Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Terminal City

terminalcitydi Sergio L. Duma

La Planeta DeAgostini ci propone una miniserie Vertigo d'annata di Dean Motter e Michael Lark, ambientata nella "città diagonale": un fumetto d'autore quando ancora non si parlava di Graphic Novel

Quando Karen Berger decise di varare la linea editoriale Vertigo, destinata ai prodotti più adulti e trasgressivi della DC Comics, inizialmente incluse in tale divisione serials già esistenti, come SANDMAN o HELLBLAZER,  e tutti più o meno caratterizzati da atmosfere horror o fantasy. In seguito, però, la Berger diede spazio anche a fumetti che non rientravano nei sopraccitati generi, spaziando quindi dalla science-fiction al western, dalle storie di guerra a quelle satiriche. In questo interessante ventaglio di proposte, ce ne furono alcune che potremmo definire inclassificabili. Ed è il caso della miniserie di nove numeri TERMINAL CITY, di Dean Motter e Michael Lark, recentemente raccolta da Planeta De Agostini in un unico volume. Dean Motter è senz’altro uno degli autori più anticonvenzionali dei comics americani, noto per uno dei migliori fumetti indie di sempre, MISTER X, e anche per aver lavorato in ambito discografico alla CBS, nonché come designer e autore di copertine per gruppi rock come Motorhead o Loverboy. Il suo TERMINAL CITY non fu un grande successo di vendite ma ottenne numerose nominations ai prestigiosi premi Eisner e Harvey e suscitò l’ammirazione di autentiche leggende dei comics come Howard Chaykin. Riassumere (o descrivere) TERMINAL CITY è impresa ardua. Potremmo definirlo un fumetto fantascientifico, dal momento che la storia è ambientata in una città futuribile (Terminal City, appunto) o, per essere più specifici, una ‘città diagonale’ (chi leggerà il fumetto capirà), popolata di robots tuttofare e di uomini che potrebbero essere usciti fuori da un romanzo cyberpunk. Ci sono invenzioni come l’Elettrocaina, una droga che è un mix tra una scossa elettrica e la cocaina, o il Videoscopio. Insomma, si possono riscontrare echi di William Gibson o di Burroughs (che appare in una vignetta!); tuttavia, al di là del labile sfondo sci-fi della trama, il tono della narrazione è fortemente debitore della narrativa noir e delle storie pulp degli anni trenta/quaranta del secolo scorso. Ed è questo l’aspetto più intrigante dell’opera: i personaggi di TERMINAL CITY sono artisti stile Houdini, un tempo noti per le loro imprese, resi obsoleti dai cambiamenti delle mode e dei gusti. Molti non sfigurerebbero nei classici fumetti americani di Eisner, Kurtzmann o Gould: abbiamo, infatti, equilibristi che si fanno chiamare la Mosca Umana; affascinanti giustiziere mute; aristocratici orientali coinvolti in intrighi complicati; sicari al soldo di una gangster albina; insomma, characters e concetti che ci fanno pensare all’estetica pulp, rivista in un’ottica post-moderna. Ma non mancano neanche tocchi di surrealismo lynchiano (a Terminal City si aggirano persone affette da strane forme di sonnambulismo che consentono loro di camminare sulle superfici dei grattacieli o altre che sognano tramite altri sognatori!) o un pizzico di esoterismo (le varie trame e sottotrame di TERMINAL CITY sono incentrate sugli occhi del profeta Nostradamus trasformati in gioielli che conferiscono poteri incredibili a coloro che ne entrano in possesso). La storia è complessa e richiede una particolare attenzione nella lettura; ma tutto scorre velocemente e in modo piacevole, con una notevole dose di ironia, senza scadere in pesanti intellettualismi d’autore. TERMINAL CITY, con la sua marea di citazioni ‘pop’ e di caleidoscopiche invenzioni linguistiche e narrative, è decisamente divertente. La parte grafica è ben rappresentata da Michael Lark (noto ai più per la serie noir GOTHAM CENTRAL della DC e per DAREDEVIL della Marvel, entrambe da lui realizzate insieme al celebrato Ed Brubaker), qui ai suoi primi passi fumettistici. Lark ha compiuto un lavoro egregio, con un tratto grafico, però, meno ‘sporco’ e ‘oscuro’ di quello utilizzato nelle storie del Diavolo Rosso, ma altrettanto efficace. Nel complesso, TERMINAL CITY è un fumetto di qualità, piuttosto diverso dalla media, una lettura consigliata.

Titolo: Terminal City

Testi: Dean Motter

Disegni: MIchael Lark

Editore: Planeta DeAgostini

Pagine: 232 pagine colori

Prezzo: € 16,95


Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:489 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2332 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2443 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1514 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2463 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1696 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2083 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto