Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Corto Maltese Marinaio e Camerata

cortopaintingdi Giorgio Messina

«Ma da che parte sta Corto Maltese?» si chiedeva qualche tempo fa Umberto Eco. «Be', dalla nostra» rispondono i ragazzi di CasaPound che al personaggio tracciato dalla matita di Hugo Pratt dedicheranno un incontro il prossimo 14 gennaio, assieme al giornalista e attento conoscitore dell'artista veneziano Maurizio Cabona e allo scrittore Roberto Alfatti Appetiti, dal titolo evocativo "Camerata Corto Maltese".

È da questo promemoria per un incontro dedicato a Corto Maltese, raccontato in apertura dell’articolo di Antonio Rapisarda, prima apparso sul Secolo di Italia, e successivamente rilanciato anche da noi di Fumetto d’Autore, che iniziano i maldipancia di questi giorni per una parte del fumettomondo.

Giù le mani da Corto – dicono i guardiani della tomba di Pratt e del Marinaio -. Cabona e Alfatti Appetiti non capiscono nulla dell’universo prattiano, nell’opera dedicata al capitano di lungo corso e di ventura non è possibile rilevare tratti “destrorsi”, perché Corto non è di destra e non è di sinistra, ma è di sicuro antifascista, quindi – sempre secondo la gendarmeria della memoria prattiana – va da sé che una collocabilità ce l’ha comunque e palesemente, una sorta di trasversalità tendenziosa.

Quindi accostare “camerata” a Corto sarebbe una baggianata bella buona, come sostengono i veri fini conoscitori del corpus prattiano, come si ritiene Alessandro Di Nocera, sedicente esperto di Fumetto la cui penna è in forza a La Repubblica, edizione di Napoli. Il giudizio tranchant del critico napoletano sull’incontro organizzato da Casa Paound a Roma e sui suoi relarori basterebbe dunque ad archiviare senza necessità d’appello la faccenda, se non fosse per due motiviazioni che invece sono sfuggite bellamente e banalmente ai difensori d’ufficio della buonanima.

Primo: “Camerata Corto” è una provocazione riuscitissima e prova ne è il fatto che immediatamente i sacerdoti prattiani (e con questo termine non mi riferisco a chi Pratt lo ha vissuto davvero, ma a chi lo ha fatto proprio perchè non dovesse essere di nessuno) si sono subito affrettati a cercare di sigillare il vaso di Pandora onde evitare l’apertura del sudario e l’appropriazione indebita e ignorante del Marinaio Corto e siccome lo sanno tutti che Pratt e Corto si confondono nello specchio delle avventure del Marinaio, appropriarsi di Corto equivarrebbe anche a usurpare la memoria del maestro di Malamocco, che tutto è stato in vita, se non appunto assolutamente inquadrabile. Trasversale senza ombra di dubbio ma senza sbilanciamenti alcuni, se non quelli dettati dal momento del suo umore. Corto e Hugo sono dove meno te li aspetteresti. Quindi “Camerata Corto” non solo è una provocazione riuscitissima ma nel suo essere completamente riuscita assurge a provocazione anche colta e raffinata. E qui arriva il secondo punto.

Secondo: I maestri dell’interpretazione del Maestro veneziano citano biografie prattiane, passi del corpus delle avventure del marinaio, a suffragio delle proprie tesi ma di Corto tralasciano, il particolare più importante della semantica prattiana - forse per miopia del parziale che fa l’universale che credono di conoscere come le Vestali conoscevano il Fuoco Sacro: Corto Maltese è un Marinaio.

Senza entrare in dotte citazioni prattiane, e per farla breve, Corto è un Marinaio, figlio di Marinaio cresciuto nella marineria dei suoi tempi che è quella modellata sulla tradizione inglese che si basa su quattro punti cardinali: Comando, Gerarchia Disciplina e Ventura. Corto, come Pratt nella sua adolescenza africana continuata poi anche nell’esperienza della gloriosa Decima Mas, è cresciuto con una chiara idea di cosa sia la linea di Comando, pur rifiutando poi in età adulta ogni nazionalismo e imperialismo. Perché le due visioni non sono esclusive l’una dell’altra. Per la tradizione marinaresca proveniente dall’infida Albione, scuola dei sette mari, il Capitano di Vascello è il padrone del destino della ciurma di marinai, con diritto di vita e di morte su di essi. Per chi non riesce a vivere in mare dentro la Gerarchia e con la Disciplina richiesta per fare equipaggio ci sono solo quei ferri corti che daranno vita al celebre detto arrivato sin da noi.

E Corto non è forse Capitano di Vascello, Comandante di Mare, anche lui? L’orecchino del marinaio non è vezzo, ma segno di una tradizione, così come il berretto e la cappotta inglese con i bottoni ad alamaro sulle maniche sono un segno distintivo di riconoscibilità tra Marinai. il Capitano, non è solo un “grado”, una professione, ma è una posizione sociale che raggiunta, dura tutta la vita.

Corto, dunque, in Favola di Venezia dice giustamente che non hai detto “viva qualcuno”, ma allo stesso tempo non si sarebbe mai potuto rifiutare di dire durante la sua formazione marinaresca “Agli ordini, Capitano” davanti a chi ha il diritto e il lignaggio poseidonico di essere chiamato così e diventato egli stesso Capitano non potrà non dare ordini ai suo equipaggio, perché è questa la prerogativa di un Capitano di Vascello. E si è Capitani anche quando non si ha una nave e un equipaggio da comandare.

In assenza di queste tratti distintivi Corto negherebbe irrimediabilmente il suo essere Marinaio. E negando ciò si sbriciolerebbe l’universo prattiano che sull’essere marinaio di Corto si fonda e si regge. Perché è vero che Corto è disincantato della vita perché conosce bene il mare, è vero che è allergico a qualunque “sistema”, ma non può rifiutare, essendo esso stesso Capitano, il sistema che lo ha reso tale: i dettami della tradizione marinara. Si badi bene, qui la tradizione e la gerarchia militare non c’entrano nulla, tanto che, ad esempio, durante le sue avventure a Corto non sembra suscitare praticamente alcuna reazione la morte ingloriosa del glorioso Barone Rosso. Qui si parla di marineria nell’accezione di una tradizione lunga venti secoli, patrimonio dell’umanità, genitrice dell’avventura e di Corto Maltese stesso.

Cantava De Gregori: “anche se su imbarchi diversi, saremo sempre due marinai”. E Corto è Marinaio e se incontra un altro marinaio non dovrebbe stupire che i due, davanti ad una bottiglia di buon rhum, alla luce della candela della peggiore bettola di porto, possano arrivare a scambiarsi un confidenziale “camerata”, perché su una nave si divide tutto, dalla salsedine, alla branda, al maldimare. Questo è il cameratismo di mare, che ha tradizione molto antica.

Ed è in questa continuità della tradizione marinaresca che ritroviamo in Corto che si appalesa la perla rara protetta da una dura scorza. Il perpetrare le tradizioni non è forse un valore di “destra” che si contrappone alle ideologie progressiste? E rinvenendo in Corto questo valore di “destra”, ci sembra doveroso aggiungere che quella rilevata è una destra moderna, che rifiuta il nazionalismo e l’imperialismo e che oggi in Italia è individuabile nella destra finiana. Quanto era già avanti Corto.

“Camerata Corto”, dunque non solo è una provocazione riuscita ed elegante, ma anche un suo perchè semantico e se lo si rifiuta è perché non si è mai davvero conosciuto il mare e le sue tradizioni.

Perché Corto e Pratt sono così. Sono di tutti e sono di nessuno, non sono di destra e non sono di sinistra, sono trasversalmente universali, combatterono per quello che ritenevano giusto e morirono come avevano vissuto senza rinnegare mai le loro tradizioni. E solo dei veri marinai li possono riconoscere come “camerati”.

A ciascuno il suo Corto Maltese.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:832 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1359 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1040 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1238 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1175 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:666 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:4003 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto