Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

STEAM!PRESS

cover_steam1_copia

di Francesco Murrone

Si affaccia sul panorama italiano una nuova e produttiva realtà editoriale.

Steam!Press con i titoli “Steam!Magazine”, “Vincent De Ville” e “Ant Hill”, aiutata dal lavoro degli studi 2031 e rck015, mira a trovare un suo pubblico ed affermare con forza la sua presenza, oltre che sul proprio territorio, anche su scala nazionale.

Vincent De Ville, protagonista di una delle tre testate prese in analisi, è un impiegato aziendale dal passato misterioso affetto perennemente da depressione e profonda insicurezza; ad aiutarlo nella soluzione dei misteri, che di episodio in episodio è chiamato ad affrontare, ci sono il gioviale Jordan Bux e il tenebroso magnate Jonathan Max. Sul palcoscenico di un futuro non troppo lontano e per niente luminoso, il protagonista indaga sulla creazione di una misteriosa macchina in grado di nullificare l'universo, attivata da qualche parte proprio nella megalopoli in cui vive.

Stesso tipo di infausta prospettiva futuristica si ha nella  più recente  AntHill, storia dai toni dark che vede l'umanità rifugiarsi nel sottosuolo per sfuggire agli insetti che hanno ormai completamente colonizzato la terra. I protagonisti dell'avventura sono Tom e Diane, giovani cacciatori di taglie alle prese con un ricercato su cui pende una considerevole ricompensa; quel che i due ragazzi non sanno è che si trovano di fronte ad un osso duro che è in grado, da solo, di mettere in crisi gli interessi della cerchia oligarchica di industriali che fa il bello e il cattivo tempo ad AntHill.

Steam!Magazine, poi, rappresenta la “rivista contenitore” della proposta editoriale di Steam!Press; Con “Suicides”, “Godless”e “Pozzi Perduti” il filone narrativo esplorato è abbastanza eterogeneo, si passa in tempi brevi dall'introspettivo, al cyberpunk, fino al fantasy cosmico, senza contare l'ironia de “Il telecrate”e di “Quarto d'ora accademico”.

Gli autori di punta della casa editrice Phab Postini, Riccardo Fiorini e “Marfisia” portano avanti le proprie storie per riuscire a prendere una cadenza editoriale meglio definita; ognuno di essi entra in analogia con grandi archetipi del fumetto italiano ed internazionale.

Vincent De Ville, ad esempio, attinge fortemente dal bonelliano Dylan Dog,  cui viene fatto omaggio con la caratterizzazione grafica del personaggio di Jonathan Max, o da Nathan Never, dato che per la messinscena della sua storia Postini ha descritto una megalopoli futuristica dai contorni non sempre sereni, proprio come nel cult creato da Medda, Serra e Vigna.

Ant Hill ricorda molto, per atmosfera e sistema dei personaggi, Blade Runner di Ridley Scott. Nel primo episodio ("Cieli d'acciaio”), Riccardo Fioroni pone degli interrogativi tutti da risolvere e descrive l'antagonista come una figura affascinante e piena di carisma che ha ancora tanti misteri da svelare, mettendo i protagonisti nel rischio di passare in qualunque istante da cacciatori a prede!

Naturalmente, come ogni nuova realtà editoriale che si rispetti, la "Steam!Press" deve ancora superare una serie di limiti e di ingenuità. Gli editoriali, resi con un lessico ed una forma non troppo ricercati e note scritte di getto durante notti insonni (come candidamente ammesso nel primo episodio di AntHill), danno l'impressione di un progetto editoriale alla ricerca di un contatto quasi intimistico con i propri lettori che, oltre a limitare di molto la gamma dei possibili fruitori, finisce per essere una sintesi di storie senza troppe pretese, poco chiare e poco avvincenti. La veste grafica non si può definire originale nè accattivante e tanto meno possono essere considerati tali regia e soggetti. Tuttavia fermarsi a tali considerazioni rischierebbe di rivelarsi una critica assolutamente distruttiva ed infruttuosa, invece l'iniziativa ha degli assi nella manica in grado di portare in tempi brevi il progetto su di un percorso professionale dignitoso.

Steam!Press, presente sui cataloghi dei distributori nazionali Alastor e Pan, è da considerarsi come una grossa opportunità di confronto, in primo luogo con un mercato del fumetto italiano da sempre "in crisi" ed in secondo con i gusti di un pubblico sempre più esigente, ma allo stesso tempo attento e sensibile alle novità.






 

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:822 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1340 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1024 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1215 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1158 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:662 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3994 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto