meritava un giornalismo a fumetti meno di pancia e maggiormente scevro di interpretazioni di parte, proprio perchè, nonostante la Polizia non sia composta tutta da "maiali", come quei quattro poliziotti, questa tragica fine sarebbe potuta capitare a chiunque si fosse trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato, anche  ad un "maialino", figlio di poliziotto.

Il libro è uscito prima della sentenza in primo grado. Il 6 luglio 2009 il tribunale di Ferrara, giudice Francesco Maria Caruso, ha condannato a tre anni e sei mesi i quattro poliziotti accusati di eccesso colposo nell'omicidio colposo di Aldrovandi. I quattro condannati, grazie all'indulto varato nel 2006, non sconteranno la loro pena. [g.m.]

Titolo: Zona del silenzio

Testi: Checchino Antonini

Disegni: Alessio Spataro

Editore: minumum fax

Pagine: 172 pagine b/n

Prezzo: € 15,00

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:826 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1348 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1034 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1222 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1166 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:663 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3995 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto