Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Dylan, Demian, Cassidy e gli altri: intervista a Pasquale Ruju

cassidy01di Attilio Capuozzo

D: Ciao Pasquale e benvenuto su Fd’A.

Iniziamo dal N.300 di Dylan Dog. Dopo Tiziano Sclavi e Paola Barbato è toccato a te scrivere un albo celebrativo dell’ Indagatore dell’Incubo.

Come è nata l’idea del Soggetto? Quanto hanno influito le eventuali direttive della Redazione sullo sviluppo creativo del’albo?

R: Come tutti i numeri celebrativi, il soggetto è stato elaborato in stretta collaborazione con la redazione, cosa inevitabile quando si va a toccare la "mitologia" dylaniana. L'albo è quindi il risultato di scelte narrative condivise, ma al tempo stesso è assolutamente personale e "mio" nella stesura finale della sceneggiatura.


D: Cassidy è giunto quasi al termine; facendo il punto della situazione, che gradimento ha ricevuto dai lettori un personaggio “dall’altre parte della barricata” e dunque per molti versi così insolito nell’ambito della tradizione bonelliana?

E’ ovvio che ancora non ne conosciamo l’epilogo ma nel futuro Cassidy potrà riservarci in edicola delle sorprese?

R: Pur non avendo avuto le vendite di Demian, Cassidy si è ritagliato la sua bella fetta di lettori affezionati, e ha avuto un gradimento, da parte loro, forse perfino maggiore di quello del mio chevalier. Gradimento che si è palesato con numerose lettere, mail e interventi negli incontri con il pubblico. Di questo sono ovviamente molto felice. Non è previsto un seguito, per Ray, ma spero lascerà un buon ricordo della sua breve, spericolata epopea criminale.


D: I lettori possono ben sperare nel continuare a godersi ancora a lungo la lettura di altre gesta di Demian, lo chevalier della Fraternité?

R: Ci sarà un quarto speciale, che dovrebbe concludere definitivamente anche la saga di Demian, così come era stato previsto.


D: I Romanzi a fumetti Bonelli rappresentano il riuscito tentativo da parte della Casa di Via Buonarroti, di sperimentare nuovi formati editoriali rispetto all’esistente parco testate. Sono per così dire la risposta italiana, nell’ambito del fumetto da edicola, alla moda del Graphic Novel.Cosa ne pensi, Pasquale, di questo fenomeno e vedremo mai la tua firma in un Romanzo?

R: Ho un progetto in cantiere, ma forse vedrà la luce solo fra un anno o due. Personalmente sono entusiasta di questo formato, e spero che il suo successo spinga la mia casa editrice - e anche altre, perché no? - a regalarci sempre nuove storie.


D: Si parla tanto di crisi del Fumetto eppure case editrici come Bonelli e Star Comics stanno investendo in maniera continua e costante sulle miniserie che di fatto si sono imposte come il nuovo trend del mercato.

Le miniserie possono quindi considerarsi un valido strumento per rivitalizzare il mercato fumettistico?

R: I lettori hanno mostrato di apprezzare le miniserie. Penso diventeranno semplicemente un altro modo di proporre storie a fumetti, accanto a quelle storiche o ad altre di maggior respiro. Non credo che le sostituiranno, però. I lettori si affezionano ai personaggi e mal si rassegnano a perderli, come succede ad esempio per Cassidy. Ciò nonostante, da autore che ama confrontarsi con personaggi e generi diversi, trovo che una mini sia il formato ideale per un mio progetto narrativo.


D: A partire soprattutto dalla metà degli anni ’60, illustri esponenti dell’intellighenzia, Umberto Eco, Oreste del Buono, Elio Vittorini (giusto per citare pochi nomi), si sono impegnati per il giusto riconoscimento di dignità e spessore culturale al medium Fumetto che fino ad allora era stato per troppe volte oggetto di facili censure e immotivate mortificazioni. In Italia, ancora oggi, alcuni intellettuali e benpensanti ghettizzano il Fumetto e storcono il naso al sentire termini come Nona Arte, Arte Sequenziale o Letteratura Disegnata. Come te lo spieghi questo atteggiamento snob?

R: È il retaggio di un modo di pensare superato, oltre che di semplice ignoranza nei confronti di un media che ha dato vita a tanti capolavori letterari, in tutto e per tutto degni di stare accanto ad altre forme narrative. Per fortuna, poco alla volta, le cose stanno cambiando.


D: Tra le diverse serie lunghe attuali, quali sono quelle che riscontrano un maggior gradimento tra i lettori?

R: Tex e Dylan Dog, credo, poi Julia, Nathan Never e tutte le altre a seguire.


D: Nel corso dell’ultima edizione del Comicon di Napoli si è parlato di fumetti multimediali realizzati espressamente per inuovi dispositivi mobili, gli Smartphone e i Tablet. Siamo di fronte a prodotti che integrano immagini, testo, animazioni, filmati e colonne sonore. Qual è il tuo atteggiamento verso questo nuovo modo di fruire il Fumetto e saresti propenso a creare qualcosa per queste nuove tecnologie?

R: A parte il mio personale feticismo verso il fumetto cartaceo, guardo con interesse allo sviluppo di opere in digitale. Anche per la possibilità di accedere a nuovi mercati, e far scoprire i comics in paesi che non godono di una distribuzione simile alla nostra. Lavorarci in futuro? Perché no?


D: Quando Pasquale Ruju sveste i panni di sceneggiatore, con quali letture fumettistiche è solito impegnare il suo tempo libero?

R:Sono un lettore assolutamente onnivoro, anche se riconosco di avere qualche difficoltà con la lettura dei manga, al contrario. Questione forse di generazione... Ultimamente, personaggi Bonelli a parte, leggo parecchio materiale Vertigo, e sul fronte italiano amo molto le storie di Makkox.


D: Chi sono i tuoi fan più accaniti nell’ambito strettamente familiare?

R: Nessuno dei miei familiari è un gran lettore di fumetti, ma fanno una eccezione per il sottoscritto!


D: Di chi è innamorato Pasquale Ruju? Di un personaggio che ha già scritto, di uno che sta scrivendo o del personaggio che dovrà ancora scrivere?

R: Sempre di quello ancora da scrivere.


D: Pasquale, parlaci un po’ dei tuoi progetti futuri. Continuerai a scrivere per Dylan Dog? Per quali altri personaggi vedremo la tua firma?

R: Lavorerò su Tex e Dylan Dog, soprattutto, con qualche digressione in ambito cinematografico, e forse un romanzo a fumetti. Poi si vedrà.


D: Giunti alla conclusione dell’intervista, ti ringrazio per la simpatia e disponibilità e lascio il palcoscenico a tua completa disposizione per dire ciò che vuoi ai lettori di Fumetto d’Autore.

R: Un saluto a tutti, con l'augurio di un anno pieno di buone letture!


Intervista realizzata con la collaborazione di Marcello Capuozzo.

Magazine

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:569 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:626 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:760 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:850 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:414 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3749 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3580 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto