Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Moleskine 119 » Il futuro è dei fumetti anticlericali disegnati male

Moleskine #119

Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l'informazione di settore.

Il futuro è dei fumetti anticlericali disegnati male

di Conte di Cagliostro

Fateci caso. A eccezione di Don Zauker, i fumetti anticlericali italiani, così tanto di moda per ora, hanno tutti un minimo comune denominatore: sono disegnati male. Se l’ottimo Giuseppe Pollicelli di questi fumetti cerca di farne una analisi sociologica a più vasto raggio in questo articolo (che ha agitato non poco le anime belle e i soloni fumettofili dell’anticleracalismo a ogni costo), in questa sede invece ci cimenteremo nel delineare un altro tipo di analisi più prettamente critica, fumettologicamente parlando. Mi spiego subito: qui si sostiene la tesi che questi autori usano la satira anticlericale come un furbissimo cavallo di Troia dentro cui nascondere il loro scarso talento fumettistico, giustificandosi a doppia mandata in seconda battuta con l’altrettanto furbissima sedicente cifra stilistica dei “fumetti disegnati male”. Altresì, usano la satira anticlericale come uno scudo che li renderebbe immuni da qualsiasi critica in nome di quella libertà di espressione, la “loro” appunto, secondo cui questo manipolo di autori anticlericali può criticare la religione cristiana ma non può essere criticato per averne satireggiato a volte in modo fastidioso per chi ci crede. In estrema sintesi: vogliono farsi beffe della religione cristiana ma non vogliono essere criticati per questo. Uno strano cortocircuito nella libertà di espressione questo, a pensarci bene. Se li accusi che prendono in giro solo la religione cristiana ma si guardano bene di perculare l’Islam (o l’ebraismo), ti rispondono che “L’Islam in Italia non è un problema” oppure tirano in ballo Breivik come esempio di terrorismo cristiano da contrapporre all’Isis. Ovvero per tenersi a galla ideologicamente, mettono a paragone un pazzo isolato con un'intera organizzazione terroristica a livello mondiale di stampo religioso. Eh sì, perché siamo tutti Charlie finché a morire sono gli altri, ma mica possiamo pretendere pure che i fumettisti italiani anticlericali specializzati non siano pure dei bamboccioni.

Prendiamo ad esempio Davide La Rosa, uno degli esponenti “di spicco” del fumetto anticlericale italiano. È il cosplayer di un fumettista. Scrive male e disegna peggio e soprattutto è molto permaloso. Ovvero: si diverte a farsi beffe della religione cristiana e dei suoi credenti con le sue sagre di pupazzetti da bambino dell’asilo, ma non ama essere a sua volta beffeggiato. Quando abbiamo osato “restituire pan per focaccia” (QUI) al nostro da queste pagine, mal ce ne incolse. Per questo articolo QUI (e QUESTO), La Rosa arrivo addirittura ad accusarci di essere "cattivi e invidiosi" del suo successo. Eppure non gli mancano né i lettori adoranti, né editori disposti a finanziarne le imprese editoriali, nonostante il floppone da edicola di Suore Ninja targato Star Comics.

Si salva con più scioltezza Don Alemanno. Innanzitutto perché si prende meno sul serio. È meno “missionario” rispetto a Davide La Rosa. Disegna molto meglio in uno stile cartoonesco più pulito e funzionale al contesto e soprattutto riesce a strapparti un sorriso mescolando i meravigliosi anni ’80 ad una critica anticlericale molto più fumettosa e calibrata. In Don Alemanno è ampiamente palese l’intenzione di non offendere nessuno ma di divertirsi e divertire. Per Don Alemanno il mio apprezzamento è palese: scarsi mezzi grafici magari, ma intelligenza a pacchi.

In questa breve carrellata di genere (che non ha pretese encliclopediche avendo volutamente omesso qualcuno), veniamo infine agli epigoni più recenti di questa deriva anticlericale “disegnata male (e scritta peggio spesso)”, ovvero Daniele Fabbri e Stefano Antonucci, ovvero gli autori della cosiddetta trilogia di Gesù, pubblicata da Shockdom che ne raccoglie i volumi originariamente autoprodotti dagli stessi autori: un Gesù gay e bestemmiatore incallito è roba fuori tempo massimo che nel fumetto underground americano degli anni ’70 facevano meglio e con più cattiveria. Sicuramente però un buon affare editoriale per Shockdom, specializzato ormai in peones di successo alla Sio (ma sarà vera gloria? Lo scopriremo solo vivendo).

Amorale della fava: viviamo tempi interessanti e se siete disegnatori scarsi e/o scrittori mediocri, buttatevi nel fumetto anticlericale potrebbe diventare per voi un vero e proprio affare. Siete invece disegnatori con talento, che magari avete speso soldi in scuole di fumetto e master con autori affermati e che fate prove a destra e manca da qualche anno senza ancora ottenere lo spazio che meriterebbe il vostro talento? Ma chi ve lo fa fare! Il futuro potrebbe essere anche per voi il “fumetto disegnato male (e scritto peggio spesso)”. In fondo a fare un Gesù gay e bestemmiatore incallito si ottiene molto di più che a volere fare, chessò, fumetto di fantascienza o di avventura dove la storia, l'anatomia e prospettiva abbiamo ancora un senso. 

gesu shockdom01

Ps: mi raccomando commentate, condividete e cliccate, ché qui gli articoli li facciamo anche per questo motivo, oltre che per esprimere le nostre idee. Ah, che bella cosa la libertà di pensiero, quella per cui tu puoi prendere per il cuolo la mia religione e io posso prendere per il culo te che prendi per il culo la mia religione... Yeah!

Magazine

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:717 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:632 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:9594 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:11243 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:11489 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:11190 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:11315 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto