Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'astro nascente di Zigo Stella, intervista a Maurizio Rosenzweig

mauriziorosenzweigdi Francesco Murrone

Dopo l'ultima intervista, risalente a quanche mese fa, torna a trovarci sulle pagine virtuali di fumettodautore.com Maurizo Rosenzweig, il talentuoso fumettista ci parla a quattrocchi del personaggio da lui creato per fronteggiare le sfide narrative del  nuovo decennio...

In “Zigo Stella” avviene di fatto un passaggio di testimone importante: chi è questa tua nuova incarnazione creativa che all’improvviso sembra adombrare il tanto amato alter ego Davide Golia?

Zigo è fatto di muscoli, quelli forti. Sono chili in più di massa magra ben nutriti di aminoacidi. Davide Golia è venuto fuori da un momento in cui era necessario uno sguardo esterno, non tanto sul disegno quanto sui disordini sentimentali e sul desiderio di crescita di un trentenne.

Sentivo che quel momento era passato, che forse potevo usare come setaccio per l’inconscio l’immaginario stesso, e non un riflesso autobiografico.

Zigo è fatto di tutt o quello che mi piace e di quello che ho scoperto lavorandoci. Zigo è più in gamba di Davide, e nonostante sia uno zombie con un occhio bianco e un braccio alieno, è anche più sano.

È il ragazzino che se passa di fianco a un campo di basket e vede dei ragazzi giocare, si unisce alla partita senza farsi menate. E’ quello bravo ad andare in skate anche se non lo fa tutti i giorni, ma è anche quello un po’ frana con le ragazze che gli piacciono, perché quelle fanno sempre più paura, ma sa comunque che non si può piacere a tutti. Ha una sua etica, ma Epica e Drammatica con misura, perché comunque ha qualità che lo rendono consapevolmente superiore.

Davide è sempre lì attorno, comunque, con tutta la sua cosmogonia di personaggi. Incontra Zigo ma non si piacciono troppo. Sono diversi e non lo nascondono.

La psicologia modFoto_671erna legge l’atto del tagliare i capelli come il sintomo di un malessere zigo_corr_22interiore, la narrativa antica co me un’irreparabile perdita di forza e tenacia; cos’è successo a Davide Golia, cosa significa per il personaggio perdere la sua folta chioma?(o in altre parole “dottore è davvero così grave”?)

Davide si è tagliato i capelli perché era stufo di sentire gente che continuava a dirgli di assomigliare a me. Li ha tagliati in modo un po’ isterico, uscendo di scena arrabbiato ne “L’AMORE COLPEVOLE”, come quelle donne rancorose verso un ex amante che decidono di far partire dal colore o dalla lunghezza dei capelli la loro rinascita spirituale. A pensarci bene, anche questa è un ulteriore conferma dell’enorme e procace lato femminile di Davide, che crede che quello femminile sia l’unico terreno sul quale misurare sé stesso. Infatti è solo per amore delle donne che cambiamo, o ci mettiamo in discussione. Per Davide l’amore romantico è anche un esercizio di presenza, un atto di concreta partecipazione all’emotività delle donne che avvicina. Si sa che per frequentare il mondo femminile bisogna anche essere abili ad ascoltare, e per fare questo bisogna essere vigili, e pronti alla risposta. In Zigo Stella lo vediamo per la prima volta con i capelli corti che lavora come archivista nella biblioteca della prima colonia terrestre su Marte e sentiamo che parla di sua figlia. In qualche modo ha perso una certa virilità battagliera, ma ne ha acquisita una da padre di famiglia. La madre di Stefania è Satanella, una principessa infernale che per ovvi motivi non ha potuto seguire la crescita della figlia che ora ha 18 anni. Davide non è più “figlio”, ma genitore. Credo che si sia tagliato i capelli anche per un’idea di ordine. In Zigo Stella conosciamo anche il suo carattere nuovo, meno poetico e più pratico. Anche un po’ più irascibile e determinato.

zigo_corr_26 Da un lato allegoria, intertestualità e sperimentazione grafica sottolineano il carattere artisticamente maturo dell’opera, dall’altro l’età, le caratteristiche ed il percorso del protagonista principale aprono ad un ampio target  di neofiti.  Chi è il tuo lettore ipotetico e che reazione ti aspetti a questa molteplicità di stimoli a cui lo sottoponi?

Non credo che il lettore debba essere considerato, quando si inizia a scrivere. Certo…scriviamo per instaurare un rapporto con chi vorremmo ci leggesse, ma se partissimo con l’idea di fargli qualcosa di gradito ne perderemmo in autenticità. E anche in onestà nei suoi confronti. Secondo me ci sono troppi lavori pensati solo in modo da essere venduti che non hanno cuore, e che alla fine non si desidera rileggere. Sono quelle operazioni commerciali che rimangono legate al momento nel quale escono, diventando datate con il susseguirsi delle mode. Mi viene in mente il Grunge, come esempio. Penso che sia il limite di tutti i prodotti derivativi. L’unico dogma deve essere la leggibilità. Che sia chiara la forma che usi per quello che vuoi dire. Il resto deve venire dritto dal desiderio di quello che si vuole raccontare. Non so bene chi sia il mio lettore, perché non so mai bene che stile di scrittura usare o che forma dare alle cose che racconto; sono uno sprovveduto da questo punto di vista e quello che penso vale esclusivamente per me. Con nessuna pretesa di salire su di un pulpito. Certo…questo non mi aiuta a tracciare delle coordinate precise nelle quali localizzare il mio pubblico. Spero che sia simpatico, e che sia indulgente con i miei limiti e che abbia voglia di leggermi e parlarmi.

L’universo narrativo di cui ci racconti esiste sotto il bene placido della buona stella di Gene Simmons la cui figura fa capolino come icona culturale, divinità ed abitante di inquietanti realtà alternative. Hai mai temuto qualche problemino di natura legale?

Ho conosciuto il Sommo Simmons a Milano nel 2004. È stata una giornata incantevole. Il rischio era scoprire uno dei propri miti un personaggio antipatico e scorbutico, un’esperienza che avrebbe minato un rapporto ormai trentennale con la mia colonna sonora quotidiana. Invece è un figo assoluto. E non mi importa nemmeno essere lucido su questa cosa. Ho deciso di adorarlo e basta. Lui e Britney Spears, la donna più bella della Terra, dopo Monica Vitti, certo. Comunque no, per ora ( ultime parole famose?). Nessun problema. Dipende anche in che percentuale utilizzi la Sacra Effige. Non puoi usarla per la copertina di un libro, ad esempio, perché sarebbe una manovra a scopo di lucro. Se ne disegni parti all’interno, è considerata cultura popolare. Il prossimo che vorrei incontrare è Chuck Norris, un personaggio cardine del mio immaginario fin da quando a 12 anni ho iniziato a fare karate. E poi Stallone, anche se è una di quelle cose tanto meravigliose che uno fa tipo in punto di morte.

zigo_corr_29

In Zigo approfondisci il tuo punto di vista sulla cultura dell’easy download, della non socialità, della religione take away; il nerd diventa addirittura un virus letale per il mondo della fantasia.
Dopo che negli ultimi dieci anni la storia recente del fumetto italiano si è spostata su forum, siti e blog credi si possa sperare in un ritorno sulla pagina stampata?

Mi piacerebbe. Mi piacerebbe che la gente tornasse a parlarsi tranquillamente al bar. Offrendosi birre e guardandosi in faccia. Annusandosi e imparando che le parole hanno un peso. Un valore. Se non da amiche, almeno rispettandosi. Mi piacerebbe.

zigo_corr_28Anche la figura del critico fumettistico non viene risparmiata dalla tua irriverente e dissacrante ironia; mi rivolgerai ancora la parola dopo questa intervista?

Certo! Io non sarei in grado di fare il critico. Leggo solo le cose che penso mi possano piacere. Se una cosa non mi interessa, non la leggo. Con tutti i limiti che questo atteggiamento comporta. Perciò non saprei di che parlare. Non avrei davvero gli strumenti per valutare il lavoro di un altro. Faccio già fatica con il mio. Però se a te piace fare il critico, fallo. Bada solo a non condizionare le idee di nessuno e a non ferire chi magari ha passato anche un anno a lavorare ad un fumetto. Magari sarà anche brutto fumetto, ma sarà sempre stato un lavoro faticoso.

E la fatica è fatica. Per tutti.

zigo_corr_23

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:768 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:669 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2534 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2650 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2218 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2665 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1881 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto