Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

«Ci sentiamo tutti figli di Hugo Pratt»

pratt-rapisardadi Antonio Rapisarda*
 
«Ma da che parte sta Corto Maltese?» si chiedeva qualche tempo fa Umberto Eco. «Be', dalla nostra» rispondono i ragazzi di CasaPound che al personaggio tracciato dalla matita di Hugo Pratt dedicheranno un incontro il prossimo 14 gennaio, assieme al giornalista e attento conoscitore dell'artista veneziano Maurizio Cabona e allo scrittore Roberto Alfatti Appetiti, dal titolo evocativo "Camerata Corto Maltese".  
 
Quella tra il mondo di una certa destra e il marinaio avventuriero che ha solcato i mari del XX secolo è un'attrazione antica: già il Fronte della gioventù utilizzava la creatura di Pratt come motivo iconografico per salutare (senza rimpianti) la fine della Prima Repubblica e facendo recitare a Corto l'adieu alla «Balena bianca che non tornerà». Ma è trasversale l'arcipelago di chi ha avuto a che fare con Corto: dai radicali, i quali erano e sono appassionati alla vocazione libertaria delle storie del marinaio a tutto il mondo della cultura alternativa, Andrea Pazienza su tutti.
 
Corsi e ricorsi storici, proprio il personaggio immaginato dall'ex marò della Decima continua a essere più che attuale per descrivere la stagione politica che proprio oggi sta salutando la Seconda Repubblica e sta ponendo nell'orizzonte una nuova soggettività che sembra sposarsi a perfezione con le caratteristiche di Corto. Vuoi per la fascinazione che l'avventura - assieme all'evasione e alla "ricerca" - ha sempre suscitato nel mondo della destra e non. Vuoi anche perché il ribelle nell'immaginario generazionale continua a rappresentare un topos non solo letterario ma esistenziale. Ecco allora che, come Corto Maltese, sono in tanti, a proposito del destino, ad avere inciso sulla pelle la propria "linea". Perché è evidente come l'avventura politica nata dal gesto di ribellione di Gianfranco Fini abbia riaperto il gusto del viaggio.
«Sì, in effetti è proprio la nostra vicenda», afferma Benedetto Della Vedova, vicepresidente dei deputati di Fli, «diversa dall'impostazione culturale che sta emergendo nel Pdl che è quella dell'incapacità di guardare avanti e la necessità invece di guardarsi indietro e di immaginarsi una retorica di una società che non c'è più e che non era nemmeno nel bel mondo andato». Il protagonista di Pratt invece per l'esponente "radicale" di Fli «aveva in sé l'idea di uno che guarda sempre avanti senza bisogno di consolarsi, senza il confronto delle cose note. Ecco questo è il senso non solo del nuovo centrodestra ma di tutta la politica: avere il coraggio di guardare che cosa accade nella società e partire da lì, dalle cose che non conosci bene e che possono essere apparentemente meno rassicuranti. Questa è la via attraverso la quale un posto come l'Italia può avere un futuro, non è rimpiangendo l'Italietta di Fanfani». È il viaggio, dunque, a rappresentare la categoria che si sposa al meglio con le nuove esigenze di un quadro politico in evoluzione. «Superare, oggi come ieri, le colonne d'Ercole» è per Alberto Arrighi, dirigente milanese di Fli, non solo l'elemento che più lo affascina di Corto ma è quello su cui occorre basare ogni esperienza politica: «Se Corto Maltese è il novello Ulisse, noi stiamo compiendo un lungo giro. Il viaggio in quanto tale ci permette poi il ritorno a Itaca ma adesso abbiamo la necessità si proseguire su un lungo terreno di ricostruzione della politica italiana. Ragion per cui per il momento navigare è necessario». Eppure fino a quindici anni fa c'era chi scriveva dell'assoluta incompatibilità tra Corto e il mondo della destra. Sul Corriere della Sera, ad esempio, il motivo era il seguente: che Corto «era antirazzista, schierato per la libertà etnica, religiosa e di pensiero». Ma questo «è esattamente ciò che siamo - spiega Arrighi - ed è il risultato del percorso fatto da questo mondo che ha cominciato a interrogarsi un sacco di anni fa su quelli che dovevano essere sui compiti e il rinnovato ruolo da giocare». Meccanismo che ha avuto il via «con le grandi intuizioni del mondo giovanile degli anni '80 quando ci impegnammo a rompere il meccanismo dell'esclusione e, peggio, dell'autoesclusione».
Proprio di quella esperienza è frutto Fabrizio Crivellari - ex militante del Fronte e autore della maglietta del "gesto" di Fini rivolto a Berlusconi "Che fai mi cacci" - per il quale «Corto Maltese è avventura, e chi si mette in questo momento in cammino, chi ha fatto questo passaggio è segnato dallo spirito d'avventura». Anche perché «come dimostra l'avventura politica che abbiamo scelto, sai che cosa lasci e non sai cosa trovi e tutto ciò è molto Corto Maltese». Il fatto poi di trovarsi in cammino «è un ulteriore elemento che ci avvicina a personaggio di Pratt che è contaminato, contamina a sua volta e si fa contaminare. Che cosa c'è di più bello di poter prendere senza nessun complesso il meglio dell'altro e portarlo con sé?». Tolleranza, avventura, spiritualità e libertà. Elementi che per Antonio Buonfiglio, deputato di Fli, «sono i punti cardinali sui quali si basa la vita avventurosa di Corto e proprio su questi noi abbiamo da sempre inteso fondare l'azione politica». E rispetto al tipo umano che emerge da questa "storia" «c'è una frase di Corto che reputo indicativa di una visione del mondo: "So soltanto che ho una naturale antipatia per i censori". Ecco questo mi sembra un altro dei motivi per i quali il personaggio di Pratt non solo continua a essere un punto di riferimento culturale ma ci consegna anche uno dei temi per la nascita Terza Repubblica: la fine dell'età delle sterili contrapposizioni».
 
*Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 31/12/2010 su Il Secolo d'Italia. L'articolo è tratto dal blog del giornalista Roberto Alfatti Appetiti.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:831 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:676 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2544 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2660 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2235 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2671 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1888 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto