Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Raise the Dead

raisethedeaddi Vittorio “Skull” Fabi
Chi vuole una robusta dose di azione zombie?
Devo confessare una cosa: come mi succede per i comics in genere quando si parla di horror non sono un grande estimatore delle scrittrici.
Tranne rarissimi casi (e no, decisamente non è il caso di Anne Rice o della Stephanie Meyer di Twilight) trovo che certe atmosfere e ambientazioni siano più nelle corde degli scrittori, che certe storie per funzionare necessitino di una sensibilità più maschile che femminile: è puro sciovinismo d’altri tempi, me ne rendo conto, ma la testaccia mi funziona così e posso farci ben poco se non cercare di superare certi pregiudizi quando credo che ne possa valere la pena.
E qualche volta succede: come per Raise The Dead, di Leah Moore (figlia di Alan Moore, ‘nuff said) e di suo marito John Reppion.
Ora, sarà che forse l’impostazione dell’opera viene proprio da quest’ultimo, che fra i due è quello appassionato di zombie da una vita (e qui sento risalirmi sulle spalle la scimmia sciovinista), o sarà invece la splendida impronta genetica impressa nei geni di Leah, fatto sta che la storia puramente romeriana di Raise The Dead funziona a meraviglia.
Non vi aspettate particolari elucubrazioni psicologiche o deviazioni sensibili dal seminato classico; gli zombie sono quelli più impressi nell’immaginario collettivo: lenti, istintivi, inarrestabili ma soprattutto tanti e affamati, con il tocco di classe degli occhi rossi che brillano al buio (che in un’ambientazione notturna fanno la loro porca figura), mentre i protagonisti sono per la maggior parte figure archetipali del genere zombesco tratteggiate sia dal ruolo che ricoprono nella vicenda che dall’abile uso dei flashback.
Il piatto forte della vicenda è l’azione, secondo il collaudatissimo ma sempre efficace canovaccio dell’assedio dei morti viventi all’ambiente tipico della vita di tutti i giorni, causa la semplice fame e un più complesso istinto nostalgico a rifare le stesse cose che si fanno da vivi.
Cosa fareste se vi ritrovaste bloccati in una tavola calda con un’orda gemente di non-morti che non vede l’ora di entrare e divorarvi?
Se la vostra voglia di zombie è sempre alta, i tipacci di Saldapress e la loro Collana Z sono una sicurezza monolitica.
Titolo: Raise The Dead
Testi: Leah Moore e John Reppion
Disegni: Hugo Petrus
Editore: Saldapress
Pagine: 108 pagine a colori
Prezzo: € 12,50

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:471 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2315 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2434 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1500 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2448 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1677 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2064 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto